Pubblicità

Disturbi alimentari (003900)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 100 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Silvia, 19 anni

Sono perfettamente consapevole di avere un problema alimentare,ma con tutta la mia buona volontà non riesco a risolverlo. Cerco di seguire un'alimentazione corretta, ma appena sono sola e nessuno mi può vedere vado al frigorifero e mangio di tutto, anche cose che normalmente non mi piacciono fino a non poterne piu'...Sono circa due anni che vado avanti così e non ne posso più...Vorrei tanto avere un buon consiglio per smettere di comportarmi come una cretina...Per favore....Grazie....

Cara Silvia, fai bene a dire che non ce la fai più. Bene è ora di farsi dare una mano seriamente per liberarsi da questa schiavitù del frigorifero! Dunque, come avrai letto sicuramente tra le altre mie risposte, io consiglio sempre il centro specializzato in trattamento dei DCA che ha sede nel reparto di dietologia di un ospedale pubblico importante della tua città (se è difficile trovarlo puoi chiamare il numero verde della sanità della tua città, o della regione, e chiedere un riferimento per i disturbi alimentari presso un qualunque reparto di dietologia).
Il costo del trattamento è quello del ticket, e a seconda della gravità della situazione gli incontri saranno più o meno numerosi. Questo è il modo più serio, professionale ed economico che esiste attualmente. Non è da molto che questi centri sono diventati così efficienti, prima, qualche anno fa, le pazienti erano molte meno, o chiedevano meno aiuto. Adesso sono veramente tante, e l'unico modo per uscire davvero da questa malattia è curarsi con coraggio. Non tirare in lungo, più tempo passa più sarà difficile, perchè questa abitudine che hai diventerà sempre più irrinunciabile, fino a sottrarti sempre più tempo, togliendolo alla tua vita. Hai fatto il primo passo scrivendo questa lettera, ora vai avanti! Poi fammi sapere se l'hai trovato, se no te lo cerco io, basta che mi dici la città. Ciao.

( risponde la dott.ssa Camilla Ponti )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia ingestibile (15442947529…

Sofia, 17     E' da un anno che la mia vita non é più come era prima. a causa del tanto stress provocato probabilmente dalla scuola e dalla famig...

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Sentimento

Il sentimento è quella risonanza affettiva, meno intensa della passione e più duratura dell’emozione, con cui il soggetto vive i suoi stati soggettivi e gli asp...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Feticismo

Il feticismo è una fissazione su una parte del corpo o su un oggetto, con un bisogno di utilizzarlo per ricavare delle gratificazioni psicosessuali. ...

News Letters

0
condivisioni