Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Bulimia (114551)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 77 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Dondy 18

Salve sono un ragazzo di 17 anni e da tempo soffro di bulimia nervosa. Tutto è cominciato circa un anno fa, quando ho intrapreso una dieta fai-da-te, che ha comportato all'eliminazione dei dolci e dei cibi di grassi e a nutrirmi il minimo indispensabile. I primi tempi è andato tutto bene, la mia forza di volontà mi permetteva di continuare digiuni anche per due giorni di seguito, e io ero contento perchè in principio mi sentivo grasso e inadeguato, ero insicuro di me stesso, poi vedere le ossa che spuntavano mi provocava piacere, sentivo come di aver raggiunto un obiettivo. I miei genitori hanno insistito perchè mangiassi di più, ma io niente ero intransigente e spesso questo ha scaturito diverse litigate in famiglia e il progressivo distacco. Ora da circa 6 mesi la maggior parte delle volte, quando mi trovo da solo a casa tendo ad avere crisi bulimiche. Comincio con il prepararmi alle crisi pensando ai cibi che ingerirò, addirittura ogni tanto vado anche al supermercato per comprarmi le cosiddette "schifezze". Poi arrivato a casa ecco, comincio con tutto quello che trovo a casa e in maniera compulsiva apro il frigo e scaffali, diciamo mi attacco a tutto quello che trovo anche cibi congelati. La sensazione che ne consegue è pessima, sono di malumore, ho i crampi allo stomaco e spesso quando mi riunisco a cena con i miei sento che se ingerisco un altro po' di cibo potrei scoppiare. Loro ovviamente non sapendo delle mie crisi credono che io mangi poco e che abbia una forza di volontà incredibile dall'astenermi da certi cibi che fanno gola. Ora io cerco il vostro aiuto perchè la situazione è diventata insostenibile, sono diversi giorni che progetto le mie abbuffate e quando mi decido di smettere, subito insorge la voglia di mangiare fino a sentirmi male, sono anche consapevole dei rischi che corro per questo voglio smettere. Voglio tornare a vivere la mia vita come prima. Grazie.

Caro Dondy, sono molto felice che tu abbia finalmente compreso che i disturbi alimentari controllano te, non viceversa, e che tu abbia voglia di venirne fuori una volta per tutte. A questi livelli sarebbe indicato tu intraprendessi una terapia con uno psicologo, meglio se di orientamento cognitivo-comportamentale che in poco tempo sarà in grado di insegnarti delle strategie di gestione e di controllo che potrai poi spendere anche in ambiti distanti da quello alimentare.

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

 

Pubblicato in data 08/05/08

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ho paura di non trovare mai il…

Kikhi, 26     Salve... ho paura di non trovare mai il mio posto. ...

Infedeltà (1528369634858)

Lap84, 34     Sono sposata con mio marito da 5 anni, e nell'ultimo periodo è nato in me il dubbio che possa essermi infedele... ...

Difficoltà nella gestione dell…

Chiara111, 20     Salve. Richiedo l’aiuto di un esperto, di qualcuno che possa prendersi carico del mio problema. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Introiezione

Introiezione è un termine di origine psicoanalitica, con il quale si intende quel processo inconscio, per cui l’Io incamera e fa proprie le rappresentazioni men...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

News Letters

0
condivisioni