Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Bulimia (106053)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 62 volte

Ceci 18

Salve, sono Cecilia ho 18 anni e un problema che da sola non riesco a risolvere. Credo, da quello che vedo su internet, di essere malata di bulimia. Ho iniziato 4 anni fa e non riesco a smettere. Più di due volte alla settimana mi chiudo in bagno e mi provoco il vomito da sola, a volte capita che lo faccio anche fino a tre giorni di seguito. Inizio a mangiare e non riesco a fermarmi. E' più forte di me e perdo il controllo, mangio fino a stare male e dopo mi sento in colpa e mi chiudo nel bagno. A volte mi capita anche di avere periodi tranquilli, durante i quali sto bene, mangio regolare, mi sento a posto con il mio fisico, ma poi è inutile, ci ricasco.. Mi vedo grassa, pesante, gonfia; da quando ho iniziato a farmi del male non torno più del peso che ero prima. Quando ho le crisi non esco, sono molto nervosa e vorrei stare sola con me stessa. E' solo un fatto di testa, a volte mi impegno molto a smettere ma non riesco. Come devo fare? La prego mi aiuti, altrimenti, se vado avanti, ho paura che il mio fisico ne risenti. Grazie.

Ciao Cecilia, il problema di cui parli è molto diffuso tra le giovani donne come te, fa parte un pò della moda, un pò della difficoltà a crescere e ad assumersi le mille resonsabilità che caratterizzano la condizione adulta. La società gioca un ruolo importante nella diffusione di un modello di magrezza assurdo, che appartiene più alla costituzione naturale di certe persone che al concetto di benessere e soprattutto di bellezza. Ciò che ti risulta difficile, mi sembra di capire, in questo momento, è controllare i tuoi impulsi distruttivi (mangiare in modo sfrenato, fino a stare male non ha nulla a che vedere con la fame o con la golosità, è la manifestazione di un impulso aggressivo, di rabbia, di protesta). Gli impulsi aggressivi tuttavia sono molto importanti per crescere, sono quella carica che ci spinge fuori dal nostro guscio, verso nuove esperienze, verso la nuova realtà che ci prepariamo ad affrontare nel passaggio da una tappa evolutiva ad un'altra. Non avere paura della tua rabbia, usala in modo creativo, non autodistruttivo, scrivi, disegna, parla con un'amica quando ti senti così. Mangiare è solo il modo più semplice perchè non è uno sforzo creativo, tu sei passiva mentre mangi in quel modo, non esprimi te stessa ma cerchi di tapparti la bocca, di metterti a tacere, riempiendola di cibo. In ogni caso io ti consiglierei vivamente di chiedere aiuto, di parlare regolarmente di questo malessere con una persona che ti possa guidare in questo passaggio di crescita. Non sarà infinito, vedrai, ma proprio per far sì che duri il meno possibile non pensare di fare tutto da sola. Le conseguenze fisiche ci sono e non sono piacevoli, sei giovane, non ne vale la pena. Un abbraccio.

(risponde la Dott.ssa Camilla Ponti)

Pubblicato in data 09/10/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e persistenti del cont...

News Letters