Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Bulimia (068367)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 156 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Mary 20 anni, 28.11.2003

Sono una ragazza 20enne.Agli occhi di tutti sembro condurre un avita normale, In realtà da un anno soffro di bulimia.l l?anno scorso ho fatto una dieta per perdere qualche chilo ma in ttale tranquillità, ci sono riuscita ma poi ho ripreso peso.. ed ho cominciato ad assumere comportamenti sbagliati col cibo.
Alterno digiuni ad abbuffate seguiti da vomito auoto indotto.
La mia è una famiglia un po fredda, mio padre sempre assente e disinteressato, mia madre sempre fuori casa per lavoro..io ossessionata dalla voglia di essere in forma.. perche quando sono in forma sto bene con me stessa.. quando aumento di peso non vivo bene...
E' un incubo vorrei smettere, ogni volta che vomito piango perche so bene che mi sto distruggendo..ma non riesco ogni volta mi prometto che è l'ultima ma....!è un segreto nessuno lo sa...nessuno...ne tanto meno lo si dubita anche perche nonostante "getti "via quasi tutto quello che mangio non sono magrissima, sono alta 1.76 e peso 64..
il fatto è che non sono equamente distribuiti questi kili...c'è una certa discrepenza sugli arti inferiori, che sono piu robusti rispetto al tronco.
Questo per me è un complesso..che a volte mi induce a non uscire di dasa o ad indossare cappotti lunghi per coprire il difetto..
C'è da dire che la il rapporto con le mie rotondità è peggiorato in seguito ad una delusione affettiva che mi ha vista sostituita con un' altra, ma questo due anni prima che mi ammalassi.
Il mio è un appello disperato, davvero non vivo più...sto male e se penso a quello che faccio al mio corpo vorrei piangere, le torture che gli arreco..non avrei mai pensato di arrivare a questo punto.. vorrei tornare a vivere ..perche non vivo piu. aiutatemi!

In questo caso l'unico aiuto possibile è suggerirle di contattare uno psicologo per intraprendere una psicoterapia.
I disturbi del comportamento alimentare non vanno assolutamente sottovalutati. Intanto posso dirle che il suo BMI- 20,66-(indice di massa corporea) indica che lei è normopeso ( 18 sottopeso; da 18,5 a 24,9 = normopeso; da 25 a 29,9 = sovrappeso; da 30 a 34,9 = obesità di I° grado etc.), inoltre la informo che quanto più lei restringe la sua alimentazione tanto più è facile che si verifichino abbuffate che lei pensa di poter controbilanciare vomitando.
In realtà con il vomito non si eliminano che poche calorie. Di contro, però, a lungo andare può diventare molto pericoloso comportando numerose controindicazioni.
Insisto, quindi, sulla necessità di affrontare una psicoterapia. Credo, inoltre, sia utile parlarne con i suoi familiari o, comunque, con qualcuno che possa aiutarla a capire meglio cosa sta accadendo e per evitare di sentirsi abbandonata a se stessa in questa difficoltà.
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Le parole della Psicologia

Efferenza

Il termine “efferenza” si riferisce alle fibre o vie nervose che conducono in una determinata direzione i potenziali di riposo e di azione provenienti da uno sp...

Demenza Semantica

Con la locuzione demenza semantica o SD (dall'inglese semantic dementia) si fa riferimento ad un particolare tipo di demenza frontotemporale il cui esordio è ca...

Castrazione (complesso di)

Insieme di emozioni, sentimenti e immagini inconsce fissate nell’adulto che non ha superato l’angoscia di castrazione. La riattivazione di questa paura repres...

News Letters

0
condivisioni