Pubblicità

bulimia? (49278)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 214 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Luisa, 24anni (18.3.2002)

La mia è una richiesta di aiuto che riguarda una mia carissima amica che ha 25 anni, è alta 1,71 e peserà 50 kg circa (se non meno). Questa mia amica negli ultimi 8-9 mesi ha cominciato ad avere comportamenti strani con il cibo e non solo (è come se recitasse una parte). ho infatti notato che spesso si abbuffa agli orari più strani per poi scomparire in bagno per 10-15 minuti,spesso a casa salta i pasti, si è messa a fare sport 2 volte a settimana (mentre prima non faceva nulla).Recentemente io le ho voluto parlare di questo suo rapporto con il cibo perchè mi era sembrato di sentirla vomitare e lei mi ha risposto che in effetti ha degli attacchi incontrollati di fame e che ogni volta che si abbuffa,le viene mal di pancia (non vomito) e che quindi deve andare in bagno (è possibile una reazione del genere?).Io le ho proposto di andare da un dieltologo o da uno psicologo.
Lei, al momento, ha accettato l'idea del dietologo mentre di fronte all'idea dello psicologo si è messa a ridere. Da quel giorno non è mai più voluta tornare sull'argomento se non per dirmi che lei sta bene e che non ha un problema con il cibo ma che si tratta solo di avere qualche problema in più a digerire. La cosa che mi ha convinta a chiedere aiuto a voi è che qualche giorno fà siamo uscite a cena e dopo aver mangiato e bevuto parecchio lei ha mangiato molte tartine accompagnate da 2 cocktails alcolici,poi si è chiusa in bagno per 10 minuti e quando è uscita ha detto:"ho una fame pazzesca! non sono normale!".Da qui non sto a raccontare quello che ha mangiato perchè mi ha spaventata (e non solo me.) Io sono terrorizzata perchè non so come convincerla ad andare a farsi curare, non posso dirlo a sua madre (che mi domando come possa non capire) perchè ha problemi cardiaci, e vedo che lei (da quando le ho parlato) arriva al punto di mentirmi.Vi chiedo aiuto, per sapere quale deve essere il mio comportamento perchè ho notato che finora ogni volta che ho parlato ho creato in lei una barriera nei miei confronti.
vi ringrazio moltissimo Luisa

Purtroppo la sua non è una posizione facile. Le persone con questo tipo di problema tendono a negare la malattia, quindi rifiutano qualunque tipo di aiuto. Non è facile, dunque, darle dei suggerimenti. Può solo continuare a starle vicino cogliendo il momento adatto per affrontare il problema. Solo quando sarà stanca di abbuffarsi e vomitare, quando, cioè si renderà conto di non dominare più la situazione ma anzi di esserne dominata, con molta probabilità chiederà aiuto. E' importante capire che la malattia rappresenta l'unico modo che la sua amica ha trovato per affrontare difficoltà ben più profonde che nulla hanno a che fare con il cibo in sè. Dietro questo tipo di disturbo si nasconde spesso un negativo concetto di sè e una scarsa autostima.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Elementi di Diritto per lo psi…

In questo articolo forniremo dettagliatamente alcuni elementi basilari di diritto per lo psicologo clinico che si trovi chiamato ad operare direttamente nel con...

Le parole della Psicologia

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opinione preconce...

Aerofobia

Con il termine aerofobia (o aviofobia) viene definita la paura di volare in aereo per via di uno stato d'ansia a livelli significativi. ...

Cervelletto

Il cervelletto è una delle strutture più grandi del sistema nervoso, circa 1/3 dell'intero volume intracranico ed è presente in tutti i vertebrati. Anatomica...

News Letters

0
condivisioni