Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Bulimia (27102006)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 45 volte

Rosaria 30

Soffro di bulimia da piu' di dieci anni e solo adesso ho preso coscienza della gravita' del problema...Non ho mai voluto ammettere a me stessa di essere malata ho sempre dato colpa al mio caratteraccio non accorgendomi che sono i sintomi della malattia.In breve tempo voglio trovare la forza di parlarne con i miei genitori, per adesso ho avuto il coraggio solo di parlarne con la persona che mi sta vicino e che mi ama tantissimo ed io anche per questo motivo mi sento in colpa e confusa perche' non condivido sempre questo amore...eppure fino a poco tempo fa volevo vivere con lui e avere dei figli ...poi tutto a un tratto non sono piu' sicura di niente lo guardo e iniziano ad evidenziarsi tutti i difetti ai miei occhi essendo poi piu' grande di me di sedici anni mi preoccupo che gli altri mi possano giudicare e penso a come sara' tra dieci anni io quarata lui cinquantacinque, ma fino a poco tempo fa erano pensieri che non sfioravano la mia mente.Allora mi chiedo siccome non e' la prima volta che mi succede di cambiare i miei pensieri cosi' velocemente, mi chiedo saro' mai in grado di amare e vivere una vita senza tanti dubbi e incertezze? Anche se non ricevero' risposta vi ringrazio ugualmente di aver messo a disposizione la vostra professionalita' per aiutare gli altri.

Rosaria, spesso chi soffre di bulimia ha effettivamente...un caratteraccio, nel senso che non convive bene con se stessa e soffre di forti conflittualità interne. I conflitti, da un punto di vista psichico, è facile che si esprimano attraverso dubbi, incertezze, insicurezze e ripensamenti. La bulimia non è una malattia come le altre (per esempio un'influenza), ha la sua origine in un disagio psichico, e si esprime attraverso un rapporto problematico col cibo e col proprio corpo. Ma il nodo centrale riguarda l'identità, il conflitto e l'insicurezza. Ora, che probabilmente è arrivato per lei il momento di scelte importanti, forse il disagio psicologico si sta acutizzando. Fa bene a parlarne in casa, ma farebbe ancora meglio se decidesse finalmente (dieci anni non sono pochi) di rivolgersi ad uno psicoterapeuta per cercare di risolverlo questo problema. E risolverlo, ripeto, significa affrontare le dinamiche psichiche che lo generano. Ci pensi Rosaria, perchè oltre alle insicurezze relative alla sua relazione sentimentale, ci sono anche le sue più personali, che potrebbe stanare e risolvere facendo un buon lavoro su di sé.

(risponde la dott.ssa Elisabetta Corberi)

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Se è amore o amicizia con un r…

ALEXA1, 52     Salve sono Alexa ho 52 anni separata da 15, mi trovo ad affrontare una strana situazione da 9 mesi. ...

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e persistenti del cont...

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

News Letters