Pubblicità

bulimia (49238)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 208 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Roberta, 20anni (10.3.2002)

Gentile dottore,le vorrei raccontare la mia storia.Mi chiamo Roberta,ho 20 anni,e la mia vita,fino a 2 mesi fa,è sempre stata felice.Dico fino a 2 mesi fa in quanto il 17 gen.scorso,il mio ragazzo mi ha lasciata,dopo 2 anni,senza spiegazioni ne motivi apparenti(anche se io credo sia x un altra).Io ho preso molto male questo fatto,anche perchè lui è sempre stato innamoratissimo di me,e non riuscivo -e non riesco tuttora - a spiegarmi il motivo.Ho provato ad insistere con lui per farmi dare una seconda possibilità,ma non ci sono riuscita,allora ho pensato che se mi sarebbe successo qualcosa di grave lui si sarebbe riavvicinato a me.
Casualmente,nei giorni in cui mi frullava per la testa questa idea ho visto una trasmissione che parlava della bulimia,e mi sono convinta che quella era la soluzione giusta per far tornare il mio ragazzo da me.Per i primi giorni non sono riuscita a vomitare,e questo mi faceva molta rabbia,allora un giorno in cui ero sola in casa ho mangiato una quantità di cibo veramente indecente,e a quel punto vomitare è stato facile.in quel momento mi sentivo un leone,perchè sapevo che presto sarei potuta finire all'ospedale,e nella mia mente vedevo l'immagine di me nel letto con lui accanto che mi diceva che mi sarebbe stato sempre vicino....ho continuato per qualche giorno,poi però ho deciso di dirglelo,chiedendogli aiuto,mettendolo alle strette credevo che mi avrebbe supportato.Lui c'è rimasto malissimo,e mi ha detto che mi avrebbe aiutato,allora abbiamo iniziato a rivederci,da amici,ma io mi accontentavo...perchè mentre a lui dicevo che stavo migliorando in realtà ogni giorno continuavo ad abbuffarmi per poi vomitare.Il mio unico scopo era,e forse lo è tuttora,quello di finire all'ospedale per riappacificarmi con lui.Solo che prima credevo che avrei potuto smettere in qualsiasi momento, controllare la situazione,e dopo aver ottenuto il mio scopo(cioè tornare con lui) dire basta e tornare alla vita di sempre.
Ora invece ho il terrore di non riuscirci +,ho paura che questa malattia sia entrata dentro di me,perchè ogni volta che mangio non posso non vomitare,sto troppo male,i sensi di colpa mi attanagliano,e allora vomito.Ma la cosa che mi fa + paura è che dopo che l'ho fatto,anche se gli occhi mi lacrimano e le gambe mi tremano sono felice perchè sento che il momento che lui tornerà con me si avvicina.so che è una cosa stupida,e che il suo consiglio sarà quello di dire che per amore non si fanno queste cose,e che se voglio che lui torni con me devo farmi vedere forte e felice(cosa che adesso non sono),ma io lui lo conosco,e so che questo è solo un momento di crisi che ha,perchè il nostro amore era troppo forte,e non credo che una persona possa cambiare idea così,da un momento all'altro.Inoltre quando ci vediamo stiamo benissimo insieme,e ieri sono riuscita a strappargli una possibilità...cioè quella di rivedersi non da amici,ma come qualcosa di +....di questo vorrei essere felice,ma non ci riesco,perchè lui ha detto di voler essere libero...So che le persone non si possono costringere,ma sono sicura che se gli facessi paura veramente(tipo andando all'ospedale)capirebbe quanto sono importanteper lui!Perciò,anche se una parte di me vorrebbe guarire,l'altra non vuole,io devo continuare a vomitare,per riconquistare il mio amore!Ma ho paura,e non ho la forza di lottare...e non vorrei poter arrivare al punto che non guarisco +...ho pensato anche di iniziare a fare uso di lassativi,perchè il vomito indotto mi causa dei forti bruciori di stomaco.Cosa mi consiglia?
Grazie mille.

Che tipo di consiglio si aspetta, o meglio, rispetto a cosa? Lei sta rischiando enormente sia sul piano della salute che su quello psicologico. Dovrebbe riflettere sul significato di quanto sta accadendo. Pensa che l'amore si può comprare o estorcere? E come pensa di continuare a mantenerlo, con una malattia? Perchè la bulimia è una malattia che rende schiavi e infelici, non è un gioco. Rifletta attentamente sui rischi che sta correndo e sulla gravità di quanto sta facendo per non voler affrontare il dolore suscitato dall'abbandono e dal rifiuto. Se non riesce da sola ad affrontare la situazione è bene che si rivolga ad uno psicologo.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Imprinting

L'imprinting è una forma di apprendimento precoce secondo la quale i neonati, nel periodo immediatamente successivo alla nascita, vengono condizionati dal primo...

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

La Dislessia

I DSA sono disturbi del neurosviluppo che riguardano la capacità di leggere, scrivere e calcolare in modo corretto e fluente che si manifestano con l'inizio del...

News Letters

0
condivisioni