Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Cibo e psiche (012184)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 69 volte

Mamma77, 29 anni

Io sono mamma da 8 mesi di un bimbo che è spettacolare, lavoro, ho un mio negozio/galleria e sto lavorando anche al progetto di una nuova attività.
Ho sempre avuto un rapporto difficile con il cibo ed ancora di piu' con il mio corpo, di odio/amore imcomprensibile, ore davanti allo specchio e piscina cerette massaggi diete creme e tisane, e periodi neri (come questo) in cui lo specchio mi fa tremare e non mi curo quasi per niente e non compro vestiti nè creme e mangio a raptus fino a farmi schifo da sola tanto ormai
sono grassa grassa grassa da fare schifo ed ho delle orribili smagliature sulla pancia!
Prima della gravidanza ero gia' ingrassata parecchio ma ora faccio schifo veramente e mi sembra così difficile tornare in forma che mi sento impazzire e l'unica soluzione che trovo è continuare a mangiare piu' di prima e se un giorno pranzo "leggero" allora mi rifaccio tutto il pomeriggio!non c'è tregua nè controllo...e tutti sminuiscono"hai un bimbo cosi' bello!", "sei bella comunque" ..."ti amo lo stesso"... ma io mi sento male sto male e vorrei tornare quella di prima essere sexy e magari fare un altro bimbo/a ma con un fisico decente perchè cosi' non ce la faccio piu' e so che è solo colpa mia e solo io posso aiutarmi

Cara mamma77, non esiste la colpa in questa situazione vorrei davvero che questa parola uscisse per sempre dalla tua mente.Piuttosto credo che tu stia soffrendo di una forma di depressione che è piuttosto comune alle neo mamme.
Hai vissuto in simbiosi con la tua creatura per nove mesi, hai provato quella sensazione meravigliosa di avere qualcuno dentro di te che cresceva solo grazie a te, poi questo qualcuno, necessariamente per vivere, ha dovuto separarsi da te.
Il dolore del parto si dimentica, ma il dolore della separazione da una propria parte, quella sensazione di rimanere "vuote", rimane molto a lungo.Anche se il tuo bambino è meraviglioso, ora che lo puoi vedere, la nostalgia di averlo dentro di te è un sentimento naturale, giusto, bisogna prenderne atto gradualmente, accettando il dolore di una perdita "dell'anima". Questo è l'aspetto più difficile dell'essere madre: "lasciar andare" il proprio bambino, permettergli di essere nato come nuovo individuo, separato, con bisogni, pensieri, desideri, sofferenze, diverse dalle proprie. Questo genera poi quel senso di vuoto e di disprezzo per un corpo che si sente "essere stato usato", per poi essere lasciato diverso da come era prima, e vuoto.
ma tutte queste emozioni sono naturali, sono la vita, questo significa avere la generosità di dare la vita. Ora però è il momento di dedicarti a te stessa, trova degli spazi per te sola, affida il tuo bimbo per alcuni momenti della giornata a qualcuno che ti aiuti, e prova ad andare a nuotare, a camminare, a fare ciò che ami, libera. Senza di lui. Poi tornerai a casa ricaricata, pensando che piano piano lui sarà sempre più capace di stare senza di te. Fallo per te, e per lui, che, ti assicuro, sarà più felice con una mamma soddisfatta di sè. Un bacio grande.


( risponde la dott.ssa Camilla Ponti )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

ansia (1510264195644)

Vanessa, 44     Ciao. Sono una donna single, innamorata dei viaggi. ...

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Voyeurismo

Il Voyeurismo (dal francese  voyeur che indica chi guarda, “guardone”)  è un disordine della preferenza sessuale. I voyeur sono quasi sempre uomini ch...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

News Letters