Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Bulimia (118135)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 99 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lulu 22

All'età di 15 anni iniziai ad avere problemi con il cibo. Ad un breve periodo di dieta ferrea ne seguì uno più lungo durante il quale mangiai l'inverosimile fino a riprendere tutti i chili persi ed addirittura ad ingrassare ulteriormente. Tramite un'amicizia e alcuni film scoprii il mondo della bulimia e, a piccoli passi, mi immersi in quel mare. Ora ho 22 anni e da quel mare non riesco più ad uscire. Sono una studentessa fuori sede (mi sono allontanata dalla mia famiglia) e passo giornate intere nei supermercati a scegliere quali cibi dovrò ingurgitare per poi vomitare. Sono stanca di tutto ciò ma non riesco a prendere provvedimenti. Riuscirò a risolvere i miei problemi da sola e a vivere una vita normale? Grazie. Lulu.

Cara Lulu, il disagio che vivi è sicuramente doloroso e pesante per te. Al di là della forma in cui si manifesta il tuo problema, nel tuo percorso di crescita hai incontrato difficoltà a trovare il giusto equilibrio nella vita e nelle cose che fai, passando tra eccessi: l'essere seria e disciplinata, riuscendo a mantenere un regime alimentare ferreo ed il mangiare fino all'inverosimile, avendo così difficoltà nel controllo della tua alimentazione. Io penso che sarebbe opportuno che tu intraprendessi un percorso con uno specialista, col quale poter esplorare i tuoi stati emotivi e poter capire il significato delle tue emozioni e di ciò che provi, nelle diverse situazioni che ti sei trovata ad affrontare nella tua vita e che dovrai intraprendere nel tuo futuro: cosa succede quando sei arrabbiata, come puoi controllare i tuoi stati emotivi, senza rifiutare ciò che provi? La rabbia, la paura, il senso di vuoto sono esperienze emotive dolorose, ma fondamentali, perché ci mettono in contatto con ciò che proviamo nel profondo, con le nostre pulsioni, i nostri istinti: fanno parte della nostra vita ed hanno un significato profondo, perché ci aiutano a capire cosa ci piace e cosa non ci piace, cosa avvertiamo come importante per noi: non bisogna rinnegarle, ma  cercare di accettarle e trovare loro il giusto posto dentro di noi! Cara Lulu, io penso che partendo da ciò, con un aiuto esterno, potrai intraprendere un percorso per capire il tuo problema e poter vivere una vita serena! Riscrivimi pure, se ti va!

(risponde la Dott.ssa Maria Rosaria Infante)

Pubblicato in data 05/07/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Marito che pensa solo alla sua…

Namaste, 30     Salve, sono una ragazza di 30 anni sposata da 3 anni con un cittadino marocchino di 23. ...

L'amore e la comunicazione (15…

Anna, 26     Salve Dottore, mi trovo in una relazione da sei anni con A., abbiamo due anni di differenza ed ancora non conviviamo. ...

Non so più che fare (153056873…

Alessia, 16     Non so più che fare, passo ogni giorno come se fossi in una bolla dove solo io sono in grado di capirmi, non si più davvero dove ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Percezione

Tradizionalmente, gli psicologi hanno distinto il modo nel quale noi riceviamo le informazioni dal mondo esterno in due fasi separate: Sensazione: riguarda i...

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

News Letters

0
condivisioni