Pubblicità

Bulimia-insicurezza-paure (149351)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 406 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sarida, 26

 

Buongiorno,
finalmente ho trovato un indirizzo email in cui posso avere un aiuto.
Sono una ragazza di 26 anni, abito in provincia di Trento e ho avuto dei grossi problemi con il cibo: ho sofferto e soffro attualmente di disturbi alimentari.
Sono stata in comunità per 2 anni ma comunque non sto bene ancora. Attualmente convivo e lavoro nell'ufficio del mio compagno, lo aiuto ma ho mille paure che mi nasconda le cose. Ho paura che non mi dica quello che fa o non fa. Voglio sapere tutto. Io so che lui non mi nasconde nulla, siamo sempre assieme.
Non ho amici perchè non mi fido di nessuno infatti questo lo fa arrabbiare perchè non sorrido mai, sono sempre in ufficio con il muso.
Lui è avvilito perchè non sa più cosa fare per rendermi felice.
Mi ha detto che non devo chiudere le porte in faccia, devo farmi amici tutti. In questo momento sono a terra, sento che ho bisogno di un aiuto, ho bisogno di parlare per aiutarmi a sentirmi più libera. Sto facendo una vita complessata, non vedo nulla di positivo. Le faccende di casa e stirare? Le faccio quando so per certo che lui è via per lavoro. Altrimenti voglio stare solo ed esclusivamente con lui. Sto rischiando di rovinare tutto (me lo ha già detto..)
Ho sofferto la solitudine da quando andavo a scuola, sono gelosa e possessiva di tutto, così mi sono rovinata le piccole opportunità che potevo avere.
Vi prego aiutatemi, mi sento a terra di morale e di tutto..

Gentile Sarida,
in base a quanto racconta mi sembra che stia attraversando un periodo di depressione, si ricordi che i disturbi alimentari molto spesso sono associati a depressione. Il suo isolamento e l'impulso a controllare il suo compagno sono probabilmente legati alla paura di perdere l'unico "bene" che in queso momento ha nella sua vita. Il problema di questo compoetramento nei confronti del partner è che così facendo non si rende interessante e di conseguenza l'altro perde interesse nei suoi confronti.
Il fatto di non fidarsi di nessuno è tipico della triade cognitiva della depressione ovvero sfiducia verso sè, gli altri ed il futuro. Le consiglio subito di intervenire facendosi curare per il disturbo alimentare da un terapeuta esperto che tratti anche depressione.
Nel suo caso consiglio di chiedere anche la collaborazione di uno psichiatra per una terpaia mista ovvero una psicoterapia e una terapia farmacologica.
Saluti.

(Risponde il Dott. Dai Prà Mirko)

Pubblicato in data 18/06/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le parole della Psicologia

Paranoia

La paranoia è una psicosi caratterizzata dallo sviluppo di un delirio cronico (di grandezza, di persecuzione, di gelosia, ecc.), lucido, sistematizzato, dotat...

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un oggetto o...

News Letters

0
condivisioni