Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

bulimia (49238)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 198 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Roberta, 20anni (10.3.2002)

Gentile dottore,le vorrei raccontare la mia storia.Mi chiamo Roberta,ho 20 anni,e la mia vita,fino a 2 mesi fa,è sempre stata felice.Dico fino a 2 mesi fa in quanto il 17 gen.scorso,il mio ragazzo mi ha lasciata,dopo 2 anni,senza spiegazioni ne motivi apparenti(anche se io credo sia x un altra).Io ho preso molto male questo fatto,anche perchè lui è sempre stato innamoratissimo di me,e non riuscivo -e non riesco tuttora - a spiegarmi il motivo.Ho provato ad insistere con lui per farmi dare una seconda possibilità,ma non ci sono riuscita,allora ho pensato che se mi sarebbe successo qualcosa di grave lui si sarebbe riavvicinato a me.
Casualmente,nei giorni in cui mi frullava per la testa questa idea ho visto una trasmissione che parlava della bulimia,e mi sono convinta che quella era la soluzione giusta per far tornare il mio ragazzo da me.Per i primi giorni non sono riuscita a vomitare,e questo mi faceva molta rabbia,allora un giorno in cui ero sola in casa ho mangiato una quantità di cibo veramente indecente,e a quel punto vomitare è stato facile.in quel momento mi sentivo un leone,perchè sapevo che presto sarei potuta finire all'ospedale,e nella mia mente vedevo l'immagine di me nel letto con lui accanto che mi diceva che mi sarebbe stato sempre vicino....ho continuato per qualche giorno,poi però ho deciso di dirglelo,chiedendogli aiuto,mettendolo alle strette credevo che mi avrebbe supportato.Lui c'è rimasto malissimo,e mi ha detto che mi avrebbe aiutato,allora abbiamo iniziato a rivederci,da amici,ma io mi accontentavo...perchè mentre a lui dicevo che stavo migliorando in realtà ogni giorno continuavo ad abbuffarmi per poi vomitare.Il mio unico scopo era,e forse lo è tuttora,quello di finire all'ospedale per riappacificarmi con lui.Solo che prima credevo che avrei potuto smettere in qualsiasi momento, controllare la situazione,e dopo aver ottenuto il mio scopo(cioè tornare con lui) dire basta e tornare alla vita di sempre.
Ora invece ho il terrore di non riuscirci +,ho paura che questa malattia sia entrata dentro di me,perchè ogni volta che mangio non posso non vomitare,sto troppo male,i sensi di colpa mi attanagliano,e allora vomito.Ma la cosa che mi fa + paura è che dopo che l'ho fatto,anche se gli occhi mi lacrimano e le gambe mi tremano sono felice perchè sento che il momento che lui tornerà con me si avvicina.so che è una cosa stupida,e che il suo consiglio sarà quello di dire che per amore non si fanno queste cose,e che se voglio che lui torni con me devo farmi vedere forte e felice(cosa che adesso non sono),ma io lui lo conosco,e so che questo è solo un momento di crisi che ha,perchè il nostro amore era troppo forte,e non credo che una persona possa cambiare idea così,da un momento all'altro.Inoltre quando ci vediamo stiamo benissimo insieme,e ieri sono riuscita a strappargli una possibilità...cioè quella di rivedersi non da amici,ma come qualcosa di +....di questo vorrei essere felice,ma non ci riesco,perchè lui ha detto di voler essere libero...So che le persone non si possono costringere,ma sono sicura che se gli facessi paura veramente(tipo andando all'ospedale)capirebbe quanto sono importanteper lui!Perciò,anche se una parte di me vorrebbe guarire,l'altra non vuole,io devo continuare a vomitare,per riconquistare il mio amore!Ma ho paura,e non ho la forza di lottare...e non vorrei poter arrivare al punto che non guarisco +...ho pensato anche di iniziare a fare uso di lassativi,perchè il vomito indotto mi causa dei forti bruciori di stomaco.Cosa mi consiglia?
Grazie mille.

Che tipo di consiglio si aspetta, o meglio, rispetto a cosa? Lei sta rischiando enormente sia sul piano della salute che su quello psicologico. Dovrebbe riflettere sul significato di quanto sta accadendo. Pensa che l'amore si può comprare o estorcere? E come pensa di continuare a mantenerlo, con una malattia? Perchè la bulimia è una malattia che rende schiavi e infelici, non è un gioco. Rifletta attentamente sui rischi che sta correndo e sulla gravità di quanto sta facendo per non voler affrontare il dolore suscitato dall'abbandono e dal rifiuto. Se non riesce da sola ad affrontare la situazione è bene che si rivolga ad uno psicologo.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Transfert

Trasferimento sulla persona dell'analista delle rappresentazioni inconsce proprie del paziente Il termine transfert dal latino “transfĕrre” - &lsqu...

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

News Letters

0
condivisioni