Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Disturbi alimentari (010220)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 68 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Luana, 22 anni

Io ho 22 anni e da tempo mi trovo a combattere, periodicamente, col mio peso. Ora peso 40 kg, e direi che per 1.66m sono abbastanza pochi, ma vorrei sapere se è possibile per me guarire. Cioè se potrò mai smettere di sentirmi in colpa quando mangio, smettere di fare esercizio ossessivo fino allo sfinimento. Il fatto è che non ho molto denaro, quindi non mi sono mai potuta permettere un terapeuta (e quindi ho sempre cercato di farcela da sola, ma invano), però vorrei cominciare a stare meglio, perché sono stanca di stare male. Posso guarire?

Cara Luna,
ovviamente la risposta è sì, certo che puoi guarire. E per fare questo, se non hai la possibilità di intraprendere una psicoterapia, potresti iniziare ad informarti (se non l'hai già fatto) sulle tematiche che girano intorno ai disturbi alimentari. Come saprai non si tratta di una "malattia" vera e propria, ma di un disturbo che si esprime attraverso il rapporto con il cibo, la cui origine è da ricercarsi nella psicologia della persona che ne soffre, in particolare nel complesso rapporto che questa persona ha con se stessa e con le proprie insicurezze.
C'è un'immagine di sé conflittuale, che generalmente si è costruita nel tempo, durante la crescita, attraverso le relazioni con i propri genitori ed attraverso le esperienze di vita accumulate. E c'è quasi sempre una incapacità ad accettarsi e a stimarsi così come si è, con le proprie umane debolezze e le proprie umane paure. Di solito chi soffre di questo tipo di disturbi vorrebbe essere altro da quello che è, spesso ha un ideale di forza e di determinazione esasperato, troppo distante dalla verità umana che, ahinoi, è invece ben più limitata e incline a debolezze e contraddizioni.... e paure. E' bene dunque avvicinare ciò che si è a ciò che si vorrebbe essere, ma non negando la prima realtà rispetto alla seconda. Insomma, essere forti significa innanzitutto fare i conti con le proprie debolezze, fare i conti con ciò che si è, nel bene e nel male. Accettare e accettarsi, è un buon presupposto per tentare di migliorarsi e di avvicinarsi ai propri ideali. Altrimenti dentro di noi non può che permanere un eterno conflitto, tra parti che non riescono ad andare daccordo.
Queste sono solo alcune suggestioni, spunti di riflessione sui possibili motivi del tuo disagio. Ma le ragioni possono essere infinite, ed è bene che ognuno le cerchi in se stesso, perchè ogni persona è diversa e ha diversi motivi per stare male e boicottare la propria esistenza. Per questo ti invito a leggere, informarti, cercare dentro di te in quali delle situazioni di cui vieni a conoscenza ti riconosci di più. Cerca di capire, prima di giudicare te stessa.
Tieni conto, comunque, che esistono strutture dove si fa psicoterapia pagando il tiket, nei Centri di Igiene Mentale o nei Consultori, che sono strutture pubbliche. Inoltre molti psicoterapeuti tengono conto delle possibilità dei clienti nel decidere la tariffa. Vedi tu.





( risponde la dott.ssa Elisabetta Corberi)

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Distacco dai genitori (1526380…

Alice, 25     Buongiorno, sono una ragazza di 25 anni che lavora. Ho un fidanzato e per fine anno vorremmo andare a convivere. ...

Sorella cattiva (1525386993641…

Mary, 36     Chiedo un consiglio, come affrontare una situazione che mia sorella, anni 30, ha creato. ...

Crisi di nervi (1525262146654)

LISA, 31     Sono sposata e con una bimba di 3 anni... premetto che con mio marito le cose non sono andate mai molto bene da subito dopo il matri...

Area Professionale

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Obesità e Confine del Sé nel T…

In tutti i disturbi del comportamento alimentare, ed in particolare nell'obesità, troviamo le problematiche relative alla dimensione del dare/avere e del dentro...

Le parole della Psicologia

Disforia di genere

"Per un momento ho dimenticato me stesso, per un momento sono stato solo Lili." The Danish Girl Con il termine Disforia di genere si fa riferimento all’insoddi...

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

News Letters

0
condivisioni