Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Disordini alimentari (102601)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 73 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Stefania 20

Fino a circa un anno fa pesavo quasi 100 chili. Ho sempre mal sopportato questa mia obesità ma nessuno in famiglia è mai stato in grado di aiutarmi. I miei si sono separati con liti e denincie. Io ho cambiato città per motivi di studio e in un anno sono dimagrita circa 30 chili. Sono felice perchè vivo studio e lavoro e mi sento realizzata. Mia madre vive ora nella mia stessa città e fino ad ora mi sono fatta carico anche dei suoi problemi sia finanziari che emotivi. Vivo con 2 amiche. Con mio padre ho rapporti nulli. Mi accade di mangiare praticamente nulla durante il giorno (un pacchetto di cracker o un insalata, pesce lesso o un cappuccino) poi, specie quando vado da mia madre mangio in maniera che per me ora è spropositata: la pasta, bevo la cocacola, mangio il dolce. Subito dopo mi sento in colpa per aver mangiato e a volte sto male a tal punto che vomito (non me lo provoco io). Mi sto rendendo conto di non riuscire più a fare un pasto normale. A volte mangio la brioches al mattino con il caffè, poi fino alle sera nulla. Anche il mio ciclo mestruale è sballato, anzi sono praticamente 3 mesi che non ce l ho e non ho alcun rapporto sessuale. Cosa posso fare??? Non ho i soldi per andare da uno psicologo o da uno specialista...

Da quanto scrivi si può ipotizzare che ci sia una situazione non risolta con la mamma.... Il fatto che tu sia stata meglio quando eri lontana, e che eccedi col cibo quando sei da lei, lasciano pensare che ci siano nodi emotivi da sciogliere e ovviamente da capire. Avresti bisogno di andare da uno psicoterapeuta per fare questo... ce ne sono anche di poco esosi e ci sono molti centri e associazioni che si occupano di disturbi alimentari. So che è un impegno, non solo economico, e so anche che non riuscirai a prendertelo fintanto che non deciderai di smettere di farti del male. Intanto ti consiglio di informarti sull'argomento, ci sono molti articoli e libri che parlano di questo problema e potrebbero aiutarti a farti riflettere sulle tue problematiche psicologiche e magari anche aiutarti a riolverle. Cerca comunque, fatti domande e cerca le risposte. Soprattutto ascoltati, ascolta le tue emozioni, oltre ai pensieri; cerca la matrice della tua disistima, del tuo rifiuto e della tua avidità sotterranea. Devi recuperare un rapporto di amore con te stessa.

(risponde La dott.ssa Elisabetta Corberi)

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Suicidio (1529267882787)

chopperozzi15, 14     voglio tentare il suicidio entro il 20 ...

Una relazione finita... in cli…

SammySun, 30     Salve, ho 30 anni e da un mese ho messo fine ad una relazione durata 2 anni e mezzo con un ragazzo della mia stessa età. ...

Totale disinteresse sessuale (…

Tabata, 41     Ho sempre avuto un rapporto ludico con il sesso. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Zoosadismo

E’ un disturbo psichiatrico che porta l'individuo a provare piacere nell'osservare o nell'infliggere sofferenze o morte ad un animale Lo zoosadismo, termine in...

Ipercinesia

Nel disturbo ipercinetico si ha la contemporanea presenza di sintomi quali: la breve durata dell’attenzione, distrazione, iperattività e almeno un sintomo di im...

Innamoramento

Nell'uomo, è una pulsione che provoca una varietà di sentimenti e di comportamenti caratterizzati dal forte coinvolgimento emotivo verso un'altra persona, che, ...

News Letters

0
condivisioni