Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Bulimia (70040)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 151 volte

Olivia 28 anni, 10.02.2004

Avevo 15 quando a svuola tutti mi dicevano che oro grassa, e mi prendevano in giro. Inizialmente non ci facevo caso, ma poi il problema ha iniziato ad interessarmi seriamente. Non mangiavo a scuola nellora di pranzo, e poi a casa a cena, avevo eliminato tutte le merende fuori pasto.
Prima di compiee 16 anni, non ero ancora degenerata. Poi dopo la morte di mia madre, e dopo che mio padre ha cominciato a bere "per dimenticare" il mio peso è completamente degenerato.
Un po' come reazione al giudizio altrui, un po' perchè volevo attirare l'attenzione nei confronti di mio padre che non mi guardava proprio. Ossessionato dall'alcohol.
Ma i ragazzi finalmente mi guardavano, ero invitata alle feste e avevo molte più amiche. Mangiavo dolci, tantissimo cioccolato o anche solo una mela e subito correvo in bagno a mettermi due dita in gola.
Tanto che a 16 anni e mezzo mio padre mi fece mettere in una clinica per anoressiche e bulimiche.
Ci rimasi due mesi, ripresi un peso normale, non i miei soliti 80 kg di prima, ma nemmeno i 38 di quando ero anoressica.
Nonostante questo non sono tornata al peso iniziale e non lo sono tutt'ora. Sono "guarita", nel senso che non sono ossessionata dalla bellezza esteriore (forse perchè sto con un uomo che adoro e che mi aiuta molto da 4 anni), e sono la prima a dire che la bellezza esteriore è relativa, ma nonostante questo mi capita ancora spesso di abbuffarmi mettermi due dita in gola.
Credo di farlo perchè mi sento in colpa, ma non lo so. A volte voglio davvero farmi del male, come se volessi punire.
E non lo faccio tagliandomi, ma vomitando tutto quello che mangio. Poi mi prende una rabbia immensa nei confroti di mio padre perchè non si ü mai curato di me, solo ora. Ma lo rifiuto.
E ogni volta che lo vedo mi viene d'abbuffarmi e vomitare, o quando sono arrabbiata col mondo, con lui. Perchè non ha solo rovinato la sua vita, ha segnato pure la mia. È per questo che lo odio. È per questo che mi faccio del male in questo modo...

La tua lettera mostra lucidamente le ragioni che ti portano al problema di bulimia: c'è una sofferenza che ti porti dentro da molto tempo e che sfoghi con il cibo.
Sei consapevole che quello che mangi e poi vomiti rappresenta da tempo il tuo disagio verso la vita, verso tutto quello che senti di ingiusto e che non puoi accettare.
E' necessario elaborare meglio il rapporto con la figura paterna, comprendere i motivi che ti portano a provare rabbia e rifiuto.
Solo riconoscendo obiettivamente come sono andate le cose nella tua storia, solo riconoscendo le ragioni che ti portano a provare sentimenti ambivalenti, potrai trovare la tua autonomia dal passato e dalle esperienze pregresse e costruire un rapporto più chiaro e maturo con chi hai vicino.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Controtransfert

“L’idea che il controtransfert rappresenti una creazione congiunta dell’analista e dell’analizzando riflette un movimento verso una conc...

Coping

In che modo tendiamo a superare gli ostacoli e lo stress che la vita ci sottopone? Attuando strategie di coping!! Dall’inglese to cope (affrontare) il te...

Lapsus

Il lapsus (in latino "caduta/scivolone") è un errore involontario consistente nel sostituire un suono o scrivere una lettera invece di un’altra, nella fusione d...

News Letters