Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

bulimia (46992)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 111 volte

Franca, 30anni (4.1.2002)

Odio l'effetto anestetizzante e di stordimento che ha su' di me il cibo,mi sento ubriaca,invece io voglio vederci chiaro!Dicono che le bulimiche usano il cibocome anestetizzante per non vedere cose che non vogliono vedere ;io invece non ho niente da dimenticare e non voglio assolutamente annebbiarmi o accecarmi ioVOGLIO vedere,VOGLIOanalizzare,VOGLIOuscirne!E allora che razza di bullimica sono?Non ci capisco + niente; o come al solito la malattia cerca di portarmi fuori strada o magari e' quell'aspetto della mia personalita' che combatto(eche ho relegato anni fa' in uno sgabuzzino.....almeno questo sta' uscendo fuori dalla mia psicoterapia!)che vuole energizzarsi ,diventare forte e sconfiggermi....Oggi avevo cominciato una dieta x spezzare il digiuno e cercare di controllare le abbuffate dopo aver mangiato 60 gr. di merluzzo mi sentivo piena l'esofago era gonfio .....e qui scatta il finimondo attacco col dessert e non finisco +!In questi momenti mi sento una smidollata una patetica testa di cavolo,eppure io non sono cosi',anzi!Io sono sempre stata quadrata ,lucida,controllata,forte,tenace,caparbia,testarda,un fiore di donna insomma ,!mi saprebbe dire che tipo di bulimia e' la mia?La prego di rispondermi,per favore.
Un enorme grazie in anticipo

Se sono soddisfatti tutti i criteri diagnostici del DSM-IV, si può fare diagnosi di bulima nervosa, in caso diverso, ossia quando sono presenti solo alcuni aspetti riferibili ai suddetti criteri, si parla di disturbo del comportamento alimentare non altrimenti specificato.In questo caso siamo in presenza di un disturbo che rispetto al primo, si differenzia per la frequenza delle abbuffate(meno di 2 volte alla settimana), per l'assenza o il ricorso ridotto a comportamenti compensatori(vomito autoindotto), per l'assenza di abbuffate oggettive ma per la presenza di vomito autoindotto in presenza di abbuffate soggettive. Il soggetto anche dopo 2 biscotti si provoca il vomito.
Sarebbe molto importante capire che funzione svolge la sua domanda sul tipo di bulimia. Cosa ne farebbe della risposta, le sarebbe d'aiuto e in che modo, se la sua risposta fosse affermativa?E la sua terapeuta? Non reputa la sua seduta di psicoterapia come il luogo migliore per comprendere la funzione del suo disturbo? Nella bulimia nervosa, come del resto in tutti i disturbi del comportamento alimentare, sono implicati più fattori che, (cognitivi, emotivi, fisiologici, comportamentali) interagendo tra loro concorrono all'insorgenza e al mantenimento del disturbo. La dieta restrittiva, per esempio, è uno dei fattori che favorisce le abbuffate e l'abbuffata a sua volta, per i sentimenti che provoca, come per es.la paura di ingrassare, induce erroneamente a credere che occorra una dieta ancora più restrittiva per riequilibrare l'eccesso.
E' vero, le abbuffate possono svolgere funzione anestetizzante, ma non solo. In realtà solo lei può scoprire il senso e la funzione che svolgono le sue.Non si preoccupi di che tipo di bulimia soffre, la cosa più importante è di andare avanti nel suo percorso psicoterapeutico cercando di interrompere al più presto la sua modalità di restringere l'alimentazione per dimagrire. Se elimina le abbuffate, mangiando in modo più adeguato, non ingrasserà. Coraggio!

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Belonefobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

Anorgasmia

Con il termine “anorgasmia” si fa riferimento alla mancanza e/o assenza di orgasmo, intesa come difficoltà o incapacità a raggiungere l'orgasmo.  Il termi...

News Letters