Pubblicità

bulimia (162711 )

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 376 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Ali Joselyn , 19

 

Gentile Dottore,
ho 19 anni e circa da un anno e mezzo soffro di disturbi alimentari. E' cominciato tutto nel 2010 quando ho perso 15 kili e avevo 17anni. Non so cosa sia partito nella mia testa ma ho cominciato ad amarmi e a prendermi cura di me stessa una volta raggiunto l obiettivo di 55kg pero volevo andare oltre cosi persi altri 3kili ma col passar del tempo è diventata una lotta non piu un piacere, voglio tenere sotto collo il mio peso ma quando qualcosa mi sfugge mi abbuffo, ormai è da un anno e mezzo e psicologicamente sono distrutta. Ho ammesso la malattia a me stessa a mia madre e mia sorella e pensavo che una volta ammesso la malattia sarebbe stato meglio,purtroppo però mi son resa conto che ammettere la malattia è solo il primo passo, allora mi chiedo quali sono i successivi passi? sono in grado di guarire? io sono una ragazza molto insicura ma il giudizio che la gente ha di me é che sono superficiale menefreghista in realta ho solo paura ad esternare le mie emozioni i miei sentimenti, non so se questo possa avere a che fare con la bulimia... io penso di si.

Cara Joselyn ,
da quanto descrivi sei nella trappola del disturbo alimentare: spesso si parte con il desiderio di perdere dei Kili poi ci si trova in una situazione di magrezza evidente tuttavia a quel punto si desidera dimagrire di più e non si è più padroni delle nostre scelte perchè ogni comportamento è rivolto non a mantenere un peso basso ma a dimagrire sempre di più. Quindi tutte le nostre risorse sono dirette a monitorare gli alimenti introdotti, le calorie che questi apportano e la forma fisica che ne deriva. Sicuramente l'ammissione di avere una malattia è il primo passo ma per i disturbi alimentari non è sufficiente e c'è bisogno del supporto dei professionisti. In particolare la terapia di elezione per il trattamento dei distrubi del comportamento alimentare è quella Cognitovo-Comportmentale quindi ti consiglio di contattare al più presto un terapeuta ad indirizzo Cognitivo Compoartamentale che ti aiuterà anche ad affrontare i probliemi emotivi di cui hai fatto cenno. Saluti, Mirko Dai Prà

 

(Risponde la Dott. Mirko Dai Prà)

Pubblicato in data 031/07/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le parole della Psicologia

L'attenzione

L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri. È quel meccanismo in grado di selezionare le informazio...

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

Eiaculazione precoce

Può essere definita come la difficoltà o incapacità da parte dell'uomo nell'esercitare il controllo volontario sull'eiaculazione. L’eiaculazione precoce consis...

News Letters

0
condivisioni