Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Disordine alimentare (144669)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 197 volte

Marica 35

Salve, vivo a casa dei miei, lavoro nell'azienda di famiglia e non ho un bel rapporto con mia madre, o meglio, non quello che vorrei. Sono fidanzata da un anno e mezzo con un ragazzo e sto valutando di trasferirmi a casa sua perchè a 35 anni o il rapporto va avanti o è meglio sospendere. Mi sento spesso confusa, incapace di esprimere quello che voglio. Non so come fare a capire quello che voglio veramente, come si fa? Ma ciò che mi preoccupa in questo periodo è il mio desiderio di farmi del male. Ho preso 15 kg in un anno e mezzo, non riesco a portare avanti una dieta per più di 2 giorni poi la interrompo a faccio di tutto per ingrassare, godo a mangiare tanto sino a soffocare, sempre più spesso ho scatti d'ira che mi portano a rompere oggetti, a sbattere porte, oggetti e poi scrivere il mio nome sullo specchio con il lucido per labbra. Non mi curo più, mi sto lasciando andare, non ho la motivazione e la volontà di cambiare e andare avanti. Non mi sento padrona di me stessa c è una parte di me che rimpiange il bel fisico e vorrebbe provare a riprendersi la propria vita ma c' è un'altra parte che pensa che tanto non cambierebbe nulla, non ha voglia di cambiare e preferisce continuare a farsi del male. Mi sento sdoppiata tra ciò che sento di fare (mangiare, lasciarmi andare) e ciò che dovrei fare (prendere in mano la mia vita, volermi bene). Come faccio a uscire da questo vortice? Grazie. Un saluto.

 

Caro Marica, perchè identifica il mangiare con il lasciarsi andare? E il volersi bene quindi è automaticamente identificato con il controllo? Di alimentazione e resto? Perchè forse in questa rigida e netta distinzione sta il nocciolo della sua sofferenza. Come se esistessero il bene e il male, come se noi esseri umani potessimo scegliere! Ricordi che ogni polarità contiene in sè il suo opposto, quindi se per lei esiste una Marica buona e controllata inevitabilmente uscirà quando meno se lo aspetta la Marica cattiva e trasgressiva, arrabbiatissima per essere stata esclusa e punita! Il benessere sta nella flessibilità delle nostre abilità di fronteggiare lo stress, e si può imparare a farlo. La psicoterapia aiuta moltissimo, e ricordi che il perdono di se stessi per le proprie fragilità è la più grande forza che abbiamo a disposizione. Un abbraccio.

(Risponde la Dott.ssa Ponti Camilla)

Pubblicato in data 22/06/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Anoressia/Bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Se è amore o amicizia con un r…

ALEXA1, 52     Salve sono Alexa ho 52 anni separata da 15, mi trovo ad affrontare una strana situazione da 9 mesi. ...

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

Lallazione

Indica quella fase di sviluppo del linguaggio infantile, che comincia all’incirca intorno al quarto-quinto mese di vita, e che consiste nell’emissio...

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

News Letters