Pubblicità

Bulimia (153006 )

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 481 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Stellina , 24

 

Gentile Dottore,
ho bisogno di capire se la mia è fame nervosa o bulimia.
Sono 2 anni e più che vivo una situazione particolare,la mia famiglia ha avuto un grosso crollo finanziario,io ho dovuto lasciare gli studi per poter contribuire alle spese di casa,i miei litigano e si lasciano in continuazione e da alcuni mesi mia mamma è andata via da casa perchè dopo una brutta depressione era pericolosa per se stessa soprattutto.
In tutto questo porto avanti la mia famiglia e ormai sono io il genitore e loro i figli il mio punto di sfogo era lo sport che non posso più praticare per motivi fisici,sono andata in depressione mi sono curata ma penso di esserci ricaduta ora sono del tutto insoddisfatta della mia vita,sono sempre triste ho un forte calo della libido e mangio in continuazione mi sento fuori controllo ma con tanti sensi di colpa ,non mi provoco il vomito perchè qualche volta ho provato ma con scarsi risulati e quindi non l'ho più fatto.
Aiutatemi non so più come riprendere il controllo....
Grazie

Salve Stellina,
Non riesco a capire bene, prima mi chiede se il suo comportamento possa essere assimilabile ad una bulimia poi nella mail non descrive quali sono i comportamenti che mette in atto.
In base alle sue parole non posso rispondere alla sua domanda. Posso invece notare, in base a quanto scrive, che il periodo che sta passando è denso di sconvolgimenti negativi: la madre che se ne va, il crollo finanziario, l'abbandono dell'università.
Tutto questo ha comportato uno stravolgimento delle sua vita e delle perdite molto importanti. A queste perdite reali bisogna capire come reagirà.
In genere ci sono 2 strade che può seguire: la prima, anche la più profiqua, è quella di riorganizzare la sua vita e cominciare anche se prematuramente, una nuova strada che la porterà ad acquisire una maggiore capacità di affrontare la vita, la seconda è quella della depressione ovvero un senso di fallimanto e di impotenza nei confronti degli eventi della vita.
Di sicuro la strada migliore è la prima in quanto la porterà ad essere una persona migliore e vedrà che una volta che si troverà in grado di affrontare le sfide che la vita le pone si sentirà e sicuramente sarà una persona migliore.
In quanto al senso di responsabilità quello che può fare è stare vicino ai suoi familiari ma non si può accollare anche i loro problemi quindi le consiglio di stare vicino a sua madre e padre e aiutarli a risolvere i loro problemi, eviti di accollarsi lei i loro problemi.
La saluto, Mirko Dai Prà

 

(Risponde il Dott. Dai Prà Mirko)

Pubblicato in data 10/10/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senso di colpa e dipendenza […

Marco, 30 anni Proverò a essere breve. Mi sono sempre sentito in generale infelice, anche quando le cose mi vanno bene, ho sempre avuto difficoltà nelle r...

Non ce la faccio più [15922277…

Ciao03, 16 anni Voglio finirla qua, non riesco più ad andare avanti. Ho 16 anni e sono sempre stata una persona estroversa e vivace piena di amici. Nonos...

Vorrei avere maggiori informaz…

eleonora, 33 anni  Buongiorno. Sono Eleonora, la ragazza di 33 anni che vi ha scritto (la mia domanda è intitolata “La mia vita con gli attacchi di p...

Area Professionale

Il Test del Villaggio nel post…

Il periodo di pandemia collegata al Covid-19 tende progressivamente a ridursi e diventa utile analizzare le reazioni dei pazienti alla somministrazione del Test...

L’intervento psicologico clini…

Il periodo di emergenza e di pandemia che stiamo affrontando ha imposto una rivisitazione, da parte degli operatori, dei criteri di gestione dell'approccio clin...

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Le parole della Psicologia

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

Funzione riflessiva

“La funzione riflessiva è l’acquisizione evolutiva che permette al bambino di rispondere non solo al comportamento degli altri, ma anche alla sua concezione dei...

Il linguaggio

L’uomo comunica sia verbalmente che attraverso il non verbale. Il processo del linguaggio ha suscitato da sempre l’interesse degli studiosi essendo essa una car...

News Letters

0
condivisioni