Pubblicità

Disturbi alimentari (001703)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 135 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Stefania, 28 anni

E' da un bel po' di tempo (ormai sara' un anno) che non riesco piu' a fare una dieta ma ogni 3/4 giorni "m'ingozzo" con tutto quello che mi capita, preferendo i dolci. Tutto questo mi provoca piacere/sollievo nel momento in cui mangio per poi essere "invasa" dai sensi di colpa. Ho paura che ormai tutto cio' sia fuori dal mio controllo e sto "aumentando" di peso con relativo abbassamento dell' autostima. Per fortuna questo viene intervallato da periodi di dieta ma, visto che poi mi abbuffo di cioccolata, che non hanno alcun risultato. I motivi che mi spingono a mangiare sono tanti, e sono dovuti a tristezza, ma il piu' delle volte è fame nervosa. Vorrei profondamente una relazione affettiva stabile, qualcuno "su cui poter contare" ....sono disperatamente alla ricerca della "vera Stefania", quella di un tempo, magra e con tanta voglia di divertirsi, sia nel rapporto di coppia che con gli amici...non riesco piu' a trovarla! I motivi di questo mio stress sono: cambio di citta'; perdita di un genitore (anche se ormai sono trascorsi un po di anni); e infine mancanza di un rapporto affettivo serio, stabile. Spero che tutto questo finisca presto, desidero sapere cosa posso fare, se posso uscirne da sola o se sono arrivata a un punto "di non ritorno" in cui serve un aiuto esterno. Vi ringrazio gia' da ora per la risposta che mi darete. Vi porgo i miei saluti.

Cara stefania, il disturbo che la affligge si chiama bulimia e oggi, purtroppo, è davvero molto diffuso tra le giovani donne, ma forza!, non esiste un punto di non ritorno, la strada per guarire e liberarsi di questo problema è chiedere l'aiuto di uno psicoterapeuta, che la aiuti a capire il vero motivo di sofferenza per poi, insieme, cercare di affrontarlo e risolverlo. Purtroppo è molto difficile fare tutto da soli in questo campo, come quando si ha una malattia organica si chiede aiuto al medico, in questo caso si chiede aiuto a un terapeuta specializzato in disturbi del comportamento alimentare, senza vergogna. Presso gli ospedali esistono molti centri per il trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare che funzionano in genere molto bene.
Mangiare qualcosa che piace molto è il modo istintivo più diffuso per trovare una gratificazione in un momento difficile, quando però questa naturale forma di consolazione smette di essere occasionale e diventa un'abitudine e poi una schiavitù, allora è il momento di chiedere aiuto. Le faccio i miei migliori auguri!

( risponde la dott.ssa Camilla Ponti )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Elementi di Diritto per lo psi…

In questo articolo forniremo dettagliatamente alcuni elementi basilari di diritto per lo psicologo clinico che si trovi chiamato ad operare direttamente nel con...

Le parole della Psicologia

Nevrosi

Le nevrosi rappresentano un gruppo di disturbi che coinvolgono la sfera comportamentale, affettivo-emotivo e psicosomatica dell’individuo in assenza di una pato...

Eiaculazione precoce

Può essere definita come la difficoltà o incapacità da parte dell'uomo nell'esercitare il controllo volontario sull'eiaculazione. L’eiaculazione precoce consis...

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

News Letters

0
condivisioni