Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Disturbi alimentari (106990)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 61 volte

Francesca 23

Salve, premetto che non sono mai stata grassa, ma ho sempre avuto una corporatura "normale" (157cm x 48-50kg). Quattro anni fa mi sono diplomata ed ho iniziato a lavorare e dopo qualche mese (dicembre 2003) ho avuto un brutto incidente in macchina. Dopo questo fatto per un breve periodo, ho iniziato a mangiare meno, perché non mi andava di mangiare e comunque, lavorando fuori non avevo più la mamma che mi ingozzava e quindi ho perso qualche chilo (157 cm x 46 kg). Poi ho iniziato a fare palestra (io non sono mai stata molto sportiva, anzi sono sempre stata piuttosto pigra), ma non avevo nessun problema particolare con il cibo, anzi mi vedevo e mi sentivo veramente in forma. Poi nella primavera 2004 ho deciso che volevo dimagrire un pò, solo un paio di kg, anche perché in estate sarei andata in vacanza da dei parenti in Sicilia e quindi ho pensato che se perdevo un paio di kg in vacanza avrei potuto mangiare tutto quello che volevo e anche se ingrassavo un pò sarei tornata nel mio peso forma, ma la cosa mi è un pò scappata di mano. Non mangiavo praticamente più niente: dolci, fritti e salumi aboliti, mia mamma mi preparava il pranzo che io spesso buttavo, a cena mi inventavo sempre un sacco di scuse per non mangiare o, comuque, mangiare pochissimo. Così, nel giro di pochi mesi sono arrivata a pesare 39 kg. Io non mi sono mai vista magra, mai. Poi ho iniziato ad avere dei problemi con il ciclo mestruale e nel dicembre 2005 quando sono andata dal ginecologo mi ha detto che doveveo necessariamente mettere su qualche kg. Con enorme sforzo, davvero enorme, e grandi crisi sono arrivata a 42kg. A luglio del 2006 mi sono sposata. I miei problemi con il cibo mi facevano litigare in continuazione con mio marito e il ciclo continuava a non essere presente. Così un giorno ho deciso che dovevo ingrassare. Purtroppo però ho iniziato ad abbuffarmi di schifezze in maniera esagerata ed in poco tempo sono arrivata a 48 kg. So che ora il mio peso è giusto e mi è anche tornato il ciclo, ma mi vedo davvero grossa e, problema vero, alterno periodi in cui mangio in maniera "normale" e periodi in cui non mangio altro che dolci e schifezze varie in quantità veramente esagerata. Non so come fare ad uscirne. Ora non è più una questione di fisico, ho davvero paura di farmi del male con tutte le porcherie che ingurgito (non ho mai vomitato anche se qualche volta ci ho provato). Cosa devo fare? Potete darmi qaualche consiglio, per favore? Grazie mille.

Cara Francesca, dalla tua dettagliata lettera ho potuto effettuare qualche calcolo e, poiché l’Indice di Massa Corporea non tiene conto della quantità di massa grassa rispetto a quella di massa magra, ma fornisce solo un’indicazione generale, possiamo stabilire il tuo peso forma tra i 52 ed i 54 Kg; in linea di massima poi, non dovresti mai pesare meno di 46 Kg, ma questo lo sai già ed il tuo organismo ti ha urlato la stessa cosa con l’amenorrea (la perdita del ciclo mestruale). Ho potuto capire che al momento ci sono due problemi principali che ti affliggono, da una parte ti vedi grossa pur essendo nel tuo peso forma di 48 Kg, dall’altra hai paura che ti faccia male mangiare quantità esagerate di diversi cibi. Per quanto riguarda il primo punto, può darsi che le tue forme siano cambiate a causa dei repentini cambi di peso di questo periodo, ma quello che devi fare è guardare la tua figura nell’insieme, non solo allo specchio ma anche aiutandoti con delle fotografie. Sono certa che in un’immagine d’insieme non vedrai il tuo corpo grasso, forse ci saranno dei punti che non ti piaceranno certo, ma per questo puoi iscriverti in una palestra che può aiutarti a modellare il tuo corpo in modo sano. Per quanto riguarda l’ingurgitare molti cibi ipercalorici…letta così sembra un’abbuffata e, dagli anni ’50 in poi un famoso studio di Keys e colleghi ha dimostrato che le abbuffate dipendono da precedenti periodi di deprivazione alimentare quindi mi chiedo: mangi abbastanza per il tuo metabolismo, quando scrivi che mangi in maniera “normale”? Ti consiglio quindi di contattare un dietista il quale potrà misurare attraverso un apparecchio il tuo indice di massa corporea scomposto in massa magra e massa grassa ed individuare il tuo metabolismo basale che forse, rispetto a quando studiavi, si potrebbe anche essere rallentato. Dopodiché prova a seguire alla lettera le sue indicazioni alimentari. Oltre al dietista ed eventualmente alla palestra o perché no ad un corso in piscina, come psicologa ti consiglio di riappropriarti dei piaceri del cibo, mentre attualmente ho potuto carpire che ti spaventa e preoccupa molto. Se non dovessi farcela da sola e le apprensioni dovessero continuare, contatta immediatamente uno psicologo, meglio se consigliato dal dietista con il quale potrebbe, infatti, lavorare in modo più globale per aiutarti meglio. Ti faccio i miei più sentiti auguri!

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

Pubblicato in data 06/11/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia/bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

cambio generazionale (15083266…

Anna, 50     Buongiorno, ringrazio in anticipo chi potrà aiutarmi ad affrontare il mio problema. Ho 50 anni e da 30 lavoro nell'azienda di famig...

sig (1509381564901)

Antony, 50     Da 5 anni, più o meno nel periodo tra ottobre e gennaio, mia moglie, 48 anni, è come se cambiasse personalità. ...

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Cyberbullismo

Il termine cyberbullismo, o bullismo on-line, indica una nuova forma di bullismo e di molestia che avviene tramite l’uso delle nuove tecnologie: e-mail, blog, c...

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

News Letters