Pubblicità

Bulimia (161325 )

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 218 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Mary, 19

 

Gentile Dottore,
sono una ragazza di 19 anni bulimica da anni e dopo tanto tempo pensavo di aver sconfitto questa brutta bestia. Da pochi mesi mi è ritornata la voglia di vomitare perchè quando lo faccio mi sento bene con me stesse e gli altri, solo che adesso accuso dolori forti ai denti, ossa e reni, ma non ne posso fare a meno. La pelle è secca, mi sento orrenda ed io sinceramente ho paura di ritornare come prima, schiava dalla bulimia. Sono giorni che per non vomitare non mangio e così facendo mi gonfio, di consenguenza mi sento un mostro. Tutto ciò mi sta uccidendo per la seconda volta. Io prego davvero, che qualcuno mi dia una mano; questo per me è un grido di aiuto; dimenticavo...faccio uso di lassativi un giorno si ed un altro no da 6 anni da quando questa maledetta bestia si è impadronita di me e il ciclo è di nuovo irregolare.

Cara Mary,
da quanto mi scrivi sembra che tu sia ancora interessata dai disturbi alimentari. Il fatto che tu non abbia vomitato per molto tempo non è indice di asintomaticità: infatti scrivi che hai sempre fatto uso di lassativi. Dovremmo capire se l'attenzione alla forma fisica o al peso abbia pervaso i tuoi pensieri in tutto questo periodo. I disturbi alimentari presentano una certa fluidità nella loro manifestazione ovvero non è detto che una bulimica rimanga sempre bulimica o che un'anoressica senza condotte di eliminazione rimanga sempre tale. a tal proposito ti invito a leggere il mio articolo sui disturbi alimentari https://mirkodaipra.altervista.org/alterpages/files/ArticoloAlimentazione.pdf. In fine ti consiglio di affidarti al tuo medico di base e di rivolgerti ad uno psicoterapeuta ad indirizzo cognitivo-comportamentale specializzato nel trattamento dei disturbi alimentari in modo da affrontare una volta per tutte questa malattia. Saluti, Mirko Dai Prà

 

(Risponde il Dott.Dai Prà Mirko)

Pubblicato in data 22/05/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Ofidiofobia

L’ofidiofobia (dal greco ὄφις ophis "serpente" e φοβία phobia "paura") è la paura patologica dei serpenti. ...

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

L'attenzione

L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri. È quel meccanismo in grado di selezionare le informazio...

News Letters

0
condivisioni