Pubblicità

Disturbi alimentari (107061)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 86 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Anastasia 22

I miei genitori, nonni e zii dicono che rischio l'anoressia, ma secondo me, da essere anoressica ad avere un aspetto decente ci passa un abisso. Solo che loro non ne capiscono la differenza, essendo sempre stati abituati ad una bambina e poi ragazza "paffutella" (mio padre addirittura mi cantava che ero una "bambina fatta a forma di bigné"). Insomma, adesso che ho deciso di mangiare un pò meno, per avere un fisico leggermente più accettabile, sono tutti preoccupati per me. E' vero, c'è stato un periodo (da gennaio a marzo dello scorso anno) in cui mangiavo davvero poco: col fatto che passavo quasi tutte le mie giornate in biblioteca a preparare i miei esami mangiavo per pranzo una mela, o gallette di riso e poi a cena un pò di verdure. Dimagrendo mi sentivo (parlo all'imperfetto perché ora, col fatto che le lezioni e gli esami sono finiti, passando la maggior parte del tempo a casa ho smesso di "poter" dimagrire) più sicura di me e mi sono trovata improvvisamente circondata da tante persone, ho fatto tante amicizie, molti mi dicevano "Quanto sei bella!". Ora però, sono tornata a casa e non posso più stare attenta come prima, perché mia madre passa le sue giornate a cucinare per noi. Il fatto che ora posso guardarmi un pò allo specchio mi fa sentire meglio. E i miei genitori non lo capiscono. Vorrebbero che ricominciassi a "rimpinzarmi", ma non vogliono proprio comprendere che così mi farei solo del male. Io non voglio assolutamente riprendere peso per farli felici! Sì, di questo me ne sento in colpa, non mi piace farli soffrire, ma non so come fare per far capir loro che in realtà io NON SONO ANORESSICA e nemmeno rischio di esserlo. Semplicemente non voglio essere brutta. Chiedo troppo? Vorrei che qualcuno mi desse la conferma che non sono anoressica e, soprattutto, che riuscisse a farglielo capire ai miei. Non lo sono, vero?

Cara Anastasia, è impossibile dirle senza conoscerla un minimo se lei è anoressica o meno. Chi si azzarderebbe a dare una opinione così superficiale? Quello che posso dirle è che dal sentirla raccontare i fatti mi sembra una ragazza consapevole, che non si è “persa” nel desiderio illusorio di dimagrire sempre di più. Ma capisce che da qui a fare una diagnosi ce ne passa. Così come è difficile fare capire a dei genitori preoccupati per la figlia che creano con la loro ansia sensi di colpa in lei. Quello che le consiglio è di andare tutti a fare un consulto da uno psicologo che vi potrà dare delucidazioni in merito. In tal modo tutti sarete soddisfatti, lei avrà la sua risposta ed i suoi genitori anche. Credo che questo possa essere un modo che metta tutti d’accordo. Un saluto.

(risponde la Dott.ssa Anna Maria Casale)

Pubblicato in data 28/01/08

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di anoressia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

Catalessia

Detta anche catalessi, è uno stato patologico, ad esordio improvviso e che si protrae per brevi o lunghi periodi, in cui vi è una sospensione dei movimenti volo...

Pedofilia

  Con il termine pedofilia si intende un disturbo della sessualità di tipo parafilico, caratterizzato da intensi e ricorrenti impulsi o fantasie sessuali ...

News Letters

0
condivisioni