Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Bulimia nervosa (148736)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 175 volte


Roberta, 22

Gentile dottore,
la mia malattia secondo me è cominciata 2 anni fa in silenzio quando ho deciso di cominciare una dieta, ( dieta fai da te ) che ha portato grazie anche a dei farmaci molto pubblicizzati ad una perdita rapida di 17 kg. Ero felicissima, la mia vita sociale era alle stelle, tanti complimenti, prova costume superata, vivevo veramente bene. Ho cominciato a lavorare, uscivo ogni sera, poi però è finita l'estate e ho ripreso qualche kg perchè non seguivo più la dieta, anche se mangiavo regolarmente. Il mio ragazzo allora mi ha convita a farmi seguire da un dietista perchè pensava che i kg persi grazie a quella dieta erano " falsi " perchè non mangiavo niente o quasi. Mi sono convinta e ci sono andata, mangiavo regolarmente e stavo bene. Stavo in un piccolo paese insieme alla mia famiglia ma poi i miei si sono dovuti trasferire e siamo andati in città. E' stato un duro colpo da digerire, senza lavoro, senza amicizie e senza fidanzato e soprattutto sbalzata da una realtà ad un'altra. Il mio ragazzo decide di seguirmi solo che, nonostante ciò, riprendo a mangiare per il nervosismo dei vari problemi che si sono susseguiti. Ad oggi mi ritrovo a non mangiare niente per 3 giorni, a convincermi che sto facendo una dieta ma poi quando sono un pò triste o nervosa mangio senza controllo le prime cose che mi capitano davanti e anche se sono sazia continuo a mangiare senza riuscirmi a fermare. Quando mi fermo mi sento in colpa e avvilita quindi per 3 giorni non mangio e poi di nuovo... sempre la stessa storia! E' cosi da 2 mesi ormai, il cibo è diventata la mia ossessione. non faccio che parlare di kcal, diuretici e lassativi. Ho il ciclo irregolare e questo ha notevolmente diminuito quasi a zero la mia vita sessuale col partner perchè non riesco più ad accettare il mio corpo. Mi sono chiusa a casa non mi va di uscire, non mi sento a mio agio con le persone, andare in un centro commerciale per me è diventato come un martirio. Non posso più andare a fare la spesa, non lavoro più. Con il mio ragazzo il rapporto sta scemando, se lui viene a casa mia bene, caso contrario ci sentiamo tramite web-cam. Come faccio? Spero possiate darmi dei consigli perchè non mi posso permettere uno psicologo a pagamento. Però ho bisogno d'aiuto, già per me è tanto ammettere queste cose e vorrei guarire. Grazie per l'attenzione.

Gentilissima Roberta,
non è raro attraversare periodi di benessere e soddisfazione personale legati alla perdita di peso. Spesso però, quando la dieta non è accompagnata da una maggiore consapevolezza di se stessi e delle proprie risorse, quando sopraggiungono nuovamente eventi critici i chili ritornano portandosi dietro un carico di dolore e rabbia. La "fame nervosa" accompagna spesso questi periodi, con le abbuffate e i conseguenti digiuni e sensi di colpa che, col passare del tempo, possono diventare sempre più frequenti, minando giorno dopo giorno la nostra autostima e la sensazione di poter intervenire efficacemente sul nostro stato di malessere crescente. Il risultato è che, non riuscendo ad affrontare in modo efficace il problema, continuiamo ad aggrapparci a regimi dietetici squilibrati quanto inefficaci. In questo modo piano piano, ai fallimenti si aggiungono un senso di sconfitta e di impotenza che innescano un circolo vizioso per cui più mangiamo più stiamo male e più stiamo male meno riusciamo a controllare la fame nervosa. Questo tipo di situazione sta compromettendo anche la sia vita sentimentale e sociale, impoverendo progressivamente i suoi contatti col mondo. Credo sarebbe utile chiedere un supporto ad uno psicoterapeuta che la aiuti a gestire la sua ansia e la sua relazione con se stessa e con il mondo che la circonda. Buona fortuna!

 

(Risponde la Dott.ssa Bongiorno Laura)

Pubblicato in data 08/05/2012

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Area Professionale

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Le parole della Psicologia

Pornografia

Per definire un materiale o contenuto con il termine di ‘pornografia’ è necessario che “una rappresentazione pubblica sia esplicitament...

Dismorfismo corporeo

L’interesse sociale nei confronti del Disturbo di Dismorfismo Corporeo (BDD) è cresciuto solo recentemente nonostante sia stato documentato per la prima volta n...

Dipsomania

Per dispomania si intende una patologia  caratterizzata da un irresistibile desiderio di ingerire bevande alcoliche. Per Dipsomania ( gr. δίψα "sete" e μα...

News Letters