Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Bulimia (103779)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 58 volte

Renata 34

Salve. Ho iniziato le prime abuffate e vomiti quando avevo circa 19 anni. Addesso ne ho 34 ho una figlia di 11 anni e sono stanca di questo. Vomito quasi tutte le sere dopo cena per il senso della colpa di aver mangiato di più di quello che mi serviva. Se poi mi capita di essere sola per il weekend o un paio di giorni ancora peggio. Il fatto di sentirmi sola mi fa mangiare e vomitare anche 7-8 volte al giorno..finchè non si presentano le traccie di sangue che mi spaventano un'po e allora mi calmo. Il fatto è che mi rendo conto di quanto possa essere assurdo per qualcuno che non ha questi problemi, ma purtroppo è più forte di me.. non c'è l'ha faccio resistere..è come se qualcuno ti spingesse a farlo..ho provato una volta dire qualcosa alla mia mamma, qualche anno fa, ma non me la presa sul serio e da allora nessuno è al corrente tranne la mia amica che purtroppo vedo poco. Vorrei non sentire più il desiderio di mangiare qualsiasi cosa pur di riempire il vuoto dentro. Volevo chiedere quali sono le conseguenze per la salute fisica. Grazie!

Cara Renata, le conseguenze fisiche possono essere diverse, dai denti il cui smalto viene intaccato dagli acidi dello stomaco e oltre ad annerirsi si indeboliscono, all'esofago che col continuo passaggio degli acidi si ipuò infiammare, alla perdita dei capelli o indebolimento. Ma ovviamente le conseguenze dipendono molto dalla "tempra" della persona e non sono sempre le stesse. Più che guardare alle conseguenze fisiche, la inviterei a prendere in considerazione l'idea di curarsi da questo disturbo la cui origine è psichica: perchè in tutti questi anni non ha mai pensato di intraprendere un lavoro di psicoterapia? E perchè non pensarci ora? Lei è una persona ancora giovane e credo abbia il dovere di occuparsi di se stessa un po' più seriamente di quanto stia facendo.....Ha una figlia cui deve dare un buon esempio e alla quale deve insegnare ad amarsi. Come può farlo se lei stessa non riesce a fare questo passo? La invito ad intraprendere un lavoro su di sé e cercare le cause di questo suo rifiuto e di questo rapporto conflittuale che ha con se stessa. E' solo andando alla radice delle sue problematiche psichiche che potrà riuscire a recuperare un rapporto sereno con il cibo, con se stessa e con la vita.

(risponde la dott.ssa Elisabbetta Corberi)

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Se è amore o amicizia con un r…

ALEXA1, 52     Salve sono Alexa ho 52 anni separata da 15, mi trovo ad affrontare una strana situazione da 9 mesi. ...

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Pedofilia

  Con il termine pedofilia si intende un disturbo della sessualità di tipo parafilico, caratterizzato da intensi e ricorrenti impulsi o fantasie sessuali ...

Atassia

L’atassia è un disturbo della coordinazione dei movimenti che deriva da un deficit del controllo sensitivo. ...

Solipsismo

Il solipsismo (dal latino "solus", solo ed "ipse", stesso, quindi "solo se stesso") è un attaccamento patologico al proprio corpo di tipo autistico o nar...

News Letters