Pubblicità

Bulimia-insicurezza-paure (149351)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 478 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sarida, 26

 

Buongiorno,
finalmente ho trovato un indirizzo email in cui posso avere un aiuto.
Sono una ragazza di 26 anni, abito in provincia di Trento e ho avuto dei grossi problemi con il cibo: ho sofferto e soffro attualmente di disturbi alimentari.
Sono stata in comunità per 2 anni ma comunque non sto bene ancora. Attualmente convivo e lavoro nell'ufficio del mio compagno, lo aiuto ma ho mille paure che mi nasconda le cose. Ho paura che non mi dica quello che fa o non fa. Voglio sapere tutto. Io so che lui non mi nasconde nulla, siamo sempre assieme.
Non ho amici perchè non mi fido di nessuno infatti questo lo fa arrabbiare perchè non sorrido mai, sono sempre in ufficio con il muso.
Lui è avvilito perchè non sa più cosa fare per rendermi felice.
Mi ha detto che non devo chiudere le porte in faccia, devo farmi amici tutti. In questo momento sono a terra, sento che ho bisogno di un aiuto, ho bisogno di parlare per aiutarmi a sentirmi più libera. Sto facendo una vita complessata, non vedo nulla di positivo. Le faccende di casa e stirare? Le faccio quando so per certo che lui è via per lavoro. Altrimenti voglio stare solo ed esclusivamente con lui. Sto rischiando di rovinare tutto (me lo ha già detto..)
Ho sofferto la solitudine da quando andavo a scuola, sono gelosa e possessiva di tutto, così mi sono rovinata le piccole opportunità che potevo avere.
Vi prego aiutatemi, mi sento a terra di morale e di tutto..

Gentile Sarida,
in base a quanto racconta mi sembra che stia attraversando un periodo di depressione, si ricordi che i disturbi alimentari molto spesso sono associati a depressione. Il suo isolamento e l'impulso a controllare il suo compagno sono probabilmente legati alla paura di perdere l'unico "bene" che in queso momento ha nella sua vita. Il problema di questo compoetramento nei confronti del partner è che così facendo non si rende interessante e di conseguenza l'altro perde interesse nei suoi confronti.
Il fatto di non fidarsi di nessuno è tipico della triade cognitiva della depressione ovvero sfiducia verso sè, gli altri ed il futuro. Le consiglio subito di intervenire facendosi curare per il disturbo alimentare da un terapeuta esperto che tratti anche depressione.
Nel suo caso consiglio di chiedere anche la collaborazione di uno psichiatra per una terpaia mista ovvero una psicoterapia e una terapia farmacologica.
Saluti.

(Risponde il Dott. Dai Prà Mirko)

Pubblicato in data 18/06/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senso di colpa e dipendenza […

Marco, 30 anni Proverò a essere breve. Mi sono sempre sentito in generale infelice, anche quando le cose mi vanno bene, ho sempre avuto difficoltà nelle r...

Non ce la faccio più [15922277…

Ciao03, 16 anni Voglio finirla qua, non riesco più ad andare avanti. Ho 16 anni e sono sempre stata una persona estroversa e vivace piena di amici. Nonos...

Vorrei avere maggiori informaz…

eleonora, 33 anni  Buongiorno. Sono Eleonora, la ragazza di 33 anni che vi ha scritto (la mia domanda è intitolata “La mia vita con gli attacchi di p...

Area Professionale

Il Test del Villaggio nel post…

Il periodo di pandemia collegata al Covid-19 tende progressivamente a ridursi e diventa utile analizzare le reazioni dei pazienti alla somministrazione del Test...

L’intervento psicologico clini…

Il periodo di emergenza e di pandemia che stiamo affrontando ha imposto una rivisitazione, da parte degli operatori, dei criteri di gestione dell'approccio clin...

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Gerusalemme

La Sindrome di Gerusalemme consiste nella manifestazione improvvisa di impulsi religiosi ed espressioni visionarie, da parte di visitatori della città di Gerusa...

Abreazione

Il termine fu coniato da Freud e Breuer nel 1895 per designare il meccanismo inconscio, secondo il quale un individuo si libera dall’affetto connesso ad un even...

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

News Letters

0
condivisioni