Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Disturbi alimentari (001703)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 82 volte

Stefania, 28 anni

E' da un bel po' di tempo (ormai sara' un anno) che non riesco piu' a fare una dieta ma ogni 3/4 giorni "m'ingozzo" con tutto quello che mi capita, preferendo i dolci. Tutto questo mi provoca piacere/sollievo nel momento in cui mangio per poi essere "invasa" dai sensi di colpa. Ho paura che ormai tutto cio' sia fuori dal mio controllo e sto "aumentando" di peso con relativo abbassamento dell' autostima. Per fortuna questo viene intervallato da periodi di dieta ma, visto che poi mi abbuffo di cioccolata, che non hanno alcun risultato. I motivi che mi spingono a mangiare sono tanti, e sono dovuti a tristezza, ma il piu' delle volte è fame nervosa. Vorrei profondamente una relazione affettiva stabile, qualcuno "su cui poter contare" ....sono disperatamente alla ricerca della "vera Stefania", quella di un tempo, magra e con tanta voglia di divertirsi, sia nel rapporto di coppia che con gli amici...non riesco piu' a trovarla! I motivi di questo mio stress sono: cambio di citta'; perdita di un genitore (anche se ormai sono trascorsi un po di anni); e infine mancanza di un rapporto affettivo serio, stabile. Spero che tutto questo finisca presto, desidero sapere cosa posso fare, se posso uscirne da sola o se sono arrivata a un punto "di non ritorno" in cui serve un aiuto esterno. Vi ringrazio gia' da ora per la risposta che mi darete. Vi porgo i miei saluti.

Cara stefania, il disturbo che la affligge si chiama bulimia e oggi, purtroppo, è davvero molto diffuso tra le giovani donne, ma forza!, non esiste un punto di non ritorno, la strada per guarire e liberarsi di questo problema è chiedere l'aiuto di uno psicoterapeuta, che la aiuti a capire il vero motivo di sofferenza per poi, insieme, cercare di affrontarlo e risolverlo. Purtroppo è molto difficile fare tutto da soli in questo campo, come quando si ha una malattia organica si chiede aiuto al medico, in questo caso si chiede aiuto a un terapeuta specializzato in disturbi del comportamento alimentare, senza vergogna. Presso gli ospedali esistono molti centri per il trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare che funzionano in genere molto bene.
Mangiare qualcosa che piace molto è il modo istintivo più diffuso per trovare una gratificazione in un momento difficile, quando però questa naturale forma di consolazione smette di essere occasionale e diventa un'abitudine e poi una schiavitù, allora è il momento di chiedere aiuto. Le faccio i miei migliori auguri!

( risponde la dott.ssa Camilla Ponti )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

La Comunicazione

La comunicazione (dal latino cum = con, e munire = legare, costruire e dal latino communico = mettere in comune, far partecipe) nella sua prima definizione è l...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Intelligenza Emotiva

"Si tratta delle capacità di motivare se stessi e di persistere nel perseguire un obiettivo nonostante le frustazioni; di controllare gli impulsi e rimandare la...

News Letters