Pubblicità

Bulimia (154866 )

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 539 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Elena, 26

 

Gentile Dottore,
mi chiamo Elena, penso di avere un problema che si chiama Bulimia.
La cosa che mi spaventa maggiormente credo sia il fatto che io sia pienamente cosciente di questo problema. Ritengo opportuno cominciare dal principio.
Circa un anno fa, in un periodo in cui stavo apparentemente bene mi sono abbuffata come al mio solito ma questa volta ho avuto il coraggio di fare una cosa che mai prima avevo fatto ovvero di "infilarmi due dita in bocca".
Dal quel giorno non sono più riuscita a smettere, è una cosa che non faccio costantemente o meglio dipende dal periodo, sono riuscita anche per due mesi a non vomitare ma solo perchè non potevo farlo (ero fuori casa per lavoro a stretto contatto con altra gente).
Ho sempre fatto diete e sono sempre stata seguita da un dietologo perchè sono sovrappeso (158 per 66kg) ma non sono mai riuscita a bloccare le abbuffate(l'ultima proprio ieri sera) a cui peraltro segue il vomito.
Non so a cosa ricondurre il mio problema dal momento che penso di avere una famiglia abbastanza normale, sono cresciuta in ambiente sereno e tranquillo (anche se penso che i miei genitori per il carattere che hanno mi abbiano fatto mancare qualche coccola).
Le mie preoccupazioni maggiori derivano dal fatto che di fronte a questa patalogia io mi sento forte nel senso che sento di poter smettere quando voglio. Il problema è però che non riesco a smettere di abbuffarmi quando voglio.
Inoltre provo quasi un piacere nel mangiare parecchio e poi vomitare, anche se ammetto che in principio non era così.
Non so se sono in grado di uscire da sola da questo tunnel è per questo motivo che chiedo sostegno a voi!
Grazie mille
Elena

Cara Elena,
quello che mi descrive è proprio un disturbo bulimico con abbuffata e condotta di eliminazione (vomito), adesso bisognerebbe capire in cosa consiste l'abbuffata, quante calorie introduce e come si innesca per esempio a seguito di mal di testa o dopo a ver bevuto alcolici o a seguito di una sensazione di fame...
Una volta capito questo potrebbe parlarne con la sua dietologa e decidere insieme come modificare determinate abitudini di vita.
Per quanto riguarda il piacere nell'abbuffarsi e nel vomitare probabilmente è legato alla sensazione di controllo sulla dieta, lei si abbuffa tanto sa che vomitando riuscirà subito ad eliminare il cibo. Per capire meglio quali possono essere i meccanismi dell'abbuffata e quali sono i possibili interventi le consiglio di leggere il mio blog e l'articolo che ho pubblicato recentemente sui disturbi alimentari. Segue questo link https://mirkodaipra.altervista.org/blog/disturbi-del-comportamento-alimentare/
Saluti, Mirko

 

(Risponde il Dott. Dai Prà Mirko)

Pubblicato in data 28/12/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto compagno [1596550507819]

Manugia68, 51 anni  Buongiorno, grazie per l'attenzione. Vorrei chiedervi gentilmente che cosa in termini di comportamento dovrei provare a fare per ...

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

stato apatico [1596135127415]

Cerbero80, 40 anni Premetto che vi scrivo non perché io non sia soddisfatto del lavoro che ho fatto fino ad oggi con la mia terapista, ma prevalentemente p...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Disforia

Il termine viene utilizzato in psichiatria per indicare un'alterazione dell'umore in senso depressivo, caratterizzato da sentimenti spiacevoli, quali tristezza...

Confabulazioni

La confabulazione è un sintomo frequente in alcune malattie psichiatriche, dovuto alla falsificazione dei ricordi. Questa sintomatologia clinica è mostrata da ...

Violenza domestica

La violenza domestica è il comportamento abusante di uno o entrambi i compagni in una relazione intima di coppia, quali il matrimonio e la coabitazione. Second...

News Letters

0
condivisioni