Pubblicità

Bulimia (153006 )

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 408 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Stellina , 24

 

Gentile Dottore,
ho bisogno di capire se la mia è fame nervosa o bulimia.
Sono 2 anni e più che vivo una situazione particolare,la mia famiglia ha avuto un grosso crollo finanziario,io ho dovuto lasciare gli studi per poter contribuire alle spese di casa,i miei litigano e si lasciano in continuazione e da alcuni mesi mia mamma è andata via da casa perchè dopo una brutta depressione era pericolosa per se stessa soprattutto.
In tutto questo porto avanti la mia famiglia e ormai sono io il genitore e loro i figli il mio punto di sfogo era lo sport che non posso più praticare per motivi fisici,sono andata in depressione mi sono curata ma penso di esserci ricaduta ora sono del tutto insoddisfatta della mia vita,sono sempre triste ho un forte calo della libido e mangio in continuazione mi sento fuori controllo ma con tanti sensi di colpa ,non mi provoco il vomito perchè qualche volta ho provato ma con scarsi risulati e quindi non l'ho più fatto.
Aiutatemi non so più come riprendere il controllo....
Grazie

Salve Stellina,
Non riesco a capire bene, prima mi chiede se il suo comportamento possa essere assimilabile ad una bulimia poi nella mail non descrive quali sono i comportamenti che mette in atto.
In base alle sue parole non posso rispondere alla sua domanda. Posso invece notare, in base a quanto scrive, che il periodo che sta passando è denso di sconvolgimenti negativi: la madre che se ne va, il crollo finanziario, l'abbandono dell'università.
Tutto questo ha comportato uno stravolgimento delle sua vita e delle perdite molto importanti. A queste perdite reali bisogna capire come reagirà.
In genere ci sono 2 strade che può seguire: la prima, anche la più profiqua, è quella di riorganizzare la sua vita e cominciare anche se prematuramente, una nuova strada che la porterà ad acquisire una maggiore capacità di affrontare la vita, la seconda è quella della depressione ovvero un senso di fallimanto e di impotenza nei confronti degli eventi della vita.
Di sicuro la strada migliore è la prima in quanto la porterà ad essere una persona migliore e vedrà che una volta che si troverà in grado di affrontare le sfide che la vita le pone si sentirà e sicuramente sarà una persona migliore.
In quanto al senso di responsabilità quello che può fare è stare vicino ai suoi familiari ma non si può accollare anche i loro problemi quindi le consiglio di stare vicino a sua madre e padre e aiutarli a risolvere i loro problemi, eviti di accollarsi lei i loro problemi.
La saluto, Mirko Dai Prà

 

(Risponde il Dott. Dai Prà Mirko)

Pubblicato in data 10/10/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le parole della Psicologia

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

Lapsus

Il lapsus (in latino "caduta/scivolone") è un errore involontario consistente nel sostituire un suono o scrivere una lettera invece di un’altra, nella fusione d...

Aggressività

In psicologia indica uno stato di tensione emotiva generalmente espresso in comportamenti lesivi e di attacco. Nel corso degli anni l’aggressività...

News Letters

0
condivisioni