Pubblicità

Bulimia (28)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 164 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Elena 29 anni, 23.11.2002

Buongiorno, mio marito, che ha 38 anni, ha preso il vizio di mangiare, abbuffarsi e poi vomitare tutto, questo ultimamente è diventato un'abitudine, se prima lo faceva una volta ogni tanto ora lo fa tutti i giorni.
Pesava 80 Kg e siccome è un "malato" per lo sport, avevo deciso che doveva dimagrire, ha perso 22Kg ora ne pesa 58Kg, ma si vede sempre grasso, e io non riesco a fargli capire che sta sbagliando nel suo comportamento, come posso fare? Grazie

Cara Elena, non credo che tuo marito stia “sbagliando” ma piuttosto che soffra di un disturbo del comportamento alimentare, in modo piuttosto chiaro, da quanto dici.
Se è così, non si tratta di errori di comportamento, ma di disturbo di ordine psicologico.
Credo che per aiutarlo sia importante che lui possa capire questo, che c’è qualcosa che deve affrontare sul piano psichico, che ha a che fare con l’idea che ha di se stesso e con la “maschera” che indossa, con i propri sentimenti di inferiorità ed il tentativo di combatterli inseguendo un modello di perfezione che costantemente si allontana.
Se ne hai voglia vai a dare un’occhiata all’archivio delle domande di psiconline, e cerca quelle che riguardano la bulimia. Oppure, se non l’hai già fatto, leggi gli articoli sui disturbi del comportamento alimentare, sempre sul sito. Lì potrai trovare molte informazioni e forse anche capire quale sia, per te, il comportamento migliore da tenere con tuo marito.
Il consiglio che io posso darti è di non focalizzarti, nei discorsi con lui, sul sintomo (il comportamento alimentare) ma sul disagio interno che lo provoca.
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Noia

È  uno stato psicologico ed esistenziale di insoddisfazione, temporanea o duratura, nata dall'assenza di azione, dall'ozio o dall'essere impegnato in un'at...

Inconscio

Nella sua accezione generica, indica tutte quelle attività della mente inaccessibili alla soglia della consapevolezza Il termine inconscio (dal latino in- cons...

Bad trip

Con l'aggiunta dell'aggettivo bad (bad trip), si indicano in specifico le esperienze psico-fisiche definibili come negative o spiacevoli per il soggetto. In it...

News Letters

0
condivisioni