Pubblicità

Bulimia (104592)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 109 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Valentina 20

Salve, sono Valentina ho 24 anni e sono affetta da una glomerulonefrite cronica... e voi penserete: "e questo cosa c'entra?" Ve lo spiego subito. Il 30 gennaio del 2006 pesavo 83 chili, ero una mongolfiera!! Mi hanno ricoverato per cercare di risolvere il mio problema renale, ho subito una biopsia dalla quale hanno diagnosticato la mia malattia renale... da quel giorno è iniziata la mia dieta asodica..."non puoi mangiare tutto ciò che contiene sale" mi disse il nefrologo e io terrorizzata dalla situazione ho eseguito alla lettera il suo consiglio. A marzo avevo già perso 12 chili, quando ho iniziato a prendere il cortisone per " tentare di curare " la mia malattia renale... mi avevano detto che mi sarei gonfiata... ma tutto ciò non era vero perchè continuavo a mangiare bene e regolare e per cui perdevo peso... l'unico effetto collaterale del cortisone è stata la comparsa di un po' di peluria... Insomma dal 30 gennaio 2006 al 25 aprile 2006 seguendo la dieta asodica che mi era stata consigliata... ho perso 20 chili senza nessuna fatica stavo solo attenta all'alimentazione e non mi pesava per nulla... ero felice!!! Finalmente riuscivo a stare in mezzo alla gente!!!.. facevo regolarmente i miei esami mensilmente e tutto procedeva alla grande.. fino a quando... il 2 agosto sono andata a fare (la presunta) ultima visita prima di partire per le vacanze... quando il primario dell'ospedale mi ha detto che avrei dovuto rifare gli esami d'urgenza perchè c'erano troppi valori sballati probabilmente dovuto ad una pastiglia che mi avevano inserito.... beh... dal quel momento non so cosa sia scattato... sto ancora cercando di capirlo... non ho capito più nulla... ho iniziato ad abbauffarmi senza senso... sentendomi in colpa... ora io non riesco più a mangiare regolarmente... mangio a tutte le ore senza avere fame.. mangio quello che mi capita.. ho iniziato ad ingrassare a vista d'occhio.... non ho più voglia di uscire di casa, perche i miei vestiti non mi stanno più... sono disperata... sto andando da neuropsichiatra, psicologo... ma non vedo cambiamenti... la mia situazione peggiora di giorno in giorno... non ho più voglia di uscire e di stare a contato con la gente. L'altro ieri sono andata da una specialista nella malattia (bulimia) che mi è sembrata molto comprensiva... ho comunicato la cosa al neuropsichiatra e lui mi ha detto che non devo perdere tempo e denaro perchè il mio problema è la testa!!!!! Aiuto.... ma secondo voi cosa devo fare? Ho 24 anni e mi sento uno schifo.... non so più cosa fare.... mangio senza avere fame... senza motivo mi abbuffo...

Valentina, credo che la strada migliore sia quella psicologica, dunque un lavoro di tipo psicoterapeutico. Non so se col neuropsichiatra tu stia facendo questo, o se ti stia seguendo farmacologicamente (cosa che sconsiglio)..... è vero che il problema col cibo è un problema di "testa" o meglio di psiche (ognuno poi la colloca dove preferisce, chi nello stomaco, chi nel cuore, chi nella testa..... chi nelle viscere come i giapponesi). Devi lavorare su te stessa e dentro te stessa per cercare di vincere le tue paure. La reazione di tipo bulimico che hai avuto in seguito ad una ipotesi di peggioramento della tua salute, è piuttosto giustificabile. Non è sana, ovviamente, nel senso che hai reagito buttandoti via, cercando di farti del male.... ma, ripeto, può essere una reazione comprensibile ad una delusione e anche ad una paura così grande. Non perderti d'animo, certamente ritroverai la strada e ritroverai anche la fiducia in te stessa (e nella vita) che momentaneamente è venuta a mancare. La bulimia è un sintomo di perdita di sicurezze e di svalutazione di sé: è su questi piani che devi lavorare.

(risponde La dott.ssa Elisabetta Corberi)

Pubblicato in data 13/07/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia ingestibile (15442947529…

Sofia, 17     E' da un anno che la mia vita non é più come era prima. a causa del tanto stress provocato probabilmente dalla scuola e dalla famig...

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, forme, odor...

Disturbo Schizotipico di Perso…

L'individuo con Disturbo Schizotipico di Personalità presenta tratti di stranezza, eccentricità, così come un marcato e persistente isolamento sociale. Il dist...

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

News Letters

0
condivisioni