Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

bulimia (537)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 347 volte

Martina, 31 ( 537 )

La mia Storia: Buonasera,
leggendo il suo blog, devo dedurre che ho un problema con l'alimentazione... sono vegetariana da 17 anni il che mi porta a mangiare molti carboidrati, sono sempre stata una sportiva e più o meno ho sempre avuto un'alimentazione controllata ma mai ossessiva.
Premetto che ho 31 anni sono alta 1,65 e peso 50 kg, ultimamente mi sono resa conto che il mio rapporto con il cibo è compulsivo e ossessivo, passo da settimane di digiuno o quasi, (solo verdure e proteine in polvere) a giorni di abbuffate di dolciumi e schifezze varie fino al punto che ho fortissimi dolori addominali per lo sforzo dello stomaco nel contenere il cibo, ma questo non basta a fermarmi perchè mangio ancora cioccolata e bevo bibite gassate il tutto naturalmente senza farmi vedere perchè mi vergogno come una ladra.
Ho notato che l'importante è non avvicinarsi agli zuccheri perchè questi mi innescano una reazione a catena per cui devo mangiare di continuo, certe volte vado a letto dalla disperazione e mi sveglio con il pensiero del cibo!!! sinceramente mi faccio schifo, tutto qui, sono sicura che dipenda da problemi di affetto o cose simili perchè ogni volta che ho un dispiacere o una delusione cerco cioccolata o simili anche se non ho minimamente voglia di mangiare.
Oltre a questo le persone che mi circondano sono molto magre con tendenza all'anoressia (il mio capo è 38 kg alta 1,53) e questo mi spinge a fare paragoni e a sentirmi disadatta, anche le ex del mio ragazzo erano tutte magrissime e con le gambe longilinee cosa che io non avrò mai visto che ho sempre fatto sport maschili e quindi sono muscolose di partenza.
Come se non bastasse il mio fisico si sta ribellando perchè mi sono resa conto che ora se mangio zuccheri, la notte ho ipersudorazione e subito dopo mangiato se mangio carboidrati ho sonnolenza se mangio qualsiasi altra cosa mi fa malissimo lo stomaco e si gonfia molto l'intestino. in estate ero 45/46 kg e il mio obiettivo è tornare a quel peso, ma mi rendo conto che sto sbagliando perchè ho iniziato ad andare in palestra tutti i giorni a fare solo attività aerobica e prima ho cercato come indurre il vomito... credo di aver toccato il fondo... o quasi! grazie per ora

 


Gentile martina, lei stessa afferma di avere un grosso problema con il cibo. Si lasci aiutare. Scrivere qui può essere stato un primo passo, ma non è abbastanza. Deve cercare un aiuto concreto. Dal modo in cui ha impostato la sua lettera, si direbbe che fosse rivolta ad un collega in particolare. Se ritiene, può contattarlo/a in privato usando i recapiti che trova sul sito. Il problema non è tenersi magra, ma mangiare consapevolmente senza lasciarsi dominare dalle emozioni. Le faccio i miei auguri.

 

(Risponde la Dott.ssa Agnese Tiziana Magno)

Pubblicato in data 08/05/2015

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Dissociazione

La dissociazione come alterazione della struttura psichica e immagini contraddittorie di Sè. Il termine dissociazione in psicopatologia e psichiatria è identif...

Disturbi somatoformi

I Disturbi Somatoformi rappresentano una categoria all’interno della quale sono racchiuse entità cliniche caratterizzate dalla presenza di sintomi fisici non im...

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

News Letters