Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Bulimia (104592)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 73 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Valentina 20

Salve, sono Valentina ho 24 anni e sono affetta da una glomerulonefrite cronica... e voi penserete: "e questo cosa c'entra?" Ve lo spiego subito. Il 30 gennaio del 2006 pesavo 83 chili, ero una mongolfiera!! Mi hanno ricoverato per cercare di risolvere il mio problema renale, ho subito una biopsia dalla quale hanno diagnosticato la mia malattia renale... da quel giorno è iniziata la mia dieta asodica..."non puoi mangiare tutto ciò che contiene sale" mi disse il nefrologo e io terrorizzata dalla situazione ho eseguito alla lettera il suo consiglio. A marzo avevo già perso 12 chili, quando ho iniziato a prendere il cortisone per " tentare di curare " la mia malattia renale... mi avevano detto che mi sarei gonfiata... ma tutto ciò non era vero perchè continuavo a mangiare bene e regolare e per cui perdevo peso... l'unico effetto collaterale del cortisone è stata la comparsa di un po' di peluria... Insomma dal 30 gennaio 2006 al 25 aprile 2006 seguendo la dieta asodica che mi era stata consigliata... ho perso 20 chili senza nessuna fatica stavo solo attenta all'alimentazione e non mi pesava per nulla... ero felice!!! Finalmente riuscivo a stare in mezzo alla gente!!!.. facevo regolarmente i miei esami mensilmente e tutto procedeva alla grande.. fino a quando... il 2 agosto sono andata a fare (la presunta) ultima visita prima di partire per le vacanze... quando il primario dell'ospedale mi ha detto che avrei dovuto rifare gli esami d'urgenza perchè c'erano troppi valori sballati probabilmente dovuto ad una pastiglia che mi avevano inserito.... beh... dal quel momento non so cosa sia scattato... sto ancora cercando di capirlo... non ho capito più nulla... ho iniziato ad abbauffarmi senza senso... sentendomi in colpa... ora io non riesco più a mangiare regolarmente... mangio a tutte le ore senza avere fame.. mangio quello che mi capita.. ho iniziato ad ingrassare a vista d'occhio.... non ho più voglia di uscire di casa, perche i miei vestiti non mi stanno più... sono disperata... sto andando da neuropsichiatra, psicologo... ma non vedo cambiamenti... la mia situazione peggiora di giorno in giorno... non ho più voglia di uscire e di stare a contato con la gente. L'altro ieri sono andata da una specialista nella malattia (bulimia) che mi è sembrata molto comprensiva... ho comunicato la cosa al neuropsichiatra e lui mi ha detto che non devo perdere tempo e denaro perchè il mio problema è la testa!!!!! Aiuto.... ma secondo voi cosa devo fare? Ho 24 anni e mi sento uno schifo.... non so più cosa fare.... mangio senza avere fame... senza motivo mi abbuffo...

Valentina, credo che la strada migliore sia quella psicologica, dunque un lavoro di tipo psicoterapeutico. Non so se col neuropsichiatra tu stia facendo questo, o se ti stia seguendo farmacologicamente (cosa che sconsiglio)..... è vero che il problema col cibo è un problema di "testa" o meglio di psiche (ognuno poi la colloca dove preferisce, chi nello stomaco, chi nel cuore, chi nella testa..... chi nelle viscere come i giapponesi). Devi lavorare su te stessa e dentro te stessa per cercare di vincere le tue paure. La reazione di tipo bulimico che hai avuto in seguito ad una ipotesi di peggioramento della tua salute, è piuttosto giustificabile. Non è sana, ovviamente, nel senso che hai reagito buttandoti via, cercando di farti del male.... ma, ripeto, può essere una reazione comprensibile ad una delusione e anche ad una paura così grande. Non perderti d'animo, certamente ritroverai la strada e ritroverai anche la fiducia in te stessa (e nella vita) che momentaneamente è venuta a mancare. La bulimia è un sintomo di perdita di sicurezze e di svalutazione di sé: è su questi piani che devi lavorare.

(risponde La dott.ssa Elisabetta Corberi)

Pubblicato in data 13/07/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Decisione scolastica (15164313…

Simo, 45     Mio figlio fa la 5^ elem. Ora deve scegliere le medie dove farle. ...

Psicoterapia e problemi (15164…

Luna, 39     Si può continuare una psicoterapia pur se si è innamorati dal primo mese del proprio terapeuta? ...

Chiarimenti alla risposta del …

ALEXA1,52     Sono Alexa nel ringraziarla per la sua risposta dottore vorrei se fosse possibile chiarimenti poichè se fosse solo amicizia la nost...

Area Professionale

L'infanzia abusata, pedofilia …

La fenomenologia degli abusi e dei danni all’infanzia (child abuse) interessa molteplici aspetti psicologici, emozionali e relazionali che compongono il quadro ...

Sistema Tessera Sanitaria

L’articolo 1 del DM 01.09.2016 ha previsto che anche gli psicologi iscritti all’Albo, secondo quanto stabilito dalla Legge 56/1989, dovranno effettuare la trasm...

Salute e sicurezza negli Studi…

  A fare chiarezza sugli adempimenti e sugli obblighi in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro negli studi professionali, è intervenuta già...

Le parole della Psicologia

Masochismo

Deviazione sessuale di meta che spinge l'individuo a cercare l'eccitazione e il piacere solo attraverso la violenza fisica o morale che gli viene inflitta. Spes...

Affetto

L'affetto (dal latino adfectus, da adficere, cioè ad e facere, che significa "fare qualcosa per") è un sentimento di particolare intensità...

Catalessia

Detta anche catalessi, è uno stato patologico, ad esordio improvviso e che si protrae per brevi o lunghi periodi, in cui vi è una sospensione dei movimenti volo...

News Letters