Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Disturbi alimentari (102058)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 53 volte

Marta 21

Sono una ragazza di 21anni. All'età di 17anni ho iniziato a soffrire di anoressia nervosa, pesavo 30kg. Poi ad un certo punto verso i 19anni ho iniziato ad abbuffarmi..fino a raggiungere un peso di 70kg..adesso peso 63kg..voglio dimagrire ma ho paura di ricadere nel tunnel..però mi capita spesso che dopo una settimana di dieta ferrea mi abbuffo di nuovo e prendo un'intera scatola di lassativi...ci sono ancora dentro come posso fare per risolvere questi problemi...in più mi sento uno schifo...non mi piaccio..ho poca autostima, non riesco a trovare neanche un lavoro perchè mi sento una nullità...aiutatemi.. con i ragazzi poi non ci provo neanche.

Marta, ti senti uno schifo, non ti piaci, hai poca autostima......queste sono parte delle cause del tuo problema con il cibo e di conseguenza con il tuo corpo. Non è il tuo corpo a creare insicurezza in te, è il contrario: le tue insicurezze interiori si esprimono attraverso il corpo, si rendono evidenti, palesano le tue paure....e acuiscono il problema. E' bene che tu tenga conto di questo perchè spesso le ragazze come te pensano che il proprio corpo sia indipendente dalla propria anima, che sia il corpo a creare i problemi interiori.....e dunque pensano anche che la soluzione sia nel corpo, e non nella psiche. E invece le tematiche interiori (paure, insicurezze, rapporti familiari, rapporto con la madre, ricerca di amore ecc.) sono sempre alla base di come una persona tratta il cibo e il proprio corpo. E' sul piano psicologico dunque che devi intervenire, se vuoi un reale cambiamento, e duraturo. Ti consiglio di andare da uno psicoterapeuta e di cercare, con lui/lei, cosa ci sia dentro di te che non riesci ad acettare. La comprensione di quello che avviene dentro di noi è la base per avviare il cambiamento nei confronti di se stessi.....e dunque conseguentemente con il cibo. Se la strada della psicoterapia la ritieni impraticabile, cerca di leggere qualcosa sull'argomento e cerca di capire quali siano le tue paure prima di tutto. Confrontati con le persone, non ti chiudere a riccio. Cerca di capire chi sei e cosa fai e perchè lo fai, senza giudicarti, senza squalificarti, semplicemente cercando di capire.

(risponde la dott.ssa Elisabetta Corberi)

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di disturbi alimentari per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

I gruppi Balint

I gruppi Balint iniziarono verso la fine degli anni ’40 quando fu chiesto a Michael e a Enid Balint di fornire ai medici generici una formazione psichiatrica pe...

Demenza Semantica

Con la locuzione demenza semantica o SD (dall'inglese semantic dementia) si fa riferimento ad un particolare tipo di demenza frontotemporale il cui esordio è ca...

Percezione

Tradizionalmente, gli psicologi hanno distinto il modo nel quale noi riceviamo le informazioni dal mondo esterno in due fasi separate: Sensazione: riguarda i...

News Letters