Pubblicità

Crisi di panico (011467)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 95 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anonima,27 anni

Ho 27 anni, sto finendo l'università, vivo con il mio compagno che ha 16 anni più di me e ci amiamo molto. Da sei mesi a questa parte ho delle crisi di panico: mi sento tesa, con un senso di soffocamento e di chiusura allo stomaco, sono stanca e debole. Le prime volte che mi sentivo così mi svegliavo e vomitavo, mangiavo un boccone e vomitavo, così pensavo a disturbi alimentari. quello che mi ha fatto spaventare più di tutto è che lo stomaco mi si contrae e non riesco a mangiare, quindi sono sottopeso. Il dover mangiare sta diventando un chiodo fisso. Questi sintomi si presentano durante tutto il mese che precede gli esami e anche quando il mio compagno lavora troppo e non ci vediamo mai. Non so come risolvere il mio problema, non voglio perdere ancora peso! Sono alta 1.63 e peso 46 kg. Grazie in anticipo per l'aiuto!!

Cara 27enne (non so il tuo nome),
per il disturbo da attacchi di panico esiste una cura specifica, molto efficace. E' costituita da una terapia farmacologica di appoggio alla psicoterapia di tipo cognitivo-comportamentale. Esistono molti centri, anche ospedalieri, che si occupano proprio del DAP. Prima di tutto dovresti cercarne uno, presso un ospedale della tua città, se hai difficoltà puoi telefonarmi (sono sul network del sito) e ti posso dare una mano. Oppure puoi cercare uno psicoterapeuta che ti dia fiducia e che collabori con uno psichiatra per la prescrizione dei farmaci (che credimi sono molto utili per attenuare i sintomi e poter migliorare da subito la qualità della tua vita, oltre che per ottenere risultati più rapidi e duraturi con la psicoterapia).Questa terapia congiunta dura all'incirca un anno (in media), poi lo psicofarmaco ( paroxetina, o seroxat) viene gradualmente scalato in base alla tua risposta alla terapia. Questo farmaco non ha controindicazioni (come è opinione comune su questi farmaci) e può essere assunto per un massimo di 5 anni tranquillamente (ma anche meno ovviamente), durante i quali la tua vita troverà un equilibrio stabile nel tempo (i dati statistici confermano quello che ti scrivo).Un bacio


( risponde la dott.ssa Camilla Ponti )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia / bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Atassia

L’atassia è un disturbo della coordinazione dei movimenti che deriva da un deficit del controllo sensitivo. ...

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

Parafilia

  Con il termine Parafilie si fa riferimento ad un insieme di perversioni sessuali caratterizzate dalla presenza di comportamenti regressivi che prendono ...

News Letters

0
condivisioni