Pubblicità

Bulimia (08121999)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 191 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anna M., 37anni (8.12.99)

Innanzitutto buongiorno...vorrei porvi un paio di domande coincise,e perciò vi sintetizzo la mia attuale vita:sono sposata da 14 anni ,ho 2 figli maschi ,lavoro in ambienti piacevoli e la mia giornata è piena..Ho dovuto subire un'intervento ad una gamba ,niente di grave,ma la mia convalescenza a casa è stata di 20 giorni...In questo periodo sono stata malissimo,non solo per il dolore alla gamba ,ma sopratutto per gli attacchi di pianto e la depressione che non mi abbandonava mai..la notte mi alzavo e zncora mi succede per mangiare e la mia vita è completamente sbalestrata...premetto che il rapporto affettivo con mio marito è praticamente inesistente...vi chiedo potrà essere per questo motivo tanta depressione in casa e gli attacchi di fame???' grazie di cuore!!! Cara Anna,
da quello che racconta, sembrerebbe una persona molto attiva, sempre in movimento e sempre pronta a rendersi utile. Il suo intervento l'ha costretta, invece, a fermarsi e, questo, suo malgrado, l'ha messa di fronte a se stessa. Spesso l'attività frenetica o, una vita piena, come la descrive lei, possono nascondere una grande paura: la paura di sentirsi vuoti, abbandonati, soli, piccoli, inutili e indifesi, insomma la paura di guardarsi dentro, di scoprirsi, magari, completamente diversi da come avevamo sempre creduto o, ci eravamo sforzati, di essere. Lei è stata costretta a casa 20 giorni.....20 giorni di dolore..... in tutti i sensi ...dipendente...in una condizione che forse per lei è difficile da accettare. Comunque, deprimersi perchè si ha la sensazione di aver perso, anche se per un brevissimo periodo, la propria integrità fisica, la propria autonomia, è una reazione che, in sè, non ha nulla di preoccupante, come del resto, può non esserlo il cercare di alleviare il proprio stato d'animo, mangiando. Questo suo ammalarsi, però, forse, non è stato un caso, infatti la sta costringendo a porsi delle domande, la sta mettendo, per esempio, di fronte alla consapevolezza dell'inesistenza del rapporto affettivo con suo marito. Da come lei descrive i fatti, mi sembra di capire che questa situazione con suo marito non sia recente, e allora, come mai, solo ora se ne accorge, tanto da starne male? Il suo doversi fermare, il suo sentirsi in una condizione di dipendenza, per lei inaccettabile, l'ha resa più fragile, e ha favorito un maggior contatto con le sue emozioni. Forse proprio quelle che, con la super attività, "la vita piena", si è sempre negata di sentire. Quale migliore occasione, dunque, questa sua condizione di oggi, per cominciare a riflettere di più su se stessa? Non mi preoccuperei molto per i suoi attacchi di fame, tra l'altro, non ho elementi sufficienti per valutare se trattasi di bulimia o meno. In questo momento, la cosa più importante, credo, sia quella di guardare un pò più attentamente dentro di sè e affrontare apertamente il rapporto con suo marito.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Resilienza

Quando parliamo di resilienza ci riferiamo alla quella capacità di far fronte in modo positivo a degli eventi traumatici riorganizzando positivamente la ...

Narcoanalisi (o narcoterapia)

Detta anche narcoterapia, è una tecnica diagnostica e terapeutica, utilizzata in psichiatria, che consiste nella somministrazione lenta e continua, per via endo...

Gambling

Il gambling, o gioco d’azzardo patologico (GAP), è un disturbo del comportamento caratterizzato dalla continua perdita del controllo in situazioni di gioco. Ess...

News Letters

0
condivisioni