Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Bulimia (104718)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 60 volte

Giovanna 27

Ho 27 anni sono un'educatrice professionale ed ultimamente in modo discontinuo soffro di attacchi di bulimia. E' la prima volta che ne parlo apertamente perchè ho sempre negato il problema. Gli attacchi di fame arrivano sempre più sistematici in presenza di situazioni di stress e sono diventati incontrollabili. Il mio lavoro e la mia famiglia complicata mi mettono costantemente sotto pressione rendendomi difficile trovare un equilibrio. La mia famiglia è estremamente difficile da reggere emotivamente. Ho un fratello disabile e una sorella che soffre di depressione in cura da specialisti, due genitori chiusi e iperprotettivi che faticano a capirmi. Lavoro a contatto con disabili anche psichici che a volte hanno un impatto emotivo molto forte su di me. La mia vita è stata segnata da una delusione amorosa molto forte dopo 8 anni e mezzo sono stata lasciata dal mio primo fidanzato conosciuto a 14 anni e mezzo e questo mi porta a diffidare del mio attuale compagno, vorrei potermi fidare ma mi è impossibile. I legami attorno a me sono tutti fittizi. Non so a chi rivolgermi perchè non voglio che si sappia in giro il mio problema io amo il mio lavoro e non voglio rischiare di perderlo.

Giovanna, mi sembra che faresti molto bene a rivolgerti ad un percorso psicoterapeutico o psicanalitico. Vivi dei forti carichi emotivi e probabilmente, vista la situazione che hai a casa, non ti permetti di chiedere aiuto a nessuno... e questa non è una buona situazione interna, poichè crea un forte accumulo e prima o poi la bomba esplode (attraverso attacchi bulimici, attacchi di panico o altre manifestazioni di accumulo di tensione interna). Hai bisogno di qualcuno che ti ascolti e che ti dia appoggio, e ti invito fortemente a cercare una persona adatta a questo ruolo. Inoltre, con il lavoro che fai, è comunque consigliabile avere un riferimento cui potersi affidare in caso di necessità. Lavori anche tu a contatto col dolore, e devi avere qualcuno a cui "travasarlo" questo dolore.... oltre al tuo. Io sono psicoterapeuta da anni, e ovviamente lavoro anch'io a contatto col dolore; e come la maggior parte delle persone che fanno questo lavoro, ho anch'io il mio psicoterapeuta cui mi rivolgo per scaricare un po' di sofferenza. Non aspettare che la situazione degeneri, muovi un passo verso di te. Se la psicoterapia dovesse essere impossibile come strada da praticare, cerca comunque intanto di parlare della tua situazione con le persone di cui ti fidi, amiche, amici, parenti. Non tenere tutto dentro di te, altrimenti poi, come avviene spesso negli attacchi bulimici, finisci col non riuscire più a contenere e sei costretta a vomitare tutto. Cerca di dare una mano anche a te, oltre che alle persone di cui ti occupi. Ti servirà per la tua vita ovviamente, ma anche per riuscire ad occuparti meglio di chi ha bisogno del tuo aiuto.

(risponde La dott.ssa Elisabetta Corberi)

Pubblicato in data 09/07/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Affetto

L'affetto (dal latino adfectus, da adficere, cioè ad e facere, che significa "fare qualcosa per") è un sentimento di particolare intensità...

Dismorfismo corporeo

L’interesse sociale nei confronti del Disturbo di Dismorfismo Corporeo (BDD) è cresciuto solo recentemente nonostante sia stato documentato per la prima volta n...

Schizofasia

Profonda disgregazione del linguaggio che è sostituito da un’accozzaglia di parole o insalata di parole prive di un qualsiasi significato. Questo disturbo ling...

News Letters