Pubblicità

bulimia (42251)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 179 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Elisabetta, 31anni (22.8.2001)

Salve!Sono una "ragazza" di 31 anni, felicemente sposata da due anni e ora felicissimamente incinta alla 18a settimana. Io e mio marito abbiamo desiderato questa gravidanza per circa un anno e mezzo, l' attesa stava diventando angosciante, da uno spremiogramma risultava una altissima percentuale di spermatozoi malformati dovuta in minima parte ad un varicocele di terzo grado; lui è stato operato, poi abbiamo scoperto che io ero già incinta prima dell' intervento. Cosa voglio di più dalla vita? Il problema è che per circa 2 anni ('94-'97)sono stata anoressica e in seguito, e fino a tutt' oggi, bulimica. Il problema è nato quando ancora ero studente lavoratrice e vedevo l' università più un limite che un obiettivo, sono entrata nel circolo viziosi di chi si tormenta per non voler ammettere di aver fallito e per non voler dare una delusione a dei genitori eccezionali che con grande sacrificio mi hanno lasciata fare sempre quello che volevo. Avevo smesso per un bel pezzo, ma l' angoscia dell' arrivo mensile delle mestruazioni mi ha fatto ricadere nel vortice. Il grosso problema è che anche se ho ridotto ad un decimo le mie abbuffate, non sono riuscita a smettere del tutto ed ora sono tormentata dalla paura di aver fatto del male al mio bimbo/a. Ho cercato per ore sul web una risposta, ma non si nomina mai la bulimia in gravidanza. Tra due settimane dovrò sottopormi ad ecografia morfologica, credo che non potrei mai perdonarmi di aver rovinato questo dono che la natura ha fatto ad una che forse non lo merita nemmeno. Vi ringrazio anticipatamente per la vostra risposta. Se lei è veramente angosciata come dice cosa aspetta per rivolgersi ad uno psicoterapeuta? E' giusto per se stessa, ma anche per il bimbo che verrà, imparare a vivere più serenamente, avendo sempre il coraggio di guardare in faccia la realtà per essere sempre in grado di affrontarla. Non perda tempo.
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 18 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.18 (libertà di scelta), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo sett...

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Le parole della Psicologia

Fissazione

Nel linguaggio comune, quando parliamo di fissazioni, ci riferiamo a comportamenti che la persona ha sempre messo in atto, che sono diventati abituali e che la ...

Akinetopsia

L'akinetopsia o achinetopsia è un deficit selettivo della percezione visiva del movimento. I pazienti con questo deficit riferiscono di vedere gli oggetti in...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

News Letters

0
condivisioni