Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Disturbi alimentari (023695)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 80 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Kiara 19

Salve a tutti, innanzitutto vi riangrazio anticipatamente per il vostro aiuto. Il mio problema cercherò di sintetizzarlo in poche righe....Fino a qualche tempo fa ero una ragazza piena di vita spensierata e non facevo caso al mio fisico un pò in carne...ma dopo un pò di tempo, sarà stata la tv o che vedevo tutte le mie amiche con un fisico perfetto, ho iniziato a fare diete, le più assurde in assoluto. Inizio a dimagrire ma anche la mia forza di volontà diminuiva così dopo 2 o massimo 3 settimane smettevo; riuscivo a mantenere il peso conquistato per 1 una settimana e poi via ad abbuffarsi come non mai. Ingrassavo più di quanto ero prima. Diciamo che dopo una dieta bilanciata non sono più ingrassata per un anno circa; ma da un mese a questa parte per un periodo sono ritornata a vomitare come prima dopo essermi abbuffatta di cioccolato; poi ho smesso di vomitare ma ho continuato a mangiare, mangiare e mangiare.. addirittura mangiavo fino a sette merendine in un pomeriggio e a questi livelli non sono mai arrivata. Ma da lunedì, stanca di tutto questo ho incominciato a non mangiare più niente, perchè mi vedevo con un fisico da vecchia e molto trascurata. Guardarmi allo specchio ora non è più un terrore ma mi sento male con me stessa non ho la forza di continuare non ho la forza neanche nel prendere un qualcosa in mano! La prego mi aiuti lei adesso ho davvero paura a vedere il cibo davanti...naturalmente i miei genitori non sanno niente e non vorrei deluderli anch'io. Grazie

Cara Kiara, perchè non ne parli con i tuoi genitori e chiedi a loro di aiutarti a seguire una dieta bilanciata? Magari potresti chiedere a tua madre di cucinare lei per te i cibi giusti, (carne, pesce, verdure, riso) nella giusta quantità per te, in modo da non sentirti più così sola e in balìa di te stessa davanti al cibo. Se stai attraversando un periodo difficile è giusto chiedere l'appoggio di chi ti ama. I tuoi genitori sapranno certamente sostenerti, in fondo ti conoscono meglio di chiunque altro, e in questi momenti non c'è davvero aiuto più importante. Se poi dovessi renderti conto di aver bisogno di un aiuto di tipo professionale, potresti farti seguire da un dietologo. Non necessariamente questi periodi neri si trasformano in vere e proprie malattie, spesso passano da soli senza lasciare danni così profondi. Per questo motivo non ti consiglio direttamente una psicoterapia, prima utilizza le risorse che hai già vicino a te, parlane!

(risponde la dott.ssa Camilla Ponti )

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di disturbi alimentari per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Gestalt

Con il termine Gestalt si va a designare un importante indirizzo della psicologia moderna, secondo il quale l’esperienza percettiva e per estensione, la vita ps...

Ipercinesia

Nel disturbo ipercinetico si ha la contemporanea presenza di sintomi quali: la breve durata dell’attenzione, distrazione, iperattività e almeno un sintomo di im...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

News Letters

0
condivisioni