Pubblicità

Cibo e psiche (012184)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 102 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Mamma77, 29 anni

Io sono mamma da 8 mesi di un bimbo che è spettacolare, lavoro, ho un mio negozio/galleria e sto lavorando anche al progetto di una nuova attività.
Ho sempre avuto un rapporto difficile con il cibo ed ancora di piu' con il mio corpo, di odio/amore imcomprensibile, ore davanti allo specchio e piscina cerette massaggi diete creme e tisane, e periodi neri (come questo) in cui lo specchio mi fa tremare e non mi curo quasi per niente e non compro vestiti nè creme e mangio a raptus fino a farmi schifo da sola tanto ormai
sono grassa grassa grassa da fare schifo ed ho delle orribili smagliature sulla pancia!
Prima della gravidanza ero gia' ingrassata parecchio ma ora faccio schifo veramente e mi sembra così difficile tornare in forma che mi sento impazzire e l'unica soluzione che trovo è continuare a mangiare piu' di prima e se un giorno pranzo "leggero" allora mi rifaccio tutto il pomeriggio!non c'è tregua nè controllo...e tutti sminuiscono"hai un bimbo cosi' bello!", "sei bella comunque" ..."ti amo lo stesso"... ma io mi sento male sto male e vorrei tornare quella di prima essere sexy e magari fare un altro bimbo/a ma con un fisico decente perchè cosi' non ce la faccio piu' e so che è solo colpa mia e solo io posso aiutarmi

Cara mamma77, non esiste la colpa in questa situazione vorrei davvero che questa parola uscisse per sempre dalla tua mente.Piuttosto credo che tu stia soffrendo di una forma di depressione che è piuttosto comune alle neo mamme.
Hai vissuto in simbiosi con la tua creatura per nove mesi, hai provato quella sensazione meravigliosa di avere qualcuno dentro di te che cresceva solo grazie a te, poi questo qualcuno, necessariamente per vivere, ha dovuto separarsi da te.
Il dolore del parto si dimentica, ma il dolore della separazione da una propria parte, quella sensazione di rimanere "vuote", rimane molto a lungo.Anche se il tuo bambino è meraviglioso, ora che lo puoi vedere, la nostalgia di averlo dentro di te è un sentimento naturale, giusto, bisogna prenderne atto gradualmente, accettando il dolore di una perdita "dell'anima". Questo è l'aspetto più difficile dell'essere madre: "lasciar andare" il proprio bambino, permettergli di essere nato come nuovo individuo, separato, con bisogni, pensieri, desideri, sofferenze, diverse dalle proprie. Questo genera poi quel senso di vuoto e di disprezzo per un corpo che si sente "essere stato usato", per poi essere lasciato diverso da come era prima, e vuoto.
ma tutte queste emozioni sono naturali, sono la vita, questo significa avere la generosità di dare la vita. Ora però è il momento di dedicarti a te stessa, trova degli spazi per te sola, affida il tuo bimbo per alcuni momenti della giornata a qualcuno che ti aiuti, e prova ad andare a nuotare, a camminare, a fare ciò che ami, libera. Senza di lui. Poi tornerai a casa ricaricata, pensando che piano piano lui sarà sempre più capace di stare senza di te. Fallo per te, e per lui, che, ti assicuro, sarà più felice con una mamma soddisfatta di sè. Un bacio grande.


( risponde la dott.ssa Camilla Ponti )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

Intelligenze Multiple

“Scrivendo questo libro, mi proposi di minare la nozione comune di intelligenza come capacità o potenziale generale che ogni essere umano possiederebbe in misur...

News Letters

0
condivisioni