Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Cibo e psiche (012184)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 97 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Mamma77, 29 anni

Io sono mamma da 8 mesi di un bimbo che è spettacolare, lavoro, ho un mio negozio/galleria e sto lavorando anche al progetto di una nuova attività.
Ho sempre avuto un rapporto difficile con il cibo ed ancora di piu' con il mio corpo, di odio/amore imcomprensibile, ore davanti allo specchio e piscina cerette massaggi diete creme e tisane, e periodi neri (come questo) in cui lo specchio mi fa tremare e non mi curo quasi per niente e non compro vestiti nè creme e mangio a raptus fino a farmi schifo da sola tanto ormai
sono grassa grassa grassa da fare schifo ed ho delle orribili smagliature sulla pancia!
Prima della gravidanza ero gia' ingrassata parecchio ma ora faccio schifo veramente e mi sembra così difficile tornare in forma che mi sento impazzire e l'unica soluzione che trovo è continuare a mangiare piu' di prima e se un giorno pranzo "leggero" allora mi rifaccio tutto il pomeriggio!non c'è tregua nè controllo...e tutti sminuiscono"hai un bimbo cosi' bello!", "sei bella comunque" ..."ti amo lo stesso"... ma io mi sento male sto male e vorrei tornare quella di prima essere sexy e magari fare un altro bimbo/a ma con un fisico decente perchè cosi' non ce la faccio piu' e so che è solo colpa mia e solo io posso aiutarmi

Cara mamma77, non esiste la colpa in questa situazione vorrei davvero che questa parola uscisse per sempre dalla tua mente.Piuttosto credo che tu stia soffrendo di una forma di depressione che è piuttosto comune alle neo mamme.
Hai vissuto in simbiosi con la tua creatura per nove mesi, hai provato quella sensazione meravigliosa di avere qualcuno dentro di te che cresceva solo grazie a te, poi questo qualcuno, necessariamente per vivere, ha dovuto separarsi da te.
Il dolore del parto si dimentica, ma il dolore della separazione da una propria parte, quella sensazione di rimanere "vuote", rimane molto a lungo.Anche se il tuo bambino è meraviglioso, ora che lo puoi vedere, la nostalgia di averlo dentro di te è un sentimento naturale, giusto, bisogna prenderne atto gradualmente, accettando il dolore di una perdita "dell'anima". Questo è l'aspetto più difficile dell'essere madre: "lasciar andare" il proprio bambino, permettergli di essere nato come nuovo individuo, separato, con bisogni, pensieri, desideri, sofferenze, diverse dalle proprie. Questo genera poi quel senso di vuoto e di disprezzo per un corpo che si sente "essere stato usato", per poi essere lasciato diverso da come era prima, e vuoto.
ma tutte queste emozioni sono naturali, sono la vita, questo significa avere la generosità di dare la vita. Ora però è il momento di dedicarti a te stessa, trova degli spazi per te sola, affida il tuo bimbo per alcuni momenti della giornata a qualcuno che ti aiuti, e prova ad andare a nuotare, a camminare, a fare ciò che ami, libera. Senza di lui. Poi tornerai a casa ricaricata, pensando che piano piano lui sarà sempre più capace di stare senza di te. Fallo per te, e per lui, che, ti assicuro, sarà più felice con una mamma soddisfatta di sè. Un bacio grande.


( risponde la dott.ssa Camilla Ponti )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Arredare lo studio di uno psic…

Arredare lo studio di uno psicologo è un impegno importante ai fini della futura professione. Una nuova ricerca, infatti, dimostra che le persone giudicano la q...

Le parole della Psicologia

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

Disforia di genere

"Per un momento ho dimenticato me stesso, per un momento sono stato solo Lili." The Danish Girl Con il termine Disforia di genere si fa riferimento all’insoddi...

News Letters

0
condivisioni