Pubblicità

bulimia (537)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 656 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Martina, 31 ( 537 )

La mia Storia: Buonasera,
leggendo il suo blog, devo dedurre che ho un problema con l'alimentazione... sono vegetariana da 17 anni il che mi porta a mangiare molti carboidrati, sono sempre stata una sportiva e più o meno ho sempre avuto un'alimentazione controllata ma mai ossessiva.
Premetto che ho 31 anni sono alta 1,65 e peso 50 kg, ultimamente mi sono resa conto che il mio rapporto con il cibo è compulsivo e ossessivo, passo da settimane di digiuno o quasi, (solo verdure e proteine in polvere) a giorni di abbuffate di dolciumi e schifezze varie fino al punto che ho fortissimi dolori addominali per lo sforzo dello stomaco nel contenere il cibo, ma questo non basta a fermarmi perchè mangio ancora cioccolata e bevo bibite gassate il tutto naturalmente senza farmi vedere perchè mi vergogno come una ladra.
Ho notato che l'importante è non avvicinarsi agli zuccheri perchè questi mi innescano una reazione a catena per cui devo mangiare di continuo, certe volte vado a letto dalla disperazione e mi sveglio con il pensiero del cibo!!! sinceramente mi faccio schifo, tutto qui, sono sicura che dipenda da problemi di affetto o cose simili perchè ogni volta che ho un dispiacere o una delusione cerco cioccolata o simili anche se non ho minimamente voglia di mangiare.
Oltre a questo le persone che mi circondano sono molto magre con tendenza all'anoressia (il mio capo è 38 kg alta 1,53) e questo mi spinge a fare paragoni e a sentirmi disadatta, anche le ex del mio ragazzo erano tutte magrissime e con le gambe longilinee cosa che io non avrò mai visto che ho sempre fatto sport maschili e quindi sono muscolose di partenza.
Come se non bastasse il mio fisico si sta ribellando perchè mi sono resa conto che ora se mangio zuccheri, la notte ho ipersudorazione e subito dopo mangiato se mangio carboidrati ho sonnolenza se mangio qualsiasi altra cosa mi fa malissimo lo stomaco e si gonfia molto l'intestino. in estate ero 45/46 kg e il mio obiettivo è tornare a quel peso, ma mi rendo conto che sto sbagliando perchè ho iniziato ad andare in palestra tutti i giorni a fare solo attività aerobica e prima ho cercato come indurre il vomito... credo di aver toccato il fondo... o quasi! grazie per ora

 


Gentile martina, lei stessa afferma di avere un grosso problema con il cibo. Si lasci aiutare. Scrivere qui può essere stato un primo passo, ma non è abbastanza. Deve cercare un aiuto concreto. Dal modo in cui ha impostato la sua lettera, si direbbe che fosse rivolta ad un collega in particolare. Se ritiene, può contattarlo/a in privato usando i recapiti che trova sul sito. Il problema non è tenersi magra, ma mangiare consapevolmente senza lasciarsi dominare dalle emozioni. Le faccio i miei auguri.

 

(Risponde la Dott.ssa Agnese Tiziana Magno)

Pubblicato in data 08/05/2015

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Le parole della Psicologia

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Riserva cognitiva

Alla fine degli anni Ottanta viene riconosciuta e definita la capacità individuale di resistere al deterioramento cognitivo fisiologico o patologico. Possono e...

Angoscia

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angosci...

News Letters

0
condivisioni