Pubblicità

Disturbi alimentari (001703)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 115 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Stefania, 28 anni

E' da un bel po' di tempo (ormai sara' un anno) che non riesco piu' a fare una dieta ma ogni 3/4 giorni "m'ingozzo" con tutto quello che mi capita, preferendo i dolci. Tutto questo mi provoca piacere/sollievo nel momento in cui mangio per poi essere "invasa" dai sensi di colpa. Ho paura che ormai tutto cio' sia fuori dal mio controllo e sto "aumentando" di peso con relativo abbassamento dell' autostima. Per fortuna questo viene intervallato da periodi di dieta ma, visto che poi mi abbuffo di cioccolata, che non hanno alcun risultato. I motivi che mi spingono a mangiare sono tanti, e sono dovuti a tristezza, ma il piu' delle volte è fame nervosa. Vorrei profondamente una relazione affettiva stabile, qualcuno "su cui poter contare" ....sono disperatamente alla ricerca della "vera Stefania", quella di un tempo, magra e con tanta voglia di divertirsi, sia nel rapporto di coppia che con gli amici...non riesco piu' a trovarla! I motivi di questo mio stress sono: cambio di citta'; perdita di un genitore (anche se ormai sono trascorsi un po di anni); e infine mancanza di un rapporto affettivo serio, stabile. Spero che tutto questo finisca presto, desidero sapere cosa posso fare, se posso uscirne da sola o se sono arrivata a un punto "di non ritorno" in cui serve un aiuto esterno. Vi ringrazio gia' da ora per la risposta che mi darete. Vi porgo i miei saluti.

Cara stefania, il disturbo che la affligge si chiama bulimia e oggi, purtroppo, è davvero molto diffuso tra le giovani donne, ma forza!, non esiste un punto di non ritorno, la strada per guarire e liberarsi di questo problema è chiedere l'aiuto di uno psicoterapeuta, che la aiuti a capire il vero motivo di sofferenza per poi, insieme, cercare di affrontarlo e risolverlo. Purtroppo è molto difficile fare tutto da soli in questo campo, come quando si ha una malattia organica si chiede aiuto al medico, in questo caso si chiede aiuto a un terapeuta specializzato in disturbi del comportamento alimentare, senza vergogna. Presso gli ospedali esistono molti centri per il trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare che funzionano in genere molto bene.
Mangiare qualcosa che piace molto è il modo istintivo più diffuso per trovare una gratificazione in un momento difficile, quando però questa naturale forma di consolazione smette di essere occasionale e diventa un'abitudine e poi una schiavitù, allora è il momento di chiedere aiuto. Le faccio i miei migliori auguri!

( risponde la dott.ssa Camilla Ponti )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia ingestibile (15442947529…

Sofia, 17     E' da un anno che la mia vita non é più come era prima. a causa del tanto stress provocato probabilmente dalla scuola e dalla famig...

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Patografia

Ricostruzione delle patologie psichiche di personaggi celebri fondate sulle informazioni biografiche e sull’esame delle loro opere. La patografia è l' “autob...

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

Sindrome da Alienazione Parent…

La Sindrome da Alienazione Parentale (PAS) è un disturbo che insorge quasi esclusivamente durante la fase di separazione o divorzio ed aumenta quando si verific...

News Letters

0
condivisioni