Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Bulimia (100583)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 77 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giulia 23

Sono una ragazza di 23 anni che siceramente è molto preoccupata poichè, con una frequenza ultimamente alta, ingerisce enormi quantità di cibo, soprattutto dolci, per poi finire in bagno a vomitare, naturalmente indotto. Tutto è cominciato con il fatto che volevo perdere 3 chili, poi sono passata a pesare 43 chili (alta 1.60) e poi ho iniziato ad avere le abbuffate. La cosa che mi spaventa di più è che ogni volta mi riprometto di non farlo più, anche perchè è un anno che non ho più il ciclo, e invece poi mi risuccede. Magari passa una settimana bene e poi in quella successiva mi capita 3 volte alla settimana. La cosa che volevo sapere è se posso farcela a smettere e come, dato che per impegni lavorativi non posso andare da psicanalisti e poi quali sono gli effetti negativi alla salute di questo comportamento?

Cara Giulia, il consiglio è comunque quello di recarti da uno psicoterapeuta, perchè in questo tipo di problematiche generalmente si evita il confronto e si vivono in segretezza, e per questo motivo andare da qualcuno di persona fa molta paura e si cerca di evitarlo. Proprio per questo motivo faresti molto bene a cercare di vincere questa resistenza e parlarne con qualcuno faccia a faccia. Se proprio questo ti è impossibile (nulla è impossibile a questo mondo) inizia a leggere qualche libro che parli dell'argomento, e tieni presente che l'argomento non è il cibo, ma ciò che si nasconde dietro il disturbo alimentare, vale a dire un disagio psicologico spesso legato all'identità e all'insicurezza. E' lì che devi andare ad indagare se vuoi uscirne fuori. Sugli effetti negativi, devo essere sincera, a lungo andare possono essere anche pesanti. Il corpo ne risente, come vedi, per esempio, il ciclo cessa e questo significa che si è creato un forte squilibrio. I danni più lievi sono quelli estetici: i denti con i succhi gastrici a lungo andare si indeboliscono e si anneriscono. Anche nello stomaco si provocano patologie e via via in diverse parti del corpo. Insomma, Giulia, è bene intervenire, non solo per i danni possibili, ma perchè c'è qualcosa nella tua vita che va risolto a livello psichico. E' un dovere che hai verso te stessa.

 

(risponde la dott.essa Elisabetta Corberi)

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Neuropsicologia

“L’importanza teorica della neuropsicologia sta nel fatto che essa permette di avvicinarsi maggiormente all’analisi della natura e delle struttura interna dei p...

Angoscia

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angosci...

Abulia

Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. Si riferisce sia a un disturbo dell’attività intenzionale, pe...

News Letters

0
condivisioni