Pubblicità

Bulimia (104409)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 96 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Eleonora 16

Lo scorso anno, ad agosto, ho iniziato una dieta molto severa, con cui ho perso 16 kg in 4 mesi, ma ne avevo davvero bisogno, visto che prima pesavo 87 kg! Il giorno dopo natale, però, qualcosa è scattato dentro di me: dopo la grande abbuffata per festeggiare l'anniversario dei miei genitori, invece di mettermi sulla cyclette per fare ginnastica, mi sono riposata perchè non avevo voglia di fare fatica. Da allora è inziato un circolo vizioso per cui ogni giorno, da 6 mesi, faccio una grande abbuffata (che varia dalle 3000 alle 8000 kcal al giorno) e poi o uso lassativi in quantità indistriali oppure mi metto per una settimana a dieta ferrea, mangiando pochissimo e poi alla fine della settimana, inevitabilmente ci ricado. Questo sistema, ormai, per me, è diventato un'ossessione, se mangio mi sento in colpa ma allo stesso tempo non posso farne a meno. Si dice che chiedere aiuto sia il miglior modo per iniziare a guarire, ma non so a chi chiederlo questo aiuto!

Eleonora cara, l'aiuto lo stai già chiedendo, dunque credo che tu abbia già intrapreso una buona strada..... Come saprai, i problemi come il tuo non sono problemi fisici, e nemmeno strettamente legati al cibo, si tratta piuttosto di problematiche di tipo psicologico che si manifestano attraverso la modalità di assunzione del cibo. Di solito i problemi psicologici che causano disturbi di tipo alimentare hanno a che fare con la non accettazione di sé, a volte il disprezzo, la svalutazione estrema, la squalifica. Problemi di profonda insicurezza, di emozioni inespresse, di paure...... Insomma, Eleonora, c'è un mondo da indagare dentro di te, ed è bene che tu lo faccia, perchè solo così potrai capire e risolvere le cause profonde del tuo problema con il cibo. Le diete servono a ben poco, e l'assunzione così irregolare del cibo (per non parlare dei lassativi) sono un modo per farsi del male..... Questo è il problema cui devi trovare risposte: perchè ti vuoi male? Non so se i tuoi genitori siano al corrente di questo tuo problema, se non lo fossero ti consiglio di parlargliene; e se non te la senti di chiedere loro una mano, cerca comunque di parlarne con i tuoi amici e le tue amiche..... è importante che non resti un segreto tutto tuo, il confronto con gli altri è molto importante. E comunque ti invito a prendere contatto di persona con uno psicoterapeuta e iniziare con lui (lei) un percorso: ti piacerà e scoprirai un sacco di cose interessanti su di te e dentro di te. Quando imparerai a conoscerti e ad amarti, non avrai più bisogno di farti del male e di stravolgere il tuo corpo.

(risponde La dott.ssa Elisabetta Corberi)

Pubblicato in data 08/07/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Transfert

Trasferimento sulla persona dell'analista delle rappresentazioni inconsce proprie del paziente Il termine transfert dal latino “transfĕrre” - &lsqu...

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra...

Fissazione

Il termine fissazione può avere significati diversi: Rinforzo di una tendenza o reazione, che porta alla nascita di un ricordo o di una abitudine motoria. F...

News Letters

0
condivisioni