Pubblicità

Bulimia (070633)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 217 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Alice 18 anni, 1.03.2004

Io sono una ragazza che è sempre stata magra sin da piccola, ma poi da quando sono diventata donna le forme sui fianchi si sono fatte notare.
Io peso circa 58 kg e sono alta 1.64 e sono consapevole che non sia un peso eccessivo.
Ma ho iniziato a provocarmi il vomito e dopo un anno e mezzo sono riuscita a smettere, ma non di fare abbuffate di nascosto.
So i problemi di questa malattia e so anche cosa fa bene e cosa male alla mia salute.
Qualche mese fa sono riuscita a confessarlo alla mia migliore amica ma non mi è stata di grande aiuto.
Cerco di darmi delle regole ma non riesco a rispettarle e ogni volta mi pento e sto malissimo dentro; per me è diventata un ossessione, ma non riuscirei mai a chiedere aiuto ai miei, è impensabile, eppure vorrei guarire.
Vi chiedo aiuto sul piano psicologico perchè è una situazione che mi fa essere insofferente riservata e mi vergogno. Voglio tornare ad essere spensierata e a vivere la vita in pieno, con gioia.

Purtroppo quando si soffre di qualche distubo, come per esempio i disturbi del comportamento alimentare, l'unica cosa da fare è di rivolgersi ad uno specialista.
Le amiche possono solo starci vicino ma non hanno gli strumenti per poterci aiutare.
Quindi, se è vero che sa cosa è bene per lei, le consiglio di non perdere tempo perchè, oltre al fatto che vomitare è veramente molto dannoso per la salute, anche le continue abbuffate e, in sostanza il disagio di cui soffre, non sono da sottovalutare.
Mi rendo conto della difficoltà di dirlo ai suoi ma è non farlo forse le pregiudica la possibilità di affrontare una psicoterapia.
Il suo disagio non è uno scherzo, non si tratta di banali bizze di una ragazzina capricciosa, quindi ne tragga le dovute conseguenze. Non perda tempo.
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Nevrosi

Le nevrosi rappresentano un gruppo di disturbi che coinvolgono la sfera comportamentale, affettivo-emotivo e psicosomatica dell’individuo in assenza di una pato...

Burnout

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte q...

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia, mentre le altre componenti del linguaggio risultan...

News Letters

0
condivisioni