Pubblicità

Bulimia (145145)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 234 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Mari 21

Salve, soffro di bulimia. I miei genitori hanno divorziato quando ero piccola perchè mio padre aveva tentato di abusare di me. Da quel momento mia madre mi è sempre stata molto vicina, ma più sono cresciuta più avevo momenti in cui potevo stare da sola. Dalla seconda media mi sono sentita sempre più una ragazza grassa ed ho iniziato a non mangiare e quando mangiavo poi vomitavo finchè ho raggiunto i 39kg (ero alta 1.65). Mia madre se n'è accorta e mi ha impedito di fare qualsiasi attività sportiva o comunque qualunque attività da sola e mi ha anche cambiato scuola. Alla fine sono ingrassata fino ad arrivare a 50kg. Per un pò di tempo sono riuscita a controllarmi, ma alla fine ci sono ricaduta. Ancora oggi per alcuni giorni riesco a controllarmi, ma poi crollo. Il problema è che sono stufa di essere condizionata dalla bulimia. Quando mi trattengo sono felice e sicura di me stessa, quando mangio e poi vomito mi sento uno schifo. In più io studio canto e voglio che diventi la mia professione e ho capito che la bulimia ed il canto non possono andare di pari passo. Quando vomito poi non riesco ad esercitarmi e ciò mi rende triste e mi viene da mangiare. So che è un contro senso! Quando mangio e poi vomito non ho voglia di fare niente, sono stanchissima e ho solo voglia di mangiare ancora. Ho provato a dirlo al mio ragazzo e a mia madre, ma mi vergogno, ma soprattutto non voglio che soffrano per me. Anche per questo motivo non voglio andare dallo psicologo. Però so di dover smettere e di avere bisogno di aiuto. Grazie mille,già scrivere questa lettera mi sento un pò sollevata. Un saluto.

Cara Mari, il fatto che tuo padre abbia tentato di abusare di te non mi sembra un dettaglio di poca importanza, come invece sembra da tutto il racconto. Andare dallo psicologo non significa trattare solo il disturbo alimentare in sè, ne farti ingrassare, è fondamentale invece per riaprire quella vecchia ferita e curarla. Tutto il resto, tutti i sintomi correlati al comportamento alimentare, sono solo conseguenze. Cantare è la tua passione? Inizia a "parlare", come hai scritto, la cosa ti farà stare molto meglio e molto in fretta! Potrai liberarti della bulimia e cantare finalmente...a voce spiegata! Un saluto.

(Risponde la Dott.ssa Camilla Ponti)

Pubblicato in data 07/09/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Disturbi somatoformi

I Disturbi Somatoformi rappresentano una categoria all’interno della quale sono racchiuse entità cliniche caratterizzate dalla presenza di sintomi fisici non im...

Belonefobia

La belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

Io

"Nella sua veste di elemento di confine l'Io vorrebbe farsi mediatore fra il mondo e l'Es, rendendo l'Es docile nei confronti del mondo e facendo, con la propri...

News Letters

0
condivisioni