Pubblicità

Bulimia Maschile (162012)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 235 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sara, 20

 

Gentile Dottore,
buongiorno, mi presento, sono una ragazza che è stata bulimica e sono guarita già più di 2 anni fa. Ne sono uscita completamente e mi sento molto fortunata perchè per anni ho sofferto di questa bruttissima malattia, mentale e anche fisica.
Ho un fratello di 17 anni, più piccolo di me, ed è già da circa un anno che sospetto che abbia anche lui problemi alimentari. Non ne sono però sicura, inizialmente ho scansato il pensiero perchè ho pensato che puo comportarsi in questi modi a causa dell'adolescienza. E' magro e alto (è sempre stato anche da bambino magro), mangia parecchio soprattutto durante il pomeriggio dentro camera sua sia dolci che salati, sta tutti i giorni tutto il giorno chiuso in camera (ma non si chiude a chiave), poi sta ogni giorno tantissimo tempo chiuso in bagno. Ecco io forse sono influenzata a pensare che sia bulimico perché lo sono stata io. Non so, magari sta da solo a causa dell età e sta in bagno perchè sente la necessita di masturbarsi.
Però i suoi atteggiamenti sempre di più mi fanno preoccupare.
So però che la bulimia maschile è diversa da quella femminile per comportamenti o aspetti psicologici. Vorrei indagare meglio cercando di capire se davvero è bulimico oppure no, cosa posso fare per riuscirlo a capire? Non so se è il caso di parlagliene a lui poichè conosco molto bene i sentimenti di un bulimico e non farei forse qualcosa di positivo, e non penso sia il caso di parlarne neanche con i miei genitori perchè loro hanno sofferto molto quando, una volta guarita, ho detto loro del mio problema. Ho paura che non sia vero e gli farei preoccupare per niente.
Grazie in anticipo per i consigli.
Cordiali saluti!
Sara

Cara Sara,
per quanto riguarda i comportamenti alimentari la bulimia è uguale per uomini e donne, semmai possiamo immaginare che ci siano difficoltà diverse che possono provocare lo stesso comportamento.
Quello che si potrebbe indagare è il comportamento a tavola: osserva una dieta ferrea e poi esplode in abbuffate? Cerca di mangiare da solo? e poi valutare il peso se cambia o rimane lo stesso e ancora se si notano segni di vomito come l'alito le dita corrose...
Per valutare meglio quali possono i segni potrebbe esseti utile visitare il mio blog https://mirkodaipra.altervista.org/blog/disturbi-del-comportamento-alimentare/ ed il mio articolo sui disturbi del comportamento alimentare https://mirkodaipra.altervista.org/alterpages/files/ArticoloAlimentazione.pdf.
In fine se vuoi un consiglio sarebbe opportuno di parlare con lui della tua preoccupazione portando avanti anche la tua storia anzi che fare indagini di nascosto.
Saluti Mirko Dai Prà

 

(Risponde il Dott. Mirko Dai Prà)

Pubblicato in data 10/07/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

Dipsomania

Per dispomania si intende una patologia  caratterizzata da un irresistibile desiderio di ingerire bevande alcoliche. Per Dipsomania ( gr. δίψα "sete" e μα...

News Letters

0
condivisioni