Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Bulimia (118135)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 82 volte

Lulu 22

All'età di 15 anni iniziai ad avere problemi con il cibo. Ad un breve periodo di dieta ferrea ne seguì uno più lungo durante il quale mangiai l'inverosimile fino a riprendere tutti i chili persi ed addirittura ad ingrassare ulteriormente. Tramite un'amicizia e alcuni film scoprii il mondo della bulimia e, a piccoli passi, mi immersi in quel mare. Ora ho 22 anni e da quel mare non riesco più ad uscire. Sono una studentessa fuori sede (mi sono allontanata dalla mia famiglia) e passo giornate intere nei supermercati a scegliere quali cibi dovrò ingurgitare per poi vomitare. Sono stanca di tutto ciò ma non riesco a prendere provvedimenti. Riuscirò a risolvere i miei problemi da sola e a vivere una vita normale? Grazie. Lulu.

Cara Lulu, il disagio che vivi è sicuramente doloroso e pesante per te. Al di là della forma in cui si manifesta il tuo problema, nel tuo percorso di crescita hai incontrato difficoltà a trovare il giusto equilibrio nella vita e nelle cose che fai, passando tra eccessi: l'essere seria e disciplinata, riuscendo a mantenere un regime alimentare ferreo ed il mangiare fino all'inverosimile, avendo così difficoltà nel controllo della tua alimentazione. Io penso che sarebbe opportuno che tu intraprendessi un percorso con uno specialista, col quale poter esplorare i tuoi stati emotivi e poter capire il significato delle tue emozioni e di ciò che provi, nelle diverse situazioni che ti sei trovata ad affrontare nella tua vita e che dovrai intraprendere nel tuo futuro: cosa succede quando sei arrabbiata, come puoi controllare i tuoi stati emotivi, senza rifiutare ciò che provi? La rabbia, la paura, il senso di vuoto sono esperienze emotive dolorose, ma fondamentali, perché ci mettono in contatto con ciò che proviamo nel profondo, con le nostre pulsioni, i nostri istinti: fanno parte della nostra vita ed hanno un significato profondo, perché ci aiutano a capire cosa ci piace e cosa non ci piace, cosa avvertiamo come importante per noi: non bisogna rinnegarle, ma  cercare di accettarle e trovare loro il giusto posto dentro di noi! Cara Lulu, io penso che partendo da ciò, con un aiuto esterno, potrai intraprendere un percorso per capire il tuo problema e poter vivere una vita serena! Riscrivimi pure, se ti va!

(risponde la Dott.ssa Maria Rosaria Infante)

Pubblicato in data 05/07/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

ansia (1510264195644)

Vanessa, 44     Ciao. Sono una donna single, innamorata dei viaggi. ...

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

News Letters