Pubblicità

BULIMIA-DEPRESSIONE (068483)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 276 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

MARTINA 19 anni, 1.12.2003

La parola bulimia e depressione mi sembrano un pò troppo grandi e mi spaventano molto!
Proprio per questo non mi va di parlarne con le persone che mi stanno attorno (anche perchè caratterialmente sono una persona abbastanza introversa e non riesco ad "aprirmi" molto con gli altri).
Proprio per questo mi rivolgo a Voi.
Vi chiedo se si può parlare di depressione quando si ha sempre l'impressione di non poter essere felici, quando si sente una sorta di "malessere" dentro inspiegabile, anche nei momenti in cui si dovrebbe essere felici.
Insomma, una sensazione difficile da spiegare, una sensazione di continua ed immotivata infelicità che mi porta a chiudermi ancora di più in me stessa e ad essere aggressiva con tutti proprio perchè sto male e non riesco ad esprimermi!
Per quanto riguarda la bulimia (che cmq non credo sia il mio caso),posso dire che io sono ossessionata dal mio aspetto fisico, o meglio, dal mio peso e dall'idea che devo dimagrire. per questo durante tutta la settimana mangio molto regolarmente e soltanto al sabato in cui mi autoconvinco che posso mangiare TUTTO quello di cui mi sono privata durante la settimana, dopo essermi "strafogata", mi sento in colpa (oltre a sentirmi male fisicamente) e sento che solo vomitando potrò star meglio.
In realtà, dopo averlo fatto, sto peggio sia fisicamente che psicologicamente (mi viene da piangere perchè mi faccio schifo, divento ancora più aggressiva con gli altri e non ho nessuna voglia di uscire perchè voglio star sola).
Mi chiedo se è solo una fase passeggiera (anche se sono quasi due anni che faccio così e davvero non ce la faccio più, se devo considerarmi un pò depressa o bulimica e di conseguenza come devo fare per non sentirmi e per non comportarmi più così, perchè sono davvero stanca di tutto ciò e vorrei tanto sentirmi bene. Vi ringrazio molto fin d'ora per la possibilità offertami!

L'unica cosa che posso fare è consigliarle di non sottovalutare il suo malessere.
Se trattasi di bulimia o meno può dirlo solo un'esperto al quale occorre dare una serie di informazioni che lei qui non ha fornito.
Le informazioni che lei ha fornito non bastano per poter fare una diagnosi.
Al di là di tutto, la invito a parlarne con i suoi genitori, con una amica, con qualcuno, insomma che possa darle una mano. Intendendo con ciò una persona che possa starle vicino.
Se vuole capire cosa le succede, se vuole che le cose cambino, è necessario che intraprenda una psicoterapia.
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Training Autogeno

Il training autogeno nasce come tecnica ideata da J.H. Schultz, neurologo e psichiatra.Training significa “allenamento”, autogeno “che si genera da sé”; ciò dif...

Io

"Nella sua veste di elemento di confine l'Io vorrebbe farsi mediatore fra il mondo e l'Es, rendendo l'Es docile nei confronti del mondo e facendo, con la propri...

Belonefobia

La belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

News Letters

0
condivisioni