Pubblicità

bulimia e depressione (47472)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 134 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

n0angel, 16anni (19.1.2002)

Buonasera, sono una ragazza ke è da ormai un mese entrata in depressione e da un anno circa sono bulimica...la mia situazione familiare non è certo delle migliori ma non posso lamentarmi,i miei voti a scuola(liceo linguistico)sono piùcche discreti,inoltre faccio danza classica ke mi piace moltissimo,non ho il ragazzo ma non è questo ke mi manca,come ragazza piaccio,ma non a me!...Sono molto intraprendente o meglio lo ero,ora non ho più voglia di fare nulla:non ho voglia di uscire con i miei amici,di andare a scuola,a danza...di uscire di casa isomma.Mi va solo di stare da sola..I miei genitori sono molto preoccupati e mi chiedono cosa c'è ke non va:io non sono mai riuscita a parlare con loro;gli rispondo"non lo so,non lo so e basta".Invece lo so eccome!Un anno fa ero bulimica appunto,ed ero molto più magra...ultimamente le mie abbuffate di bulimica sempre più frequenti e incontrollabili mi hanno fatta ingrassare ed entrare in un mondo ancora peggiore:la DEPRESSIONE...NON MI ACCETTO+NON CE LA FACCIO.Da ciò ke penso di me dipende tutto l'andare della mia vita che non sta peggiorando, sta DEGENERANDO;mi sento ingombrante ora,mi vedo grassa(anche se so di essere in normopeso,o 1-2 kg di+)MI SENTO MALE,sono infelice e la vita da un mese la vedo come uno SCHIFO.Soffro tanto per ciò che non sono più,proprio non riesco ad accettrmi...Io non lo so, ma vorrei avere un cosiglio su cosa dovrei fare, come comportarmi con me...m'ammazzerei volentieri se ne avessi il coraggio...AIUTO vi prego
n0angel

 

Cara ragazza, chiedi un consiglio su come comportarti con te. Da quello che dici sei bulimica ed è questo che ti porta alla depressione. Dunque ci sono solo due cose da fare: o accetti la tua bulimia senza deprimerti o risolvi le cause che ti spingono ad abbuffarti. Nel primo caso non c'è nulla in cui uno psicologo ti possa aiutare, nel secondo caso c'è molto AIUTO che puoi ricevere! A volte, alla tua età, la bulimia si risolve spontaneamente; altre volte è opportuno rivolgersi ad un professionista per intraprendere una psicoterapia. Può anche essere utile incontrare qualcuno che ha il tuo stesso problema per confrontarti: l'ABA (Ass. per lo studio di Bulimia e Anoressia) organizza dei gruppi con ragazze bulimiche ed anoressiche. Puoi rivolgerti a loro oppure puoi scriverci ancora. Ci sarebbero tante cose che potresti chiarire: perchè hai voglia di stare da sola, perchè pur piacendo non stai con un ragazzo, ecc.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. ...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

Lo stereotipo

Il termine stereotipo deriva dalle parole greche "stereos" (duro, solido) e "typos" (impronta, immagine, gruppo), quindi "immagine rigida". Si tratta di...

News Letters

0
condivisioni