Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Bulimia nervosa (105796)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 65 volte

Giada 25

Salve, ho 24 anni, soffro di bulimia nervosa da 4, e sono in imbarazzo. Non ne ho mai parlato con nessuno, a parte che con mia madre, all'inizio del problema. Lei è medico, così mi dette degli psicofarmaci, poi con i mesi le dicevo che andava tutto bene e lei mi credeva. Con il tempo non ha più toccato l'argomento. Io meno che mai, mi vergognavo, mi vergogno. Credo che anche mio padre sapesse; medico anche lui, mai una parola. Naturalmente non ho mai avuto un buon rapporto con i miei genitori: gravidanza indesiderata, infanzia infelice, sensazione permanente di rifiuto eccetera. Sono andata via di casa tre anni fa, per un pò è andata meglio, ma gli attacchi continuavano. Ho avuto problemi di dipendenza da alcool e droghe, superati da più di un anno grazie al mio ragazzo. Forse lui mi aiuterebbe anche a uscire da quest'altro tunnel, ma il senso di colpa che provo, la vergogna pura e semplice, la convinzione che non potrebbe più amare questa cosa divoratrice in cui mi trasformo, mi impediscono di parlargliene. Ho attacchi frequenti, quotidiani, nei periodi di crisi. Quando sto meglio magari resisto per settimane, mesi, credo di esserne fuori, poi... che ne so, ci ricasco. Tra dieci giorni ho la mia seconda laurea, ho prospettive di lavoro, dipingo, scrivo, ho fortuna in questo. Amici, anche, nonostante mi rinchiuda sempre di più nei miei complessi. Convivo con il mio ragazzo, è molto innamorato, mi dice che sono bellissima, eppure io non voglio stare in questo corpo, eppure non ho mai avuto problemi con i ragazzi, sono stata molte volte amata e anche troppo e ho sempre lasciato, disprezzato, con questo tremendo distacco dalle cose che associo alla mia malattia. Ecco tutto, vorrei uscirne, credo. Oforse no. Mi sembra privo di senso starne fuori o dentro, mi sembra priva di senso l'esistenza, banalità suprema, ma è così che mi sento. Grazie di avermi ascoltato, Giada. Ps: Continuo con gli psicofarmaci, ma non servono più a molto.

Carissima Giada, quello di cui le ha bisogno è una psicoterapia, come dico spesso i farmaci bloccano i sintomi ma non le cause di questi. I disturbi alimentari hanno a che fare sempre con i disagi familiari. E' un modo messo in atto dalla psiche per "essere visti" dalla famiglia. Come ha sperimentato su se stessa non basta curare il sintomo, anche perchè si ricade comunque in qualcosa di diverso (droga, alcool). Deve debbellare la malattia, che purtoppo non le permette di godere delle belle cose che fortunatamente ha, nè di dare, di amare, perchè è troppo concentrata su se stessa, sui suoi problemi. Deve al più presto curare la sua psiche, capire e vedere il perchè di questo e porvi il giusto rimedio. Solo questo è il modo per poterne uscire. Lei mi sembra una ragazza sveglia ed intelligente e sono certa che seguirà questa strada. Per qualsiasi informazione sono a sua disposizione non si limiti a chiedere.

(risponde la Dott.ssa Anna Maria Casale)

Pubblicato in data 09/11/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Se è amore o amicizia con un r…

ALEXA1, 52     Salve sono Alexa ho 52 anni separata da 15, mi trovo ad affrontare una strana situazione da 9 mesi. ...

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

La Serotonina

La serotonina (5-HT) è una triptamina, neurotrasmettitore monoaminico sintetizzato nei neuroni serotoninergici nel sistema nervoso centrale, nonché nelle cellul...

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

Sindrome dell’arto fantasma

 "Se togli a un uomo la gamba destra, anche a distanza di anni, ci saranno giorni in cui ti dirà che sente la gamba stanca, sì, la destra, gli farà male, p...

News Letters