Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Bulimia (120765)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 135 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Chiara 15

Non riesco a controllarmi. Quando sono agitata mi riempio di cibo, fino a scoppiare. Se ci sono torte, confezioni di biscotti, formaggio, carne in scatola, qualsiasi cosa, finisce nella mia bocca, le mischio anche, non mi interessa niente del sapore. Apro qualunque cosa e la finisco, oppure nella testa mi ripeto, se ne mangio un pezzo non se ne accorgeranno, e continuo, di pezzo in pezzo fino a che non ne rimane uno solo e lo avanzo pensando che basti. Mangio, mangio, mangio. Ma quando non sono a casa da sola non è possibile, quindi sfrutto i momenti in cui non mi guardano per riempirmi di ansiolitici (Xanax) di mia madre. Questo però mi causa colpi di sonno pazzeschi che mi costringono a letto per interi pomeriggi. Non mi provoco il vomito e non prendo lassativi perchè mi fa un po' paura, però, appena finito di ingozzarmi, mi sento depressa, arrabbiata con la mia famiglia che me lo lascia fare o non se ne accorge, mi sento grassa e brutta. Anche quando prendo gli ansiolitici poi cado in depressione perchè penso: "ecco, adesso ho dormito per tutto il pomeriggio e non ho smaltito la colazione". Cosa devo fare? Io non posso più andare avanti così, perchè è un circolo vizioso e io non riesco a fermarmi, assolutamente. Ci provo, credo. Quando mi abbuffo poi cerco di digiunare per quel giorno, ma non cambia nulla, io ingrasso e le abbuffate non finiscono. Aiutatemi, anche se non so come. Boh. Scusate.

 Cara Chiara, penso tu abbia inquadrato bene il problema quando dici che si è innescato un circolo vizioso nel tuo comportamento, che provoca in te tanta sofferenza. Vorrei invitarti a riflettere su quello che provi: cosa provi prima di mangiare in maniera irrefrenabile e dopo? Potresti iniziare con l'annotare su un diario ciò che provi, di giorno in giorno in questi due momenti, prima e dopo, forse potresti renderti conto che i sentimenti sono: rabbia, tristezza, senso di vuoto, etc. e che essi si ripetono in rapporto a come ti senti e ti valuti in determinati momenti. Cerca di non assumere farmaci senza prescrizione, tu non sai esattamente a cosa essi servono, e il loro utilizzo, lo sai già, non elimina il problema. Parla intanto ai tuoi genitori, loro ignorano il tuo problema, ma dalla tua lettera capisco che fai fiducia in loro e nel loro aiuto: assieme potreste valutare di rivolgervi ad un consultorio o ad uno specialista nel privato per il tuo problema; lì potresti cominciare un percorso per esplorare i tuoi stati emotivi, capire quali sono le tue paure e cercare di modulare i tuoi comportamenti impulsivi. Col tempo, con questo percorso e grazie alla tua volontà, potrai così cominciare a vivere pienamente la tua vita! Un abbraccio!

(risponde la Dott.ssa Maria Rosaria Infante)

Pubblicato in data 23/07/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Infedeltà (1528369634858)

Lap84, 34     Sono sposata con mio marito da 5 anni, e nell'ultimo periodo è nato in me il dubbio che possa essermi infedele... ...

Difficoltà nella gestione dell…

Chiara111, 20     Salve. Richiedo l’aiuto di un esperto, di qualcuno che possa prendersi carico del mio problema. ...

Suicidio (1529267882787)

chopperozzi15, 14     voglio tentare il suicidio entro il 20 ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La ...

Odio

Sentimento antitetico all'amore, caratterizzato dal desiderio durevole di danneggiare o distruggere uno specifico oggetto che può essere anche il proprio Sé o l...

Paura

La paura è quell’emozione primaria di difesa, consistente in un senso di insicurezza, di smarrimento e di ansia, di fronte ad un pericolo reale o immaginario, o...

News Letters

0
condivisioni