Pubblicità

bulimia (537)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 406 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Martina, 31 ( 537 )

La mia Storia: Buonasera,
leggendo il suo blog, devo dedurre che ho un problema con l'alimentazione... sono vegetariana da 17 anni il che mi porta a mangiare molti carboidrati, sono sempre stata una sportiva e più o meno ho sempre avuto un'alimentazione controllata ma mai ossessiva.
Premetto che ho 31 anni sono alta 1,65 e peso 50 kg, ultimamente mi sono resa conto che il mio rapporto con il cibo è compulsivo e ossessivo, passo da settimane di digiuno o quasi, (solo verdure e proteine in polvere) a giorni di abbuffate di dolciumi e schifezze varie fino al punto che ho fortissimi dolori addominali per lo sforzo dello stomaco nel contenere il cibo, ma questo non basta a fermarmi perchè mangio ancora cioccolata e bevo bibite gassate il tutto naturalmente senza farmi vedere perchè mi vergogno come una ladra.
Ho notato che l'importante è non avvicinarsi agli zuccheri perchè questi mi innescano una reazione a catena per cui devo mangiare di continuo, certe volte vado a letto dalla disperazione e mi sveglio con il pensiero del cibo!!! sinceramente mi faccio schifo, tutto qui, sono sicura che dipenda da problemi di affetto o cose simili perchè ogni volta che ho un dispiacere o una delusione cerco cioccolata o simili anche se non ho minimamente voglia di mangiare.
Oltre a questo le persone che mi circondano sono molto magre con tendenza all'anoressia (il mio capo è 38 kg alta 1,53) e questo mi spinge a fare paragoni e a sentirmi disadatta, anche le ex del mio ragazzo erano tutte magrissime e con le gambe longilinee cosa che io non avrò mai visto che ho sempre fatto sport maschili e quindi sono muscolose di partenza.
Come se non bastasse il mio fisico si sta ribellando perchè mi sono resa conto che ora se mangio zuccheri, la notte ho ipersudorazione e subito dopo mangiato se mangio carboidrati ho sonnolenza se mangio qualsiasi altra cosa mi fa malissimo lo stomaco e si gonfia molto l'intestino. in estate ero 45/46 kg e il mio obiettivo è tornare a quel peso, ma mi rendo conto che sto sbagliando perchè ho iniziato ad andare in palestra tutti i giorni a fare solo attività aerobica e prima ho cercato come indurre il vomito... credo di aver toccato il fondo... o quasi! grazie per ora

 


Gentile martina, lei stessa afferma di avere un grosso problema con il cibo. Si lasci aiutare. Scrivere qui può essere stato un primo passo, ma non è abbastanza. Deve cercare un aiuto concreto. Dal modo in cui ha impostato la sua lettera, si direbbe che fosse rivolta ad un collega in particolare. Se ritiene, può contattarlo/a in privato usando i recapiti che trova sul sito. Il problema non è tenersi magra, ma mangiare consapevolmente senza lasciarsi dominare dalle emozioni. Le faccio i miei auguri.

 

(Risponde la Dott.ssa Agnese Tiziana Magno)

Pubblicato in data 08/05/2015

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opinione preconce...

Pedofilia

  Con il termine pedofilia si intende un disturbo della sessualità di tipo parafilico, caratterizzato da intensi e ricorrenti impulsi o fantasie sessuali ...

Manipolazione

La manipolazione psicologica è un tipo di influenza sociale, finalizzata a cambiare la percezione o il comportamento degli altri, usando schemi e metodi subdoli...

News Letters

0
condivisioni