Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

bulimia? (48836)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 135 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Leo, 26anni (22.2.2002)

Io sono molto preoccupato per la mia ragazza....Ho paura che lei sia bulimica, ma non ne sono sicuro. So per certo che per lei la forma fisica e il peso spesso sono un'ossessione...L'ho vista piangere, per questo, piu di una volta So con certezza che a 20 anni(ora ne ha 25)la madre aveva tolto le chiavi della porta del bagno perchè lei vomitava dopo aver mangiato......E qualche volta ogni tanto lo fa ancora........Ma non é una cosa sistematica, lo fa solo in particolari periodi in cui é stressata o si sente particolarmente nervosa a causa di problemi familiari o lavorativi e allora magari mangia 20 biscotti e poi va in bagno...........Non mangia quantità enormi di cibo.E' un po in sovrappeso e frequentiamo insieme un dietologo (ha sempre avuto a che fare con le diete lei, anche prima di "noi"),l'anno scorso si era dimagrita 10 chili, ma poi ha avuto problemi in famiglia che le hanno procurato molto stress, ed ha ripreso tutto.La sua famiglia è sicuramente "patologica". I genitori sono anziani (60 anni) e di vecchio stampo. In oltre lei non dispone ancora delle chiavi di casa e dobbiamo sempre dire alla madre a che ora rientriamo.....La madre é molto possessiva e "pilota" la figlia per sentirsi tranquilla.Con loro vive anche la sorella con la famiglia che praticamente non mangia nulla e che sicuramente ha qualche problema.La mia ragazza è molto apprensiva e a volte aggressiva mi vuole tanto bene, mi ama e vuole sposarsi......Ma io ho paura che lei sia bulimica e vorrei che affrontasse i suoi problemi.Datemi delle indicazioni su come fare per capire i suoi problemi per favore....Sto impazzendo....Dimenticavo...Lei lavora è brava sul lavoro, ha delle amiche, ha insomma una sua vita al di fuori del "cibo" che comuque spesso è un problema....

Mi dispiace deluderla, ma non ci sono indicazioni per aiutarla a capire i problemi della sua ragazza. Sicuramente c'è una patologia relativa al comportamento alimentare ma solo la sua fidanzata può fare veramente qualcosa. Prima di tutto, la cosa più importante è la presa di coscienza del proprio disturbo. Lei, in realtà, può aiutarla solo in questo. Spingerla, ma senza forzature, a parlare di sè e delle sue difficoltà al fine di giungere ad una piena consapevolezza di sè e del proprio disagio. Solo così potrà rendersi conto della necessità di essere aiutata e ,di conseguenza, di affrontare una psicoterapia che, sicuramente in questo caso, si rende necessaria.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Controtransfert

“L’idea che il controtransfert rappresenti una creazione congiunta dell’analista e dell’analizzando riflette un movimento verso una concezione dell’analisi come...

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Erotomania

In psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona provi sentimenti amorosi nei suoi...

News Letters

0
condivisioni