Pubblicità

bulimia (162711 )

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 192 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Ali Joselyn , 19

 

Gentile Dottore,
ho 19 anni e circa da un anno e mezzo soffro di disturbi alimentari. E' cominciato tutto nel 2010 quando ho perso 15 kili e avevo 17anni. Non so cosa sia partito nella mia testa ma ho cominciato ad amarmi e a prendermi cura di me stessa una volta raggiunto l obiettivo di 55kg pero volevo andare oltre cosi persi altri 3kili ma col passar del tempo è diventata una lotta non piu un piacere, voglio tenere sotto collo il mio peso ma quando qualcosa mi sfugge mi abbuffo, ormai è da un anno e mezzo e psicologicamente sono distrutta. Ho ammesso la malattia a me stessa a mia madre e mia sorella e pensavo che una volta ammesso la malattia sarebbe stato meglio,purtroppo però mi son resa conto che ammettere la malattia è solo il primo passo, allora mi chiedo quali sono i successivi passi? sono in grado di guarire? io sono una ragazza molto insicura ma il giudizio che la gente ha di me é che sono superficiale menefreghista in realta ho solo paura ad esternare le mie emozioni i miei sentimenti, non so se questo possa avere a che fare con la bulimia... io penso di si.

Cara Joselyn ,
da quanto descrivi sei nella trappola del disturbo alimentare: spesso si parte con il desiderio di perdere dei Kili poi ci si trova in una situazione di magrezza evidente tuttavia a quel punto si desidera dimagrire di più e non si è più padroni delle nostre scelte perchè ogni comportamento è rivolto non a mantenere un peso basso ma a dimagrire sempre di più. Quindi tutte le nostre risorse sono dirette a monitorare gli alimenti introdotti, le calorie che questi apportano e la forma fisica che ne deriva. Sicuramente l'ammissione di avere una malattia è il primo passo ma per i disturbi alimentari non è sufficiente e c'è bisogno del supporto dei professionisti. In particolare la terapia di elezione per il trattamento dei distrubi del comportamento alimentare è quella Cognitovo-Comportmentale quindi ti consiglio di contattare al più presto un terapeuta ad indirizzo Cognitivo Compoartamentale che ti aiuterà anche ad affrontare i probliemi emotivi di cui hai fatto cenno. Saluti, Mirko Dai Prà

 

(Risponde la Dott. Mirko Dai Prà)

Pubblicato in data 031/07/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Ailurofobia

La ailurofobia o elurofobia comp. di ailuro-, dal gr. áilouros ‘gatto’, e -fobia. è la paura irrazionale e persistente dei gatti. La persona che manifesta ques...

Disturbo schizotipico di perso…

Disturbo di personalità  caratterizzato da  isolamento sociale, comportamento insolito e bizzarro,  “stranezze del pensiero.” Il Disturbo schizo...

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione è i...

News Letters

0
condivisioni