Pubblicità

Disturbi alimentari (078352)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 111 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Rosanna, 26 anni

Io sono ossessionata dal cibo, è diventata una vera mania, tutto il mio mondo gira attorno alla bilancia, e al cibo: Sono in un vortice e non riesco ad uscirne. Tutto è iniziato quando avevo 15 anni, una brutta delusione d'amore, (io che sognavo il principe azzurro, invece...) da lì ho iniziato a vedermi grossa tanto da saltare pasti, mangiare si e no due pacchetti di gressini al giorno, o due mele, eliminando tutto ciò che contenesse troppe calorie, saltando pasti ecc...Riuscivo comunque a mantenere un peso giusto, ma sempre troppo a miei occhi.
La tragedia è iniziata quando ho subito dei tentativi di abuso sessuale, che mi hanno completamente portato ad odiare il mio corpo, quindi a non mangiare più, o soltanto cibi lassativi; risultato anoressica. Dopo i vari pianti di mia madre' e lo sguardo disgustato della gente, ho ricominciato a mangiare. Tutto bene per un breve periodo, poi ho iniziato a perdere le misure, ingrassando di un bel pò a causa di altri traumi vissuti. Mangiavo per riempire il vuoto, per nevrosi, per rabbia...insomma l'inverso di prima. Ora diciamo che due chili in meno mi starebbero bene, però non riesco a dimagrire, ho paura che se non mangio divento anoressica, e se mangio divento grossa, insomma ho un continuo conflitto sul mangiare e poi far ginnastica per dimagrire. Sono realmente ossessionata, sembra che il cibo venga prima delle relazioni con gli amici, prima del lavoro, e addirittura prima dello studio Universitario. Come faccio ad uscirne?.

Rosanna, se il rapporto con il cibo ha sostituito gli altri rapporti della tua vita e gli altri interessi sono caduti tutti in secondo piano, credo che faresti bene a rivolgerti ad una psicoterapia per capire quali siano le problematiche psicologiche che stai vivendo al tuo interno e traducendo in cibo e corpo. Inutile che ti dica che alla base delle problematiche col cibo e dell’ossessione rispetto al proprio corpo, c’è sempre una situazione psicologica irrisolta e spesso inascoltata. L’ossessione rispetto al corpo e al cibo serve proprio….diciamo….a coprire le reali sofferenze psichiche interiori, calamitando i propri interessi e le proprie angosce; ma non è nel cibo e nelle diete che risiede la soluzione. La soluzione va cercata all’interno di se, nelle proprie insicurezze, nelle proprie delusioni e illusioni e nella propria incapacità/impossibilità ad esprimere se stessi pienamente. Il corpo è l’involucro esterno che utilizziamo per rivelare agli altri chi siamo. Un cambiamento continuo di questo involucro, una costante attenzione all’involucro, spesso significano un’incertezza se non una gran confusione nello stabilire chi siamo veramente, e una incapacità a far vedere “all’esterno” la nostra verità interna. Allora questa verità interna va prima di tutto ricercata, affrontata ed eventualmente modificata se qualcosa non ci soddisfa. Mai occultata. Questo è il lavoro che credo tu dovresti affrontare, perché non sempre la vita ci regala la serenità, anzi, direi che accade il più delle volte il contrario. La serenità, per non usare un parolone come felicità, a volte bisogna faticare un po’ per trovarla. Ma, credimi, può valerne la pena.

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Wanderlust

È l’impulso irrefrenabile di viaggiare, esplorare e scoprire posti nuovi per ampliare i propri orizzonti Le persone che hanno una voglia perenne di partire, ch...

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig...

Anginofobia

Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratterizzata da una paura intesa di soffocare. Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratt...

News Letters

0
condivisioni