Pubblicità

Disturbi alimentari (003900)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 106 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Silvia, 19 anni

Sono perfettamente consapevole di avere un problema alimentare,ma con tutta la mia buona volontà non riesco a risolverlo. Cerco di seguire un'alimentazione corretta, ma appena sono sola e nessuno mi può vedere vado al frigorifero e mangio di tutto, anche cose che normalmente non mi piacciono fino a non poterne piu'...Sono circa due anni che vado avanti così e non ne posso più...Vorrei tanto avere un buon consiglio per smettere di comportarmi come una cretina...Per favore....Grazie....

Cara Silvia, fai bene a dire che non ce la fai più. Bene è ora di farsi dare una mano seriamente per liberarsi da questa schiavitù del frigorifero! Dunque, come avrai letto sicuramente tra le altre mie risposte, io consiglio sempre il centro specializzato in trattamento dei DCA che ha sede nel reparto di dietologia di un ospedale pubblico importante della tua città (se è difficile trovarlo puoi chiamare il numero verde della sanità della tua città, o della regione, e chiedere un riferimento per i disturbi alimentari presso un qualunque reparto di dietologia).
Il costo del trattamento è quello del ticket, e a seconda della gravità della situazione gli incontri saranno più o meno numerosi. Questo è il modo più serio, professionale ed economico che esiste attualmente. Non è da molto che questi centri sono diventati così efficienti, prima, qualche anno fa, le pazienti erano molte meno, o chiedevano meno aiuto. Adesso sono veramente tante, e l'unico modo per uscire davvero da questa malattia è curarsi con coraggio. Non tirare in lungo, più tempo passa più sarà difficile, perchè questa abitudine che hai diventerà sempre più irrinunciabile, fino a sottrarti sempre più tempo, togliendolo alla tua vita. Hai fatto il primo passo scrivendo questa lettera, ora vai avanti! Poi fammi sapere se l'hai trovato, se no te lo cerco io, basta che mi dici la città. Ciao.

( risponde la dott.ssa Camilla Ponti )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Elementi di Diritto per lo psi…

In questo articolo forniremo dettagliatamente alcuni elementi basilari di diritto per lo psicologo clinico che si trovi chiamato ad operare direttamente nel con...

Le parole della Psicologia

dipendenza da shopping

La sindrome da acquisto compulsivo è un disturbo del controllo degli impulsi che indica il bisogno incoercebile di fare compere, anche senza necessità, ed è anc...

Solipsismo

Il solipsismo (dal latino "solus", solo ed "ipse", stesso, quindi "solo se stesso") è un attaccamento patologico al proprio corpo di tipo autistico o narcisisti...

Pedofilia

  Con il termine pedofilia si intende un disturbo della sessualità di tipo parafilico, caratterizzato da intensi e ricorrenti impulsi o fantasie sessuali ...

News Letters

0
condivisioni