Pubblicità

Bulimia (52637)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 178 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Marta 15 anni 14.09.02

Salve, ho 15 anni e da un mese circa soffro di bulemia. ero appena uscita da un periodo di crisi, durante il quale avevo sofferto di anoressia mentre ero in un viaggio studio da sola. pensavo che, ora che ero tornata a casa, sarei finalmente riuscita ad uscirne, invece la situazione è peggiorata. ora che ho ricominciato ad andare a scuola ho paura di non reggere i ritmi, di non riuscire più a studiare, perchè il mio unico pensiero è il cibo, e dopo aver mangiato passo il pomeriggio a vomitare. non so come fare a smettere, e ho paura di dirlo a chiunque. i miei non se ne sono ancora accorti; spesso vorrei parlarne con loro e farmi aiutare, ma poi penso che non capirebbero e penserebbero soltanto che sono una stupida... cosa posso fare? devo rivolgermi al mio medico? ho paura che potrebbe dire tutto quanto ai miei e, per me, sarebbe la cosa peggiore... però so che da sola non ce la farò mai a superare questa crisi: ho bisogno di aiuto. grazie di tutto, Marta.

Credo, invece, che parlarne con il suo medico possa essere una buona idea. Può discutere con lui l'opportunità di parlarne con i suoi genitori. Anzi, può rivelarsi molto utile se a parlare con i suoi genitori del suo disagio attuale è il suo medico curante. E' importante che i suoi genitori sappiano come stanno le cose, che siano coinvolti. Non aspetti, in questi casi, è bene intervenire al più presto.-

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Area Professionale

Articolo 4 - il Codice Deontol…

Articolo 4 Nell’esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro ...

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Le parole della Psicologia

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Paranoia

La paranoia è una psicosi caratterizzata dallo sviluppo di un delirio cronico (di grandezza, di persecuzione, di gelosia, ecc.), lucido, sistematizzato, dotat...

News Letters

0
condivisioni