Pubblicità

Bulimia (16012000)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 225 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Valentina, 18 anni (16.1.2000)

Sono una ragazza di 18 anni,che soffre di bulimia da circa un anno e mezzo.Prima di avere questo problema ho passato un periodo in cui sono stata particolarmente attenta al cibo e al mio peso. sono alta 1,72 e ,mentre prima pesavo 52kg ora ne peso 25 di piu'.Sono in cura da uno psicologo che mi ha aiutata a prendere consapevolezza del mio problema ,ma non ci sono stati grandi cambiamenti.Infatti continuo a non accettarmi fisicamente e di conseguenza a volte non esco e mi isolo.Vorrei sapere se secondo voi un aiuto farmacologico potrebbe servirmi.
ps:vi ringrazio per la risposta e per aver creato questo spazio per il dialogo!

Prima di tutto vorrei dire che, forse, lei si aspetta, per il solo fatto di essere in cura da una psicologo, cambiamenti repentini e miracolosi. Il percorso psicoterapeutico è lungo e faticoso, fatto di piccoli passi avanti e, insieme di blocchi e passi indietro. Crescere, a volte, può essere, veramente duro. Una cosa mi stupisce: come mai non ha cercato di chiarire i suoi dubbi o, espremire la sua rabbia per questo non cambiare niente, direttamente con il suo psicoterapeuta? Anche rispetto ai farmaci, come mai non ne ha parlato direttamente con lui? Chi meglio di lui può sapere come stanno le cose? Io, senza sapere nulla di lei, posso dirle che non sono per l'uso indiscriminato dei farmaci. Ogni situazione è una situazione specifica. Non si può generalizzare. Cosa rappresenta per lei il farmaco? La psicoterapia dovrebbe agire come un farmaco? Questo, forse, dovrebbe chiedersi ma, soprattutto, credo, parlarne con il suo psicoterapeuta.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Androfobia

L’androfobia rientra nella grande categoria delle fobie e viene definita come paura degli uomini. Nelle femmine questa paura tende a determinare un’avversione p...

Sindrome di Gerusalemme

La Sindrome di Gerusalemme consiste nella manifestazione improvvisa di impulsi religiosi ed espressioni visionarie, da parte di visitatori della città di Gerusa...

Personalità

“Esistono bisogni emotivi primitivi, esistono bisogni di evitare la punizione e di conservare il favore del gruppo sociale, esistono bisogni di mantenere l’armo...

News Letters

0
condivisioni