Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

disordini alimentari (48547)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 148 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Luisella, 29anni (17.2.2002)

Ho 29 anni, un lavoro ed un marito (sono sposata da 5 anni). Da quando mi ricordo, ho avuto problemi di natura psichiatrica: prima disturbi ossessivi-compulsivi, poi bulimia, quindi attacchi di panico (sensazione di morte, pensiero accellerato). Adesso, il mio principale problema è l'alimentazione compulsiva: mangio in continuazione senza potermi fermare. Sono ingrassata moltissimo (20 chili più o meno). Non so come rimettere ordine in tutto ciò.
Fin da piccola, i miei genitori mi hanno considerata grassa (anche quando non lo ero). Da adolescente mia madre mi portava dall'estetista. Con i miei genitori non ho mai avuto un buon rapporto (anche se, curiosamente, loro non se ne sono mai accorti!). Adesso che grassa lo sono davvero, ho la loro attenzione? Forse. Oltre a ciò si aggiunge il problema dei figli: i miei suoceri chiaramente vogliono dei nipoti, io non posso neanche immaginarlo. Un figlio mi fa paura: certamente anche dal punto di vista estetico ho trovato un mucchio di scus (come se diventare grassa fosse un "preludio" di gravidanza).La verità è che non voglio invasioni, nè fisiche, nè tantomeno emotive. In conclusione: non so come gestire la mia emotività nè come tentare di fermare questo disturbo. Per il momento mangio e ingrasso e non riesco a controllare tutto questo divorare.Il cibo occupa i miei pensieri e le mie giornate: al mattino non so che cosa mi succederà il pomeriggio.Sento che la situazione mi sta sfuggendo di mano, ma non so che cosa fare. Avrei bisogno di un consiglio.

Purtroppo in questo caso un semplice consiglio non è sufficiente. Probabilmente lei soffre di un disturbo del comportamento alimentare chiamato Disturbo da Alimentazione Incontrollata, simile alla Bulimia Nervosa ma con alcune differenze. Ovviamente per una diagnosi certa occorre fare una visita specialistica che valuti anche il problema da un punto di vista medico legato ad un eccessivo aumento di peso. Credo sia urgente rivolgersi ad uno psicoterapeuta, possibilmente di orientamento cognitivo-comportamentale, insieme al quale affrontare tutti i principali fattori che contribuiscono al mantenimento del suo disturbo. Le consiglio, inoltre di leggere il manuale di auto-aiuto del Dott. Riccardo dalle Grave "Perdere peso senza perdere la testa" Ed. Positive Press.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Arredare lo studio di uno psic…

Arredare lo studio di uno psicologo è un impegno importante ai fini della futura professione. Una nuova ricerca, infatti, dimostra che le persone giudicano la q...

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Le parole della Psicologia

Imprinting

L'imprinting è una forma di apprendimento precoce secondo la quale i neonati, nel periodo immediatamente successivo alla nascita, vengono condizionati dal primo...

Il linguaggio

L’uomo comunica sia verbalmente che attraverso il non verbale. Il processo del linguaggio ha suscitato da sempre l’interesse degli studiosi essendo essa una car...

Empatia

Il termine empatia si riferisce alla capacità di una persona di partecipare ai sentimenti di un'altra, nel “mettersi nei panni dell’altro”, entrando in sintonia...

News Letters

0
condivisioni