Pubblicità

Cutting, bulimia (106496)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 80 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Pepe 19

Da molto tempo ho trovato sfogo delle mie paranoie facendomi male da sola e più sento dolore più mi sento libera. Alterno momenti di buon umore a periodi di depressione totale, in cui l'unica alternativa mi sembra il suicidio. Spesso mangio molto, ma poi penso a come mi vedono gli altri e a quanto mi faccio schifo e rimetto tutto, anche ricorrendo a clisteri a volte. Vorrei parlarne con il mio ragazzo, ma ho paura. Il suo migliore amico si é suicidato a settembre, non voglio pesare su di lui.

Pepe, credo sia il caso che inizi a domandarti come mai nutri un così profondo disprezzo per te stessa e ti consideri così poca cosa..... E' un vero peccato che tu non abbia ancora capito quali siano i tuoi punti di forza e quale la tua bellezza.....ma si sa che una persona vede solo ciò che vuole vedere...... Se non pensi di avere la possibilità di rivolgerti ad uno psicoterapeuta per iniziare un percorso di conoscenza di te e delle tue problematiche profonde (sarebbe la cosa migliore che potresti fare in questo caso), cerca di intraprendere da sola la strada dell'introspezione e della conoscenza del tuo mondo interiore, che sicuramente pullula di fantasmi ma altrettanto sicuramente è ricco di tesori da scoprire. Pensare di rinunciare alla vita alla tua età è una vigliaccata tremenda, è come buttare via un dono senza averlo nemmeno aperto. Bisogna che trovi il coraggio di scoprire cosa ti turbi così tanto e insieme di dare ascolto al tuo mondo interiore che sta reclamando qualcosa. Non essere così spietata nel giudizio su te stessa e cerca di ascoltarti, come prima cosa. Soprattutto cerca di darti la possibilità di essere quello che sei, senza coperture e senza falsità.....prima di cercare di essere quello che vorresti essere. Si tratta di uno scalino difficile, certamente, nel percorso di crescita di una persona, ma fa parte della vita e bisogna avere il coraggio e la forza di salirlo, per poter accedere ad una nuova visuale di se stessi e della vita. Sempre se non ritieni possibile fare questo con l'appoggio e la guida di una psicoterapia, cerca di informarti sulle tue problematiche attraverso i libri, internet o persone di cui ti fidi. E' importante che inizi a comunicare con qualcuno il tuo disagio e smetti di tenertelo tutto per te, chiudendoti a riccio. Scrivendomi hai già abbattuto un muro importante, cerca di proseguire su questa strada, ovvero quella della comunicazione e del confronto con altre persone.

(risponde la Dott.ssa Elisabetta Corberi)

Pubblicato in data 04/10/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Ecoprassia

È l’imitazione dei movimenti di altri, per esempio, di azioni (ecocinesi) e gesti (ecomimia). L'ecoprassia consiste nell' imitazione spontanea dei movimenti ...

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la gest...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

News Letters

0
condivisioni