Pubblicità

Disturbi alimentari (107960)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 121 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Daniela 23

Salve, mi chiamo Daniela e da circa 4 anni soffro di fame notturna, mi sveglio la notte e mi dirigo subito in cucina a mangiare specialmente cose dolci quali brioches (una notte, ne ho ingozzate otto), biscotti, gelati, con conseguenza, la mattina, di bruciori di stomaco e spossatezza, perchè non ho riposato bene. Premetto che non ho problemi di linea, sono alta 1.70 x 55 kg, non vomito quello che mangio, faccio pasti abbastanza abbondanti sia a mezzogiorno che la sera (forse più la sera). Non riesco a capire da cosa derivi questo mio problema: ansia?stress? Sono fidanzata da 4 anni e forse tutto è cominciato proprio quattro anni fa, ma con il mio fidanzato va tutto bene, in famiglia anche. I miei e lui sanno di questo mio problema, lui forse un pò si interessa alla cosa, i miei, invece, dicono solo che faccio schifo (ridendo), però non vedono chissà quale grande problema. Mi faccio chiudere persino a chiave in camera la notte, per il periodo che sto chiusa tutto bene, dormo e non mi sveglio; quando invece mi faccio liberare dalla mia stanza ricomincia tutto quanto! Di solito sono orari fissi della notte, è sempre circa la stessa ora. Soffro, indipendentemente da questo, di mal di stomaco, sono pure stata dalla dottoressa e lei mi ha detto che probabilmente mi alzo a mangiare per assorbire i succhi gastrici che il mio stomaco produce, ma io so che c'è qualcosa nel mio cervelletto che non va bene. A settembre comunque andrò a fare una gastroscopia. Vi prego rispondetemi, non so più che fare. Comincio a pensare a delle sedute da uno psicologo, voglio andare a fondo, capire cosa c'è sotto. Grazie!

Cara Daniela, esiste un disturbo che si sta facendo spazio in questi anni fra quelli dell’alimentazione e prende proprio il nome di Night Eating Syndrome (NES), o Sindrome dell'Alimentazione Notturna; si può esserne affetti pure essendo normopeso anche se naturalmente a lungo andare induce o quantomeno favorisce lo sviluppo dell’obesità. Da quello che racconti inoltre, si confermerebbero altri criteri fondamentali per supporre una diagnosi simile. In genere si distinguono 4 classi di mangiatori notturni: quelli compulsivi, quelli ansiosi/agitati, quelli dipendenti e quelli tutto o nulla. Essendo una sindrome particolarmente nuova il trattamento è ancora in via di analisi, ma alcuni testi ed in particolare l’autore Dalle Grave, propone trattamenti mirati ad orientamento cognitivo-comportamentale. Se prima di rivolgerti ad uno psicologo/psicoterapeuta che segua questa corrente, vuoi provare da sola… io ti consiglio di osservare i tuoi pensieri prima di andare a mangiare: se ti dici che non puoi fare a meno di mangiare perché la torta è buona e ne hai bisogno, che devi mangiare perché altrimenti non riesci a dormire o perché non ne puoi fare a meno…prova a gestirli rendendoli meno assolutistici, per esempio: è vero che la torta era buona e che se la mangiassi probabilmente mi calmerei e riuscirei ad addormentarmi meglio, ma posso resistere fino a domattina e fare un’abbondante colazione. Se vedi che non puoi resistere… allora prova ad allungare i tempi: cedi prima dopo mezz’ora, poi dopo un’ora, poi 2 ore e così via fino ad arrivare alla mattina seguente e se qualche volta fallirai, non importa, puoi riprovarci la notte seguente!!

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

Pubblicato in data 22/12/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Soffro di depressione (1546116…

jessica, 22     Ciao mi chiamo Jessica e ho 22 anni, è la prima volta che mi rivolgo a qualcuno. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Transfert

Trasferimento sulla persona dell'analista delle rappresentazioni inconsce proprie del paziente Il termine transfert dal latino “transfĕrre” - &lsqu...

Manierismo

Questo termine sta ad indicare un uso dei mezzi espressivi eccessivo e sovraccarico, cioè una mimica, un comportamento ed un linguaggio privi di naturalezza o s...

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (interno ed este...

News Letters

0
condivisioni