Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Disturbi alimentari (102058)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 70 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Marta 21

Sono una ragazza di 21anni. All'età di 17anni ho iniziato a soffrire di anoressia nervosa, pesavo 30kg. Poi ad un certo punto verso i 19anni ho iniziato ad abbuffarmi..fino a raggiungere un peso di 70kg..adesso peso 63kg..voglio dimagrire ma ho paura di ricadere nel tunnel..però mi capita spesso che dopo una settimana di dieta ferrea mi abbuffo di nuovo e prendo un'intera scatola di lassativi...ci sono ancora dentro come posso fare per risolvere questi problemi...in più mi sento uno schifo...non mi piaccio..ho poca autostima, non riesco a trovare neanche un lavoro perchè mi sento una nullità...aiutatemi.. con i ragazzi poi non ci provo neanche.

Marta, ti senti uno schifo, non ti piaci, hai poca autostima......queste sono parte delle cause del tuo problema con il cibo e di conseguenza con il tuo corpo. Non è il tuo corpo a creare insicurezza in te, è il contrario: le tue insicurezze interiori si esprimono attraverso il corpo, si rendono evidenti, palesano le tue paure....e acuiscono il problema. E' bene che tu tenga conto di questo perchè spesso le ragazze come te pensano che il proprio corpo sia indipendente dalla propria anima, che sia il corpo a creare i problemi interiori.....e dunque pensano anche che la soluzione sia nel corpo, e non nella psiche. E invece le tematiche interiori (paure, insicurezze, rapporti familiari, rapporto con la madre, ricerca di amore ecc.) sono sempre alla base di come una persona tratta il cibo e il proprio corpo. E' sul piano psicologico dunque che devi intervenire, se vuoi un reale cambiamento, e duraturo. Ti consiglio di andare da uno psicoterapeuta e di cercare, con lui/lei, cosa ci sia dentro di te che non riesci ad acettare. La comprensione di quello che avviene dentro di noi è la base per avviare il cambiamento nei confronti di se stessi.....e dunque conseguentemente con il cibo. Se la strada della psicoterapia la ritieni impraticabile, cerca di leggere qualcosa sull'argomento e cerca di capire quali siano le tue paure prima di tutto. Confrontati con le persone, non ti chiudere a riccio. Cerca di capire chi sei e cosa fai e perchè lo fai, senza giudicarti, senza squalificarti, semplicemente cercando di capire.

(risponde la dott.ssa Elisabetta Corberi)

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di disturbi alimentari per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Arredare lo studio di uno psic…

Arredare lo studio di uno psicologo è un impegno importante ai fini della futura professione. Una nuova ricerca, infatti, dimostra che le persone giudicano la q...

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Le parole della Psicologia

Pistantrofobia (paura di fidar…

La pistantrofobia è caratterizzata da una paura irrazionale di costruire una relazione intima e personale con gli altri. Molti di noi hanno sperimentato delusi...

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

News Letters

0
condivisioni