Pubblicità

Bulimia (52637)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 160 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Marta 15 anni 14.09.02

Salve, ho 15 anni e da un mese circa soffro di bulemia. ero appena uscita da un periodo di crisi, durante il quale avevo sofferto di anoressia mentre ero in un viaggio studio da sola. pensavo che, ora che ero tornata a casa, sarei finalmente riuscita ad uscirne, invece la situazione è peggiorata. ora che ho ricominciato ad andare a scuola ho paura di non reggere i ritmi, di non riuscire più a studiare, perchè il mio unico pensiero è il cibo, e dopo aver mangiato passo il pomeriggio a vomitare. non so come fare a smettere, e ho paura di dirlo a chiunque. i miei non se ne sono ancora accorti; spesso vorrei parlarne con loro e farmi aiutare, ma poi penso che non capirebbero e penserebbero soltanto che sono una stupida... cosa posso fare? devo rivolgermi al mio medico? ho paura che potrebbe dire tutto quanto ai miei e, per me, sarebbe la cosa peggiore... però so che da sola non ce la farò mai a superare questa crisi: ho bisogno di aiuto. grazie di tutto, Marta.

Credo, invece, che parlarne con il suo medico possa essere una buona idea. Può discutere con lui l'opportunità di parlarne con i suoi genitori. Anzi, può rivelarsi molto utile se a parlare con i suoi genitori del suo disagio attuale è il suo medico curante. E' importante che i suoi genitori sappiano come stanno le cose, che siano coinvolti. Non aspetti, in questi casi, è bene intervenire al più presto.-

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Disturbo schizotipico di perso…

Disturbo di personalità  caratterizzato da  isolamento sociale, comportamento insolito e bizzarro,  “stranezze del pensiero.” Il Disturbo schizo...

Disturbo Schizotipico di Perso…

L'individuo con Disturbo Schizotipico di Personalità presenta tratti di stranezza, eccentricità, così come un marcato e persistente isolamento sociale. Il dist...

News Letters

0
condivisioni