Pubblicità

Bulimia (068367)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 170 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Mary 20 anni, 28.11.2003

Sono una ragazza 20enne.Agli occhi di tutti sembro condurre un avita normale, In realtà da un anno soffro di bulimia.l l?anno scorso ho fatto una dieta per perdere qualche chilo ma in ttale tranquillità, ci sono riuscita ma poi ho ripreso peso.. ed ho cominciato ad assumere comportamenti sbagliati col cibo.
Alterno digiuni ad abbuffate seguiti da vomito auoto indotto.
La mia è una famiglia un po fredda, mio padre sempre assente e disinteressato, mia madre sempre fuori casa per lavoro..io ossessionata dalla voglia di essere in forma.. perche quando sono in forma sto bene con me stessa.. quando aumento di peso non vivo bene...
E' un incubo vorrei smettere, ogni volta che vomito piango perche so bene che mi sto distruggendo..ma non riesco ogni volta mi prometto che è l'ultima ma....!è un segreto nessuno lo sa...nessuno...ne tanto meno lo si dubita anche perche nonostante "getti "via quasi tutto quello che mangio non sono magrissima, sono alta 1.76 e peso 64..
il fatto è che non sono equamente distribuiti questi kili...c'è una certa discrepenza sugli arti inferiori, che sono piu robusti rispetto al tronco.
Questo per me è un complesso..che a volte mi induce a non uscire di dasa o ad indossare cappotti lunghi per coprire il difetto..
C'è da dire che la il rapporto con le mie rotondità è peggiorato in seguito ad una delusione affettiva che mi ha vista sostituita con un' altra, ma questo due anni prima che mi ammalassi.
Il mio è un appello disperato, davvero non vivo più...sto male e se penso a quello che faccio al mio corpo vorrei piangere, le torture che gli arreco..non avrei mai pensato di arrivare a questo punto.. vorrei tornare a vivere ..perche non vivo piu. aiutatemi!

In questo caso l'unico aiuto possibile è suggerirle di contattare uno psicologo per intraprendere una psicoterapia.
I disturbi del comportamento alimentare non vanno assolutamente sottovalutati. Intanto posso dirle che il suo BMI- 20,66-(indice di massa corporea) indica che lei è normopeso ( 18 sottopeso; da 18,5 a 24,9 = normopeso; da 25 a 29,9 = sovrappeso; da 30 a 34,9 = obesità di I° grado etc.), inoltre la informo che quanto più lei restringe la sua alimentazione tanto più è facile che si verifichino abbuffate che lei pensa di poter controbilanciare vomitando.
In realtà con il vomito non si eliminano che poche calorie. Di contro, però, a lungo andare può diventare molto pericoloso comportando numerose controindicazioni.
Insisto, quindi, sulla necessità di affrontare una psicoterapia. Credo, inoltre, sia utile parlarne con i suoi familiari o, comunque, con qualcuno che possa aiutarla a capire meglio cosa sta accadendo e per evitare di sentirsi abbandonata a se stessa in questa difficoltà.
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Nevrosi

Le nevrosi rappresentano un gruppo di disturbi che coinvolgono la sfera comportamentale, affettivo-emotivo e psicosomatica dell’individuo in assenza di un...

Controtransfert

“L’idea che il controtransfert rappresenti una creazione congiunta dell’analista e dell’analizzando riflette un movimento verso una concezione dell’analisi come...

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

News Letters

0
condivisioni