Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

bulimia e anoressia (46516)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 144 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Claudia, 17anni (16.12.2001)

Sono una studentessa,e nella mia famiglia siamo 5 più mia nonna materna,la quale è malata.è da qualche anno che ho problemi con il cibo:tutto penso che sia iniziato quando,essendo grossa,sono andata dal dietologo per dimagrire.da premettere che ho preso questa decisione perchè mi trovavo a disagio con gli altri e perchè mia madre diceva che si vergognava di avere una figlia così grossa. dopo essere dimagrita o riniziato ad abbuffarmi,queso 2 anni fa,e verso la fine di agosto ho iniziato a rimettere quello che mangiavo,questo circa per 1 anno anche se capitava a distanza di 2 settimane.quando arriva l'estate di quest'anno ricomincio la dieta ferrea perdendo circa 10 chili in più di quelli che dovevo perdere alla fine dell'estate ricomincio ad abbuffarmi anche se non vomito più perchè so gli effetti che provoca al corpo.io vorrei smettere di fare questa vita perchè anchio vorrei esssere felice ma non posso chiedere aiuto ai miei perchè queste cose non le accettano e comunque mi vergognerei troppo. ho una paura immensa di deludere gli altri visto che già lo fatto tante volte. cosa mi consiliate? Cordiali saluti.

Purtroppo il mezzo di cui disponiamo non ci consente di chiarire in maniera più dettagliata la sua problematica, il consiglio che posso darle, quindi, è di rivolgersi ad uno specialista per intraprendere una psicoterapia, meglio se di tipo cognitivo-comportamentale. Le suggerisco inoltre di non indugiare in quanto i disturbi del comportamento alimentare possono compromettere seriamente la sua salute sia in termini fisici che psicologici. Credo, inoltre, vista la sua età, sia più utile cercare di coinvolgere i suoi familiari, cercando di far loro comprendere il suo disagio e di chiarire loro che si tratta di un vero e proprio disturbo e non, come spesso si crede, di cattiva volontà.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Consiglio (1530794336243)

luciano85, 32     Il motivo principale che mi spinge ad avere un parere è che vorrei capire se determinate sensazioni, pensieri e ansie siano nor...

Marito che pensa solo alla sua…

Namaste, 30     Salve, sono una ragazza di 30 anni sposata da 3 anni con un cittadino marocchino di 23. ...

L'amore e la comunicazione (15…

Anna, 26     Salve Dottore, mi trovo in una relazione da sei anni con A., abbiamo due anni di differenza ed ancora non conviviamo. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Lapsus

Il lapsus (in latino "caduta/scivolone") è un errore involontario consistente nel sostituire un suono o scrivere una lettera invece di un’altra, nella fusione d...

Atassia

L’atassia è un disturbo della coordinazione dei movimenti che deriva da un deficit del controllo sensitivo. ...

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig...

News Letters

0
condivisioni