Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Disturbi alimentari (010220)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 56 volte

Luana, 22 anni

Io ho 22 anni e da tempo mi trovo a combattere, periodicamente, col mio peso. Ora peso 40 kg, e direi che per 1.66m sono abbastanza pochi, ma vorrei sapere se è possibile per me guarire. Cioè se potrò mai smettere di sentirmi in colpa quando mangio, smettere di fare esercizio ossessivo fino allo sfinimento. Il fatto è che non ho molto denaro, quindi non mi sono mai potuta permettere un terapeuta (e quindi ho sempre cercato di farcela da sola, ma invano), però vorrei cominciare a stare meglio, perché sono stanca di stare male. Posso guarire?

Cara Luna,
ovviamente la risposta è sì, certo che puoi guarire. E per fare questo, se non hai la possibilità di intraprendere una psicoterapia, potresti iniziare ad informarti (se non l'hai già fatto) sulle tematiche che girano intorno ai disturbi alimentari. Come saprai non si tratta di una "malattia" vera e propria, ma di un disturbo che si esprime attraverso il rapporto con il cibo, la cui origine è da ricercarsi nella psicologia della persona che ne soffre, in particolare nel complesso rapporto che questa persona ha con se stessa e con le proprie insicurezze.
C'è un'immagine di sé conflittuale, che generalmente si è costruita nel tempo, durante la crescita, attraverso le relazioni con i propri genitori ed attraverso le esperienze di vita accumulate. E c'è quasi sempre una incapacità ad accettarsi e a stimarsi così come si è, con le proprie umane debolezze e le proprie umane paure. Di solito chi soffre di questo tipo di disturbi vorrebbe essere altro da quello che è, spesso ha un ideale di forza e di determinazione esasperato, troppo distante dalla verità umana che, ahinoi, è invece ben più limitata e incline a debolezze e contraddizioni.... e paure. E' bene dunque avvicinare ciò che si è a ciò che si vorrebbe essere, ma non negando la prima realtà rispetto alla seconda. Insomma, essere forti significa innanzitutto fare i conti con le proprie debolezze, fare i conti con ciò che si è, nel bene e nel male. Accettare e accettarsi, è un buon presupposto per tentare di migliorarsi e di avvicinarsi ai propri ideali. Altrimenti dentro di noi non può che permanere un eterno conflitto, tra parti che non riescono ad andare daccordo.
Queste sono solo alcune suggestioni, spunti di riflessione sui possibili motivi del tuo disagio. Ma le ragioni possono essere infinite, ed è bene che ognuno le cerchi in se stesso, perchè ogni persona è diversa e ha diversi motivi per stare male e boicottare la propria esistenza. Per questo ti invito a leggere, informarti, cercare dentro di te in quali delle situazioni di cui vieni a conoscenza ti riconosci di più. Cerca di capire, prima di giudicare te stessa.
Tieni conto, comunque, che esistono strutture dove si fa psicoterapia pagando il tiket, nei Centri di Igiene Mentale o nei Consultori, che sono strutture pubbliche. Inoltre molti psicoterapeuti tengono conto delle possibilità dei clienti nel decidere la tariffa. Vedi tu.





( risponde la dott.ssa Elisabetta Corberi)

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Area Professionale

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Le parole della Psicologia

Oggetto

“Lo sviluppo delle relazioni oggettuali è un processo mediante il quale la dipendenza infantile dall’oggetto cede a poco a poco il passo ad una dipendenza matur...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Disturbi di Personalità

Con il termine Personalità si intende l'insieme dei comportamenti di un individuo, il suo modo di percepire se stesso, gli altri e la realtà, il modo di reagire...

News Letters